Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Cala il sipario sulla XXVI edizione del Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni

3 settembre 2019

“La vita è un’avventura, rischiala. La vita è pace, costruiscila. La vita è felicità, meritala. La vita è vita, difendila. La Vita è Vita”. Con le parole di Madre Teresa di Calcutta, in un sorprendente finale volto alla speranza e che ha provocato la commozione sincera da parte di una platea gremita di spettatori, Giorgio Pasotti, con il suo spettacolo “Io, Shakespeare e Pirandello” ha concluso il programma della XXVI Edizione del Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni.

A testimoniare il successo di questa edizione - caratterizzata dalle contaminazioni tra i linguaggi artistici - oltre all’attenzione significativa accordataci dai media, va segnalato l’incremento di spettatori, ancora più numerosi malgrado le condizioni meteorologiche spesso avverse. Un bilancio gratificante per un Festival che si attesta tra le rassegne estive più prestigiose d’Italia, per valore culturale e per forza di aggregazione. L’incremento del numero di spettacoli di questa edizione ci ha dato la misura dell’interesse del pubblico, che ha riempito la platea sempre e per tutti gli eventi. Alessio Boni, La Compagnia dei Folli, Vittorio Viviani, Giorgio Pasotti, Guido Zaccagnini con la compagnia di Velia Viti, Monica Fiorentini e i suoi attori (promesse emergenti del territorio), Simone Ruggiero e Ilario Crudetti, gli storytellers Davide Bardi e Paola Balbi, i danzatori di Loredana Parrella, Europa Musica di Renzo Renzi: tutti hanno contribuito a confermare la qualità del programma e l’attenzione a considerare concretamente la possibilità di portare un pubblico di vasto spettro ad apprezzare i contenuti artistici, letterari, storici, filosofici e poetici presenti in ogni spettacolo. Grande è stato l’onore nell’offrire il premio “Anagni Città Teatro” a tre artisti d’eccezione: Paolo Bonacelli, Antonello Fassari e Stefano Reali. Il lavoro di squadra è stato condizione essenziale per la riuscita del Festival, pertanto ringrazio di cuore il Sindaco avv. Daniele Natalia, L’Assessore dott. Carlo Marino e l’Amministrazione Comunale, la dott.ssa Natalina Pofi e l’Ufficio Cultura, il direttore tecnico arch. Peppino Scandorcia e la Pro Loco di Anagni, il prof. Gaetano D’Onofrio, gli operatori, i fotografi, il personale tecnico e le forze dell’ordine per avere, tutti insieme, e insieme al pubblico, contribuito a realizzare un’edizione del Festival memorabile.

foto di copertina di Vincenzo Caperna

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

In concomitanza con gli spettacoli della XXII edizione del Festival del Teatro medievale e rinascimentale, la direzione della Cattedrale di Anagni ha annunciato una speciale apertura serale. Sarà quindi possibile visitare la cripta di San Magno e l'oratorio di San Thomas Becket, fino alle 22:30 (ultimo ingresso ore 22:00). Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere al seguente numero telefonico: 0775728374.
Sarà Giacomo Zito il direttore artistico del Festival del teatro medievale di Anagni edizione 2016. La prima con Simona Pampanelli alla guida dell’assessorato alla cultura della città dei papi. La notizia si è diffusa nel tardo pomeriggio di venerdì 7 aprile, ed è stata confermata in serata dallo stesso assessore. Anagni. Clamoroso ritorno al Festival del teatro medievale. Il direttore artistico sarà Giacomo Zito
Festival del Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni, XXV Edizione: il logo storico diventa un gioiello creato dalle mani dell'artigiano Maurizio Imperia
Il comunicato stampa del Comune di Anagni sulla presentazione della XXII edizione del Festival del Teatro medievale e rinascimentale di Anagni; grazie a Daniela Pesoli. Continua a leggere.
Completiamo il bilancio sul Festival del Teatro Medievale di Anagni con l’opinione del Prof. Gioacchino Giammaria.