Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. “Amleto mi appartiene. Da lì è partito il mio mondo di artista”. L’intervista di Anagnia.com ad Alessio Boni

25 agosto 2019

Dopo lo spettacolo “Tutto il resto è silenzio” Alessio Boni si è concesso ad Anagnia.com per una breve intervista
-Alessio Boni, da dove nasce l’idea di “Tutto il resto è silenzio”?
-Mi appartiene. È una cosa che mi appartiene. Ho fatto questo saggio in accademia con Orazio Costa, il mio maestro, ed il testo originario di Shakespeare dice “Il resto è silenzio”: Amleto lo dice ad Orazio. Da quel “Tutto” è partito il mio mondo di artista.
-Quanto è stato importante nella sua carriera il personaggio di Matteo (il fratello di Luigi Lo Cascio in “La meglio gioventù” di Marco Tullio Giordana, ndr.)?
- E’ stato fondamentale, soprattutto perché mi ha permesso di evitare di fare provini, cosa che auguro a tutti i miei colleghi. Dopo quella performance, le proposte arrivavano senza che dovessi fare sforzi; un cambiamento totale.
-Lei ha sempre incarnato un’immagine di attore che mette insieme talento artistico e tempra morale.
- In parecchi dei miei ruoli sì, anche se non tutti, penso a Tutti pazzi per amore. Forse è il bruciore che ho dentro; mi interessa la dicotomia, il bruciore che mi ispira un personaggio. Scelgo sempre i miei ruoli per istinto, devo sentire un cazzotto nello stomaco.
- Teatro, cinema o fiction?
- Va bene tutto. L’importante è che sia un bel personaggio, una sceneggiatura o un testo teatrale. Mi trovo molto a mio agio a teatro perché sento il palpitare della gente; e tutto questo e diventa una sorta di terapia di gruppo; mi nutro dell’energia dello spettatore
- Lei è anche regista da qualche tempo.
- È una bella esperienza. Diciamo che il cinema mi prende, ma il teatro mi dà quella vita, quella esperienza che poi mi arricchisce.
- Prossimi progetti?
- Torniamo in scena a breve con il Don Chisciotte; poi c’è lo spettacolo “66-67” assieme ad Omar Pedrini; e poi ci sarà la seconda stagione della Compagnia del cigno.
- Grazie Alessio
- Grazie a voi. Ed un saluto a tutti i lettori di Anagnia.com.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Il maltempo che ieri sera, sabato 24 agosto, ha flagellato la città di Anagni e tutta la Ciociaria non ha, per fortuna, bloccato la messa in scena dello spettacolo “Tutto il resto è silenzio”.
Trascorso un mese dalla data della sua elezione, è già tempo di bilanci per il primo cittadino: Fausto Bassetta a 360 gradi in una breve ma significativa intervista inaugura la nuova stagione del nostro quotidiano di informazione non solo locale.
Dal 23 agosto al 1 settembre 2019, con dieci eventi nell’emozionante scenografia medievale di uno dei gioielli del patrimonio artistico italiano ed europeo, torna nel segno della contaminazione uno dei festival più frequentati del centro Italia: il Festival di Teatro Medievale e Rinascimentale di Anagni.
“Molto è stato fatto, ma molto resta ancora da fare”. Questo il bilancio del sindaco Fausto Bassetta nell’intervista che ha rilasciato qualche giorno fa ai microfoni di anagnia.com. Una intervista realizzata per analizzare i primi due anni della amministrazione che ha riportato alla guida della città dei papi il centro-sinistra dopo 13 anni di governo di centro-destra.
Il sindaco di Anagni Fausto Bassetta intervistato dal prof. Paolo Carnevale di Anagnia.com illustra, in pochi minuti, la situazione politica della città a poco più di tre anni dall'inizio del suo mandato. Il video dell'intervista è disponibile in fondo a questa pagina o a questo link di Youtube.