Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni città di artisti: la passione e la pittura di Vincenzo Bonanni, anagnino doc

31 luglio 2019

Anagni è da sempre una città di artisti; ha dato i natali a grandi nomi della pittura e della scultura contemporanea, ma anche ad artisti meno conosciuti e che sicuramente meriterebbero più spazio sulla scena culturale locale.
Uno di questi artisti è il pittore Vincenzo Bonanni, anagnino doc con la passione per la pittura fin da giovane. Il lavoro ha tolto tempo a questa passione, però con la pensione è tornato a dedicarsi a tempo pieno a colori e quadri. Diplomato all’Istituto d’arte di Anagni, Vincenzo Bonanni continua tutt’ora ad essere uno “studente” che ama approfondire ed ampliare le proprie conoscenze sia a livello teorico che a livello tecnico.
Vincenzo Bonanni dipinge esclusivamente ad olio ed il suo stile è permeato dalle intuizioni dei grandi pittori del novecento. Nei suoi quadri, a fronte di un figurativismo “accademico” con le quali vengono rappresentati i soggetti in primo piano, si affianca l’astrattismo dello sfondo in una sorta d’incontro tra la pittura delle scuole e quella delle avanguardie. Dai ritratti ai paesaggi, dai momenti di vita quotidiana alla dimensione onirica del sogno, quello di Bonanni resta uno stile personalissimo che lo rende, sicuramente, uno dei più interessanti artisti attivi sulla scena anagnina.
La pittura di Vincenzo Bonanni nasce come “passione personale” e non è legata agli aspetti commerciali dell’arte, ecco perché, ad oggi, può essere definita come una pittura autentica, legata alla necessità di trasporre sulla tela le proprie più intime sensazioni e visioni senza piegarsi alla dura logica dell’acquisto e del consumo che regolano, purtroppo, il mondo dell’arte contemporanea.
Una figura sicuramente da scoprire quella di Bonanni per tutti gli appassionati, professionisti e non, dell’arte.

Filippo Del Monte

 
 

Anagni città di artisti: la passione e la pittura di Vincenzo Bonanni, anagnino doc

Vai alla Photogallery

TI POTREBBERO INTERESSARE

Sabato 14 maggio prossimo nella Sala della Ragione del palazzo comunale di Anagni alle ore 18.00 si inaugura la sesta edizione della manifestazione culturale "La Fenice. La metafora dell'arte", ideata e diretta dallo scultore anagnino, il Maestro Carlo Tarda. La mostra di pittura, di scultura e d'istallazione ospita artisti locali, napoletani e provenienti da diverse parti della Ciociaria.
E' on-line da qualche giorno il primo singolo del giovanissimo artista anagnino Simone Costa, in arte Simock, realizzato in collaborazione con il filmmaker Fralma, anche lui anagnino. "My own reflection", questo il titolo del singolo, è stato prodotto in collaborazione con un un noto artista romano:
“Uno” è il titolo della mostra d’Arte che si inaugurerà il prossimo 8 settembre alle ore 18.00 nella sala espositiva della mostra permanente intitolata al compianto artista e maestro anagnino Tommaso Gismondi, all'ombra delle absidi della cattedrale di santa Maria Assunta ad Anagni. Ad esporre le proprie opere nella sala ora gestita da Valentina Simionato, nipote del maestro Tommaso, saranno gli artisti Donatella Bianchi e Santino Pompa
Si è spento all'età di 69 anni anni il pittore ed artista Rodolfo Romano, romano di nascita ma anagnino da sempre; autodidatta nel campo della pittura, Romano ha partecipato fin da giovane ad innumerevoli mostre e rassegne d'arte in Anagni e altrove. Riportiamo, di seguito, una breve biografia dell'artista, scritta da Carlo Ribaudo nel suo blog "AnagniArte".
Dal 23 dicembre all'Hernica Saxa è aperta al pubblico la mostra di pittura e di scultura di artisti locali. Proseguendo nella tradizione delle "mostre di Natale", per iniziativa del solerte e validissimo presidente dell'Hernica Saxa dott. Luciano Maio, coadiuvato dall'artista e organizzatore Carlo Tarda, anche il 2016 ha visto la sua bella edizione.