Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Dal Museo "L. Pigorini" di Roma la storia di uno sgurgolano vissuto oltre 5000 anni fa

29 giugno 2019

Con Filippo Del Monte, studente anagnino, e con il dott. Mario Mineo, funzionario del Ministero dei Beni Culturali, scopriamo oggi uno straordinario reperto archeologico rinvenuto nei pressi della stazione ferroviaria di Sgurgola nella seconda metà dell'800 e conservato nel Museo delle Civiltà "L. Pigorini" di Roma. Si tratta della tomba a grotticella, risalente a 5000 anni fa (III millennio a.C.) e appartenente ad un uomo dall'apparente età di circa trent'anni; il dott. Mario Mineo, con dovizia di particolari, ne spiega le origini e ci racconta come è arrivata a Roma.

si ringrazia la direzione del Museo delle Civiltà MPE "L. Pigorini" di Roma e il MiBAC per la cortese disponibilità



Dal Museo "L. Pigorini" di Roma la storia di uno sgurgolano vissuto oltre 5000 anni fa



Dal Museo "L. Pigorini" di Roma la storia di uno sgurgolano vissuto oltre 5000 anni fa

TI POTREBBERO INTERESSARE

Venerdì 27 maggio alle ore 17.00 nella Sala Gregorio IX del Palazzo Bonifacio VIII Federica Colaiacomo, dottore di Ricerca in Archeologia post-classica e direttrice del Museo Archeologico di Segni, parlerà di "Archeologia a 360°: il Museo Archeologico di Segni dai progetti di ricerca alla didattica".
Anagni. Parte la raccolta firme per l'apertura del museo archeologico cittadino; l'archeologo anagnino Guglielmo Viti, promotore dell'iniziativa: "dovrà essere un punto di riferimento per tutti i cittadini"
Ogni giorno da Sgurgola a Roma per allestire un meraviglioso museo a cielo aperto tra Piazza Augusto Imperatore e l’Ara Pacis: la storia di Fausto Delle Chiaie, artista eclettico e uomo straordinario
Interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico a Veroli: il sarcofago di epoca romana rinvenuto nel 1947 spostato nel museo civico archeologico di prossima inaugurazione
Frosinone, il prossimo 4 febbraio la riapertura del cantiere di indagini archeologiche in località Ponte Rio