Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

A Carpineto Romano la seconda edizione del convegno sul Gioacchino Pecci, papa Leone XIII; presenti anche il sindaco di Anagni Daniele Natalia e il sindaco di Carpineto Romano Matteo Battisti

10 aprile 2019

Domani - giovedì 11 aprile - alle ore 17.00 nell'auditorium "Leone XIII" di Carpineto Romano si terrà il secondo convegno nazionale su Vincenzo Gioacchino Raffaele Luigi Pecci, il pontefice nato proprio a Carpineto Romano il 2 marzo del 1810 e asceso al trono di Pietro con il nome di Leone XIII. All'evento presenzieranno, tra gli altri, Claudio Gessi, incaricato Regionale Pastorale Sociale e Lavoro Lazio; Matteo Battisti, Sindaco di Carpineto Romano; Daniele Natalia, Sindaco di Anagni; Mons. Lorenzo Loppa, Vescovo di Anagni-Alatri; Mons. Vincenzo Apicella, Vescovo delegato CEL per la PSL; Quirino Briganti, Presidente Compagnia dei Lepini; il dott. Stefano Marzioli, presidente di BancAnagni. Tutti sono invitati a partecipare.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Sull’ipotesi della chiusura della Presidenza dell’I.C. “Leone XIII” di Carpineto Romano a favore della creazione di un'unica Scuola con Presidenza nel Comune di Segni, Matteo Battisti, Sindaco di Carpineto Romano apparse sulla stampa, dichiara:
Venerdì 6 aprile l'Amministrazione di Carpineto Romano e le classi terze della Scuola Secondaria dell'istituto Comprensivo “Leone XIII”, in occasione del Viaggio della Memoria, hanno visitato il campo di concentramento di Auschwitz e la cittadina di Wadowice. “Bisogna combattere l'indifferenza affinché gli orrori che sono accaduti nel campo di sterminio di Auschwitz non si ripetano “
Inaugurato ufficialmente il nuovo anno scolastico all’Istituto Comprensivo “Leone XIII” di Carpineto Romano con la visita ieri del nuovo Dirigente Scolastico, prof. Adriano Gioè, ai plessi di Carpineto Romano, Gorga e Montelanico. Il prof. Gioè si è incontrato con alcuni genitori, i docenti ed il personale Ata, il sindaco di Gorga Nadia Cipriani e quello di Montelanico Simone Temofonte. Particolarmente commovente è stata la visita nel plesso della scuola dell’infanzia di Gorga all’aula della maestra Maria Manciocco, uccisa nel marzo scorso. Continua a leggere...
Giovedì prossimo 26 maggio, nel teatro comunale di Castelnuovo (TN), si terrà la presentazione del volume "Cetto, chisti so' comme nnu! - 1916-1919: i profughi di Castelnuovo Valsugana a Carpineto Romano", in cui si narra - appunto - della profuganza di numerosi cittadini trentini durante la prima guerra mondiale. Il volume è stato realizzato dalla scuola primaria paritaria "Leone XIII" di Carpineto Romano, dalla scuola primaria statale "Tito Gozzer" di Castelnuovo (Tn) e dall'Istituto Comprensivo "Leone XIII" di Carpineto Romano. Con l'occasione verrà anche presentata la mostra "Vettura profughi pronta", realizzata con pannelli di 100x140 cm raffiguranti la riproduzione delle lettere/cartoline olografe più significative scritte dai profughi durante il soggiorno a Carpineto. La mostra prende il titotlo dalle tre parole scritte dal capostazione di Segni Scalo (oggi Colleferro) in un telegramma al sindaco di Carpineto Romano, per informarlo che i vagoni dei treni per riportare a casa i profughi erano pronti. I pannelli saranno donati al Comune di Castelnuovo assieme alla riproduzione in digitale di tutti i documenti dal sindaco Matteo Battisti e dagli studenti di Carpineto Romano.
In occasione della “Giornata mondiale della memoria” e per il 70° anniversario della apertura dei cancelli del campo di concentramento di Auschwitz, il Comune di Carpineto Romano e l’I.C. “Leone XIII”, in collaborazione con il Museo Civico “La Reggia dei Volsci”, hanno organizzato per il 26 gennaio un momento di studio e riflessione con Emilio Drudi, storico e giornalista de Il Messaggero. “Il ricordo e la ricerca storica” ha detto il Sindaco di Carpineto Romano, Matteo Battisti “sono il cardine sul quale gira la lotta ad ogni forma di discriminazione. La memoria è la nostra arma per un futuro di pace”.