Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Settimana della cultura, dal 5 al 10 marzo musei gratis a Roma

25 febbraio 2019


“I giorni di gratuità nei musei e nei siti archeologici del Mibac aumentano da 12 a 20 per ogni anno solare”. Lo ricorda il ministro Bonisoli annunciando la pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale. “Il decreto – continua il ministro per i Beni e le Attività Culturali – che entrerà in vigore il prossimo 28 febbraio, prevede la conservazione delle prime domeniche di ogni mese da ottobre a marzo, una settimana di ingressi gratuiti che cambierà ogni anno, e che per il 2019 cadrà dal 5 al 10 marzo, e altre otto giornate a disposizione dei singoli direttori che potranno modularle come vorranno nell’arco dell’anno, anche aumentando il numero di giorni, limitando l’ingresso senza biglietto ad alcune fasce orarie fino al raggiungimento di una misura complessiva di otto giornate”.

Bonisoli aggiunge: “Il decreto, come da regolamento già in vigore, conserva le gratuità per tutti i minorenni e per alcune tipologie di studenti e docenti, oltre che per categorie già protette in passato come i portatori di handicap. Inoltre, a meno che non si sia in possesso del requisito per la gratuità, riduce ulteriormente il biglietto ai giovani dai 18 ai 25 anni che pagheranno sempre e soltanto due euro”.

Il nuovo regolamento del Mibac, infatti, prevede venti giorni di gratuità durante l’anno, prima domenica del mese gratuita da ottobre a marzo, una settimana intera senza pagare il biglietto (da martedì a domenica) e otto giorni (anche frazionati) a disposizione dei direttori da utilizzare nel corso dell’anno per ingressi gratuiti. In più un sito online per orientarsi tra i piani dei singoli musei.

Queste le novità introdotte dal Decreto ministeriale firmato dal ministro dei Beni culturali Alberto Bonisoli, in attesa del vaglio degli organi di controllo amministrativo.

"Per il 2019 cadrà dal 5 al 10 marzo, e - ha fatto sapere il ministro - altre otto giornate a disposizione dei singoli direttori che potranno modularle come vorranno nell’arco dell’anno, anche aumentando il numero di giorni, limitando l’ingresso senza biglietto ad alcune fasce orarie fino al raggiungimento di una misura complessiva di otto giornate”

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Nel volume “Mostrare lo spettacolo. Musei e mostre delle Performing Arts” ampio risalto al museo di Serrone, unico in Italia nel suo genere RIFLETTORI PUNTATI SULLA MOSTRA PERMANENTE DEL COSTUME TEATRALE DI SERRONE
Nei giorni scorsi sul conto corrente bancario del Comune di Carpineto Romano è stata versata la somma di euro 410, corrispondenti alla cifra raccolta come donazione libera da parte di cittadini che hanno visitato lo stand "Musei in Piazza", in occasione della Sagra della Caldarrosta che si è tenuta all'inizio di novembre dell'anno scorso e il Museo Civico di Carpineto Romano in questi ultimi mesi. Come da richiesta dei donatori, tale somma sarà destinata esclusivamente all'opera di conservazione delle collezioni museali e, in particolare, dei Cimeli di Papa Leone XIII esposti presso l'ex chiesa di San Nicola. La suddetta cifra andrà in un apposito Capitolo dove confluiranno i fondi raccolti come donazioni libere e/o sponsorizzazioni mirate alla cura e restauro del patrimonio conservato presso il Museo Civico e le sue due sezioni esterne.
Visit (Museum) Grand Tour: è “partita” con successo la prima delle quattro giornate formative riservata ai docenti. La tappa ha toccato la città di Colleferro
Una lettera al ministro per i beni culturali Dario Franceschini. Per sollecitarlo a fare il possibile per affrettare l’apertura del museo archeologico di Anagni. Diventato negli anni simbolo della lunga stagione del centrodestra nella città dei papi, con le sue ripetute inaugurazioni elettorali, e con il suo presente di degrado.
Venerdì 28 ottobre sarà la data che inaugurerà l'edizione 2016 della Sagra della Caldarrosta. L'evento - 28, 29 e 30 ottobre – tipicamente autunnale, renderà un giusto omaggio alla castagna carpinetana, chiudendo, così, la tradizionale celebrazione della caldarrosta dei Monti Lepini. Tre giorni di festa dove cultura, arte e gastronomia caratterizzeranno l'intera manifestazione.