Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

"Lettera alla madre": straordinario affresco della Sicilia della prima meta' del '900; il libro scritto dal prof. Giovanni Stella disponibile nell'edicola di Paola in piazza Cavour

12 gennaio 2019


Il prof. Giovanni Stella, assessore alla Cultura ad Anagni negli anni '90 e creatore del Festival del Teatro medievale e rinascimentale di Anagni, per il 2019, ha inteso sorprenderci con una pubblicazione che lo vede autore, oltre che di apprezzati dipinti, di un testo di narrativa, dal titolo "Lettera alla madre". E' un affresco della Sicilia della prima meta' del '900, Sicilia come metafora, secondo la visione sciasciana. Narra della relazione tra madre e figlia (voce narrante) in un momento di passaggio epocale, a seguito dei sussulti della rivoluzione femminista degli anni '70/80. Si legge tutto di un fiato per l'intensità del vissuto delle due donne, vittime dell'etica cattolica paolina che ha riguardato generazioni e generazioni di donne condannate ad essere madri e spose, solo madri e spose, alla merce' del padre-padrone di turno: padre o marito. Qui è bene fermarsi per non togliere il piacere della lettura a chi vorrà avventurarsi tra le pagine, 142, del libro che si puòtrovare all'edicola di Paola Romei in piazza Cavour, ad Anagni.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Anche "Il volo degli amanti" dell'apprezzato artista anagnino Giovanni Stella alla mostra "Leonardo da Vinci forever e Monna Lisa performance" che si inaugurerà nei prossimi giorni a Torini
Il 9 dicembre, alle ore 18, al Museo MACA di Acri, in provincia di Cosenza, si è inaugurata la mostra "Prospettive del terzo millennio", a cura di Giorgio Di Genova e Enzo Le Pera. Tra gli espositori anche il prof. Giovanni Stella, con il quadro intitolato "Percorsi, trame dell'anima sulla falesia", acrilico su multistrato - cm 80X80. In contemporanea, il Prof. Stella è presente in due mostre prestigiose: al Museo MACA di Acri, come si è detto, e alla Pinacoteca d'Arte Contemporanea di Gaeta, dove si tiene la XXIX edizione del Premio "Porticato Gaetano". Entrambi le mostre resteranno aperte fino al mese di gennaio.
Presenti le Autorità cittadine, il critico d'arte prof. Marcello Carlino e un folto pubblico di appassionati di arti visive, si è inaugurata la XXIX edizione del Premio Portico Gaeatano nella prestigiosa sede della Pinacoteca d'arte Contemporanea di Gaeta. Alla importante manifestazione ha partecipato, su invito, il prof. Giovanni Stella, ben conosciuto nell'ambiente artistico di Gaeta per avere già partecipato a precedenti edizioni dello stesso Premio (XXVII e XXVIII). Il titolo del quadro esposto è "Labirinto" - Cm 130 X 80 - su supporto di alluminio. Un'opera inquietante sul destino dell'uomo nell'intricato percorso labirintico della vita.
Dopo la presentazione nel prestigioso ambito della 74° Mostra d'Arte Cinematografica di Venezia arriva all'Albero delle Meraviglie, l'Officina dell'Arte e dei Mestieri di Acuto, la scrittrice e critico cinematografico Paola Dei per parlarci del suo nuovo libro: "Le città invivibili", bulli ed eroi nella filmografia di Caligari e Mainetti, Efesto editore. Analizzando i personaggi dei celebri film: "Lo chiamavano Jeeg Robot" e "Non essere cattivo", l'autrice, con la collaborazione di esperti,
Sabato 14 maggio, alle ore 17.30, nella sala mescite delle terme Bonifacio VIII si inaugura la mostra di Angelo Zuena, curata da Giovanni Stella. Angelo Zuena è un pittore solitario di Itri, dove vive e lavora con accanimento, senza concedere nulla alle sirene del mercato che, per sua natura, tende a omologare il lavoro degli artisti.