Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Fiuggi ricorda Giovanfrancesco Verghetti, primo sindaco della città, a novanta anni dalla sua scomparsa

18 novembre 2018

Uno straordinario viaggio storico-letterario attraverso gli anni, un omaggio - doveroso - a uno dei padri fondatori della città termale a novanta anni dalla sua scomparsa: Fiuggi dedica un libro a Giovanfrancesco Verghetti, primo sindaco della città grazie al quale avvennero quei straordinari cambiamenti i cui effetti sono ben visibili ancora oggi. A curare la prefazione del libro è stato Pino Pelloni, tra i più attivi promotori culturali della città. L'evento di presentazione è stato curato e promosso dall'assessorato alla Cultura del Comune di Fiuggi, nella persona dell'assessora Marina Tucciarelli.


TI POTREBBERO INTERESSARE

“I giorni del Baubone”: martedì 20 agosto a Fiuggi la presentazione dell'ultimo libro di Pino Pelloni
Fiuggi. Marcello Veneziani a “Libri al Borgo” ospite di Pino Pelloni
Fiuggi. Via alla IX edizione della rassegna culturale “Libri al Borgo”. Ospite della serata è Felice Vinci che presenta il suo “Omero nel Baltico” in compagnia di Pino Pelloni
Martedì 29 settembre (Padiglione Italia, ore 17), presso lo spazio espositivo della Regione Lazio, Pino Pelloni presenterà il suo ultimo libro “Peccati di Gola” (Ethos Edizioni), ospite di Ugo Moro, presidente del Fiuggi Turismo Convention and Visitors Bureau. Cibo ed Eros. Un’accoppiata vincente visto che questo “Peccati di Gola” che lo storico Pino Pelloni ha messo nel piatto in occasione dell’Expo milanese dedicato al tema “Nutrire il pianeta, energia per la vita”, in due mesi di vita è alla seconda ristampa. Argomento intrigante e offerto con una narrazione divertente e divertita.
Sabato 13 agosto, alle ore 21,15 per gli incontri “Libri al Borgo” (Giardino dell'Excelsior, Bar DueP, Via Ernesta Besso, Fiuggi Città) Pino Pelloni presenta lo spettacolo “Pe’fa l’amore a Roma” con Paolo Procaccini, la voce di Luisa Sorci e la musica di Giancarlo Damilano. Si tratta di uno spettacolo dedicato al dialetto romano, alla sua poesia e alle sue canzoni sul tema del’approccio amoroso a Roma dal 1400 ad oggi.