Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Via alla XXIX edizione del premio Portico Gaetano nella prestigiosa sede della Pinacoteca d'arte Contemporanea di Gaeta; tra gli artisti espositori anche il prof. Giovanni Stella, anagnino d'adozione

12 novembre 2017

Presenti le Autorità cittadine, il critico d'arte prof. Marcello Carlino e un folto pubblico di appassionati di arti visive, si è inaugurata la XXIX edizione del Premio Portico Gaetano nella prestigiosa sede della Pinacoteca d'arte Contemporanea di Gaeta. Alla importante manifestazione ha partecipato, su invito, il prof. Giovanni Stella, ben conosciuto nell'ambiente artistico di Gaeta per avere già partecipato a precedenti edizioni dello stesso Premio (XXVII e XXVIII). Il titolo del quadro esposto è "Labirinto" - Cm 130 X 80 - su supporto di alluminio. Un'opera inquietante sul destino dell'uomo nell'intricato percorso labirintico della vita.


TI POTREBBERO INTERESSARE

"Pictura ut pictura. Pittori russi della Russian Art Academy di Firenze", mostra all-Immagine di piazza Martiri di Nassiriya a Fiuggi Fonte
Sabato 14 maggio, alle ore 17.30, nella sala mescite delle terme Bonifacio VIII si inaugura la mostra di Angelo Zuena, curata da Giovanni Stella. Angelo Zuena è un pittore solitario di Itri, dove vive e lavora con accanimento, senza concedere nulla alle sirene del mercato che, per sua natura, tende a omologare il lavoro degli artisti.
Con la mostra dell'artista romano Patrick Alò, dal titolo "La metamorfosi infinita", prosegue anche per questa stagione espositiva, la felice collaborazione tra l'assessorato alla Cultura del Comune di Fiuggi e il prof. Giovanni Stella, che ha curato l'organizzazione dell'evento. A prender parte all'inaugurazione dell'esposizione che si è tenuta sabato pomeriggio nei locali dell'Officina della Memoria e dell'Immagine a Fiuggi Fonte è stato il pubblico delle grandi occasioni; straordinarie le sculture di Patrick Alò, artista cyberpunk dell'archeologia industriale e del riciclo, innamorato del classicismo: "le sue opere non sono automi, non si muovono - spiega Marco Fabio Apolloni, titolare della Galleria del Laocoonte di Roma - ma suscitano lo stesso divino timore di automi denudati". Spiega, invece, il prof. Giovanni Stella, curatore della mostra: "la bellezza è un assillo costante di Patrick Alò, risorgente tutte le volte ch'egli s'imbatte in un pistone, una catena, una pala, una marmitta, delle lamine di frese postulanti, nella sua immaginazione, un riscatto, un passaggio dallo scarto inerte, inutile, al significante congruo nel recinto dell'Arte. Da queste suggestioni prendono slancio opere come "Chimera". L'esposizione "La metamorfosi infinita" potrà essere visitata fino al prossimo 28 marzo.
Il 9 dicembre, alle ore 18, al Museo MACA di Acri, in provincia di Cosenza, si è inaugurata la mostra "Prospettive del terzo millennio", a cura di Giorgio Di Genova e Enzo Le Pera. Tra gli espositori anche il prof. Giovanni Stella, con il quadro intitolato "Percorsi, trame dell'anima sulla falesia", acrilico su multistrato - cm 80X80. In contemporanea, il Prof. Stella è presente in due mostre prestigiose: al Museo MACA di Acri, come si è detto, e alla Pinacoteca d'Arte Contemporanea di Gaeta, dove si tiene la XXIX edizione del Premio "Porticato Gaetano". Entrambi le mostre resteranno aperte fino al mese di gennaio.
La mostra dell'artista Angelo Zuena ha avuto all'inaugurazione, avvenuta alle ore 17,30 di sabato 14 maggio nella sala delle mescite delle Terme Bonifacio, la meritata attenzione, stante la qualità delle opere che documentano 25 anni di attività febbrile. In effetti si è trattato di una antologica che ha dato conto delle diverse fasi della ricerca artistica del giovane pittore.