Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

L’associazione “Trovautore” presenta Mirko Zilahy, “La forma del buio” edito da Longanesi; la presentazione domenica prossima 9 luglio al caffè “Le Muse” a Fiuggi

3 luglio 2017

L’associazione culturale TrovAutore, che promuove a Fiuggi incontri con i grandi protagonisti del mondo dei libri, è lieta di presentare il nuovo romanzo di Mirko Zilahy, La forma del buio (Longanesi). Per l’associazione quello di Zilahy è un gradito ritorno, infatti La forma del buio arriva dopo appena un anno dal suo fortunato esordio, È così che si uccide, che Mirko Zilahy presentò con notevole successo a Fiuggi l’estate passata. Se nel primo romanzo il tema della giustizia (e dell’ingiustizia) rappresentava il cardine dell’opera, nel secondo è il tema della realtà e del suo doppio a esserne il filo conduttore. “L’idea di La forma del buio è nata da una definizione di Jung che mi ha sempre affascinato, per cui la realtà, al contrario di ciò che comunemente crediamo, è qualcosa di sfuggente, qualcosa che la psiche ricrea continuamente per renderla addomesticabile, digeribile”, scrive l’autore nella nota in coda al romanzo. Questa volta l’antagonista del commissario Enrico Mancini è un serial killer che la stampa ha ribattezzato «lo Scultore» perché compone con le sue vittime delle sculture ispirate alla mitologia classica: il Gruppo del Laocoonte, la Sirena, il Minotauro, la Medusa, il Ciclope. E c’è sempre Roma come coprotagonista e palcoscenico delle vicende del romanzo; e non più tanto quella post-industriale dell’Ostiense di È così che si uccide, ma quella classica della Galleria Borghese, di Villa Torlonia con la Casina delle Civette o più moderna come quella del Giardino Zoologico o del LunEur. Enrico Mancini continua a fare i conti con il proprio passato e precipita in una crisi profonda, che lo porta a isolarsi da tutto e da tutti, quando viene richiamato d’urgenza in servizio per la comparsa dal nuovo, micidiale serial killer che commette omicidi efferati e artistici, e che costringerà Mancini a ricomporre la “squadra” (con l’aggiunta di una storica dell’arte, Alexandra Nigro) e a uscire dal suo “buio” per affrontare una dura e rocambolesca sfida con se stesso e con «lo Scultore». Ne La forma del buio Mirko Zilahy conferma tutte le qualità già mostrate nel suo romanzo d’esordio: sapienza narrativa, eleganza stilistica, straordinaria capacità introspettiva. Appuntamento quindi da non perdere.
L’autore ne parlerà con Pierluigi Barberio e con tutti i presenti,  domenica 9 luglio alle ore 18,00 a Fiuggi presso il Caffè Le Muse (Hotel Villa Igea), in corso Nuova Italia, 15.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Acqua e Terme Fiuggi anche quest’anno ha riproposto nella Fonte Bonifacio VIII la rassegna per appuntamenti “Terme e Società. Il Benessere Termale”, curata da Pierluigi Barberio, che si svolge da luglio a settembre, nell’ambito della quale vengono proposti incontri con scrittori, giornalisti, esponenti della cultura, della politica e dello sport. Questa rassegna intende volutamente spaziare tra settori diversi con l’obiettivo di affrontare temi di attualità e della cultura di ampio respiro.

"Senza fine": l’ultimo amore, quello meraviglioso. La recensione a cura di Pierluigi Barberio

Il libro sarà presentato domenica 16 dicembre al Club House Golf Fiuggi
"Senza fine": l’ultimo amore, quello meraviglioso. Il libro di Gabriele Romagnoli sarà presentato domenica 16 dicembre al Club House Golf Fiuggi ; la recensione di Pierluigi Barberio "Senza fine": l’ultimo amore, quello meraviglioso. La recensione a cura di Pierluigi Barberio Gabriele Romagnoli, Senza fine, Feltrinelli L’ultimo amore, quello meraviglioso di Pierluigi Barberio
“I giorni del Baubone”: martedì 20 agosto a Fiuggi la presentazione dell'ultimo libro di Pino Pelloni
Fin qui, e non oltre. Quando Davide e Giampiero iniziano a parlare davanti a una bottiglia di grappa e a un camino crepitante avviene un incantesimo: si apre la finestra dei ricordi di Davide, che inizia a raccontare la sua storia, una storia antica che risale la corrente del tempo.
Questo pomeriggio - domenica sei marzo - alle ore 17 in punto nella sala delle conferenze della biblioteca comunale "A. Labriola" in via G. Garibaldi ad Anagni si terrà la presentazione del libro "Incontri culturali", scritto dal prof. Enrico Fanciulli. L'evento è organizzato dal Gruppo Culturale Anagnino, di cui è presidente il prof. Ludovico Quattrocchi. Tutti sono invitati a partecipare.