Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Collepardo. "Lo racconteremo ai nostri figli" è il titolo della conferenza organizzata dall'assessorato alla Cultura per ricordare la seconda Guerra mondiale

3 maggio 2015

Non è il titolo di un film ma è l’incontro di testimonianze e riflessioni che l’Assessore alla cultura del Comune di Collepardo ha organizzato nei giorni scorsi in occasione delle celebrazioni per il 70° anniversario della fine della seconda guerra mondiale.
L’ incontro - realizzato con il contributo della Regione Lazio – ha avuto luogo nella sala consiliare “La Rocca” ed è stato presieduto dal sindaco dr. Mauro Bussiglieri, che ha rivolto il suo saluto agli intervenuti e ha ringraziato gli organizzatori ed i relatori.

Ha preso per primo la parola Giovanni Morsillo, responsabile provinciale dell’ A.N.P.I., il quale ha messo in risalto i valori sui quali si è basato il movimento resistenziale ed ha rilevato l’ interesse agli stessi specialmente da parte dei giovani.
E’ seguito Carlo Costantini, presidente provinciale dell’ Ass. Naz.le Partigiani Cristiani, il quale dopo aver rilevato che la Resistenza in Ciociaria è stato un movimento spontaneo di popolo con l’ apporto dei rappresentanti delle varie forze politiche, dai socialisti, ai democristiani, ai comunisti, ai liberali, ha illustrato particolarmente la partecipazione dei giovani cattolici, del clero e del vescovo di Alatri, mons. Facchini, arrestato a Civita di Collepardo dai soldati tedeschi, e di quello di Anagni.
Ha parlato quindi degli eccidi compiuti dai nazisti nella nostra provincia, soffermandosi sugli episodi che hanno visto l’ uccisione di Cataldi Felice e di Angela Maria Rossi, barbaramente impiccata a Fiuggi. Ha ricordato alla fine i tre giovani fiorentini fucilati al curvone di Frosinone.
Ha preso quindi la parola Roberto Salvatori che ha illustrato il suo libro “Guerra e Resistenza a sud di Roma” relativo agli episodi avvenuti sui monti Prenestini e nell’ Alta valle del Sacco dall’ 8 settembre 1943 al 5 giugno 1944.
Roberto Ornero ha presentato il volume di Maurizio Grande dal titolo “I collepardesi e la guerra dal Risorgimento alla Liberazione” pubblicato dal comune di Collepardo.
La ricercatrice Marilinda Figliozzi ha illustrato le varie fasi dell’ attività del Campo “Le Fraschette” di Alatri dal 1942 al 1976 che, nel periodo bellico, è arrivato ad ospitare fino a 5.000 internati.
Le relazioni sono state seguite con molto interesse dai convenuti alcuni dei quali hanno portato contributo di testimonianza e di ricordi.
Agli stessi è stato fatto omaggio della pubblicazione sul 25 aprile curata dall’ Ass.Naz.Partigiani Cristiani di Frosinone con il contributo della Regione Lazio e del volume sulla Resistenza in Ciociaria del sen. Minnocci.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Risale quasi sicuramente al periodo della seconda Guerra Mondiale il bossolo di proiettile privo dell-effettuazione di alcuni scavi.
Il Secondo Istituto Comprensivo di Ferentino e l-inizio della Prima Guerra Mondiale del 1915/1918 con la manifestazione "Voci dalla Grande Guerra". L-incontro in via G. Marco e con l-inizio della manifestazione presso l'I.I.S. "Martino Filetico".
Ore 10:00 - Piazza Sandro Pertini: Saluti istituzionaliOre 10:30 - Piazza Sandro Pertini: - Premiazione del concorso rivolto alle scuole ‘Alle origini della Resistenza. I partigiani e la conquista della libertà’Ore 11:00 - Piazza Sandro PertiniPresentazione dei libro ‘In conflitto. Generazioni a confronto’. Testimonianze della seconda guerra mondiale’ realizzato dalle classi terze della Scuola Secondaria di primo grado dell-alloro ed esibizione della Banda musicale di Paliano
Si terrà sabato 29 aprile alle ore 17.30 nella sala della Ragione del palazzo comunale di Anagni la presentazione del romanzo storico "L'altra faccia della Luna", scritto da Massimiliano Mancini e illustrato da Roberto Castellucci con la prefazione di Arianna Minichini: una storia d’amore nei tre mesi che hanno cambiato la Seconda Guerra Mondiale e il mondo, dal 25 luglio al 12 settembre 1943.
Enrico Fanciulli ha portato a compimento l'ultimo suo lavoro su Anagni; il libro "Anagni tra pace e guerra" - che verrà presentato domenica prossima 23 settembre alle ore 16.30 nella sala della Ragione del palazzo comunale di Anagni - tratta del periodo bellico relativo alla seconda guerra mondiale, nel quale - tra le varie vicende - Anagni si ritrovò occupata dai tedeschi e fu dichiarata città-ospedale nel retrofronte di Cassino. Tra i fatti degni di nota di quel periodo ce ne sono alcuni sui quali è calato un velo e sono poco affatto conosciuti. L'autore li ha evidenziati integrando le conoscenze che si hanno della città che non è ricca solo di storia antica ma anche di interessanti accadimenti di storia contemporanea.