Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Supino. Si reca in tabaccheria per farsi accreditare 350 euro sulla propria carta postepay esibendo i documenti della defunta suocera poi, al momento di pagare, finge un improvviso malore: arrestata 55enne di Torrice

24 agosto 2019

Nella giornata di ieri, a Supino, il personale del locale Comando Stazione Carabinieri ha tratto in arresto una 55enne residente a Torrice (già gravata da analoghe vicende penali) poiché colta nella flagranza dei reati di truffa e sostituzione di persona.
I Carabinieri, giunti sul posto dopo la segnalazione di alcuni avventori, sono intervenuti in un bar tabacchi di Supino sorprendendo la donna che, dopo aver esibito documenti falsi appartenenti alla defunta suocera, si faceva prima ricaricare la propria carta postepay con una somma di euro 350 e, subito dopo, inscenando un improvviso malore, non provvedeva al relativo pagamento della somma accreditata.  L’arrestata, ad espletate formalità di rito e per come disposto dalla competente Autorità Giudiziaria, è stata accompagnata presso la sua abitazione, in attesa dell’udienza del rito direttissimo. Inoltre, nei confronti della donna, ricorrendone i presupposti di legge, verrà inoltrata la proposta per l’applicazione di idonea misura di prevenzione.


TI POTREBBERO INTERESSARE

In maniera truffaldina si fa accreditare 1000 euro sulla carta postepay a lei intestata: 52enne residente in provincia di Roma denunciata dai Carabinieri della stazione di Supino
Truffe on-line tramite Facebook: denunciata una 42enne di Ferentino. Si faceva accreditare denaro sulla sua postepay ma poi spariva nel nulla Nella giornata di ieri, ad Alatri, i militari della locale Stazione Carabinieri, al termine di un’attività info investigativa intrapresa a seguito di una denuncia per truffa on-line sporta il 9 maggio scorso da una 36enne del luogo, hanno denunciato in stato di libertà una 42enne di Ferentino, per il reato di truffa. I Carabinieri hanno accertato che la donna postava sul social-network facebook un annuncio inerente il commercio di tute da uomo al prezzo di euro 50, accordandosi per la vendita delle stesse con la querelante. La 42enne ricevuto in accredito il pagamento su postepay, si rendeva irreperibile senza che la merce venisse consegnata all’acquirente.
Vende un paio di scarpe ad una anagnina tramite Facebook facendosi accreditare l'importo sulla sua postepay ma poi si rifiuta di inviargliele: denunciata una ventenne romana
Veroli. Padre punta il dito contro il figlio 31enne: "mi ha rubato 150 euro e ha effettuato prelievi dalla mia postepay"; denunciato dai Carabinieri
Nella giornata di ieri, a Fiuggi, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di attività investigativa, hanno denunciato in stato di libertà tre persone, tutte residenti a Taranto; si tratta di una donna 49enne e due uomini rispettivamente di 32 e 27 anni (già censiti per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti) per il reato di tentata truffa.