Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Aggredisce la moglie alla presenza del figlioletto che, disperato, chiama il 112: 47enne pigliese arrestato dai Carabinieri della locale stazione

14 agosto 2019

Questa mattina a Piglio, i militari della locale Stazione, nel corso di servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto per maltrattamenti in famiglia continuati e porto abusivo di armi o oggetti atti ad offendere un 47enne del posto, già censito per reati inerenti gli stupefacenti, lesioni personali e guida in stato di ebrezza alcolica e sotto l’effetto di stupefacenti.
In particolare l’uomo in stato di alterazione psico-fisica dovuta probabilmente all’uso alcool o stupefacenti, per futili motivi aggrediva la moglie alla presenza di suo figlio, il quale riusciva a contattare telefonicamente il numero unico 112 chiedendo aiuto. I militari immediatamente si portavano sul posto sorprendendo l’uomo mentre si stava allontanando con proprio veicolo dall’abitazione. La successiva  perquisizione ha permesso di rinvenire nell’autovettura un grosso coltello da cucina con lama di cm 20, che veniva posto in sequestro. La moglie in seguito formalizzava una denuncia per i fatti accaduti nella quale dichiarava che nel passato aveva già subito maltrattamenti e percosse, ma che non aveva mai provveduto a denunciarli né a ricorrere alle cure sanitarie. L’arrestato al termine delle formalità di rito veniva tradotto presso le camere di sicurezza della caserma a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Evade dagli arresti domiciliari, 25enne rumeno residente ad Alatri tratto in arresto dai Carabinieri; il giovane è già censito per reati legati agli stupefacenti, lesioni, minacce e maltrattamenti in famiglia
Un 32enne di Morolo, già censito per maltrattamenti in famiglia, percosse e danneggiamento è stato denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della stazione di Morolo per maltrattamenti in famiglia continuati e violazione del divieto di avvicinamento. I militari - a seguito di indagini - hanno raccolto univoci e concordanti elementi di colpevolezza nei confronti del giovane che, la scorsa notte, in evidente stato di alterazione psico-fisica si recava presso l’abitazione dei genitori, ingiuriandoli, minacciandoli e danneggiando anche delle suppellettili. Al 32enne, già tratto in arresto lo scorso 26 giugno 2019 per maltrattamenti in famiglia sempre nei confronti dei genitori, l’Autorità Giudiziaria aveva imposto di non avvicinarsi presso la loro abitazione.
I Carabinieri della stazione di Morolo hanno tratto in arresto, nel pomeriggio di oggi, S.P., 32enne di Morolo, già censito per analoghi reati, percosse e danneggiamento; l'uomo è stato fermato a Frosinone ed è accusato di di maltrattamenti in famiglia continuati.
Continua a dare il tormento all'ex moglie: i Carabinieri di Paliano traggono in arresto 54enne del luogo già gravato da vicende penali per maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e minaccia
Un uomo di nazionalità rumena è stato tratto in arresto, questa mattina, dai Carabinieri della stazione di Ferentino coordinati dal mar. Raffaele Alborino; l'accusa, per lui, è di maltrattamenti in famiglia. L'uomo, già da tempo separato dalla moglie, durante un incontro le si è scagliato contro malmenandola e lasciandola a terra dolorante. Sul posto sono immediatamente intervenuti i militari ferentinesi che hanno tratto in arresto l'uomo, non nuovo ad episodi del genere.