Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Ruba un hover-board di marca del valore di oltre 200 euro in autogrill: denunciata la moglie/manager di un noto cantante

11 giugno 2019


Gl agenti della Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone hanno eseguito questa mattina un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal G.I.P. del Tribunale di Frosinone nei confronti di Nanda Ovcina, 77 anni, moglie e manager di Gianni Nazzaro cantante assai noto negli anni '70, ritenuta responsabile di un furto avvenuto il 3 maggio scorso all’interno dell’autogrill La Macchia Ovest di Anagni.
Le indagini sono state avviate a seguito del furto di un hoverboard della Ducati Corse, articolo in edizione limitata, esposto nei locali dell’Autogrill, del valore di circa 200 euro.
Lo scooter elettrico era stato asportato da una donna che si era introdotta nel market impossessandosi dell’attrezzo e portandolo all’esterno eludendo i dispositivi antitaccheggio. La stessa donna si era poi introdotta in un’autovettura con due uomini a bordo che la attendevano nel parcheggio esterno dell’autogrill.
Con l’aiuto delle immagini riprese dai sistemi di videosorveglianza dell’area di servizio la Polizia Stradale è riuscita a risalire all’auto con la quale la donna, con precedenti penali specifici si era allontanata lungo l’autostrada in direzione sud, insieme al figlio ed al marito artista, per raggiungere una località della Puglia ove era in programma un’esibizione canora.
La perquisizione dell’abitazione romana della coppia aveva permesso pochi giorni dopo di rinvenire e sequestrare l’hoverboard rubato. La donna si trova ora agli arresti domiciliari e dovrà rispondere di furto aggravato in concorso con il figlio che risulta il proprietario dell’auto utilizzata per allontanarsi dal luogo del furto.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Panico ed agitazione da questa mattina, venerdì 20 novembre, all’autogrill La Macchia Ovest, nel territorio del comune di Anagni.
Ruba all’Autogrill: donna di Napoli bloccata e denunciata dalla Polizia Stradale Nella serata di ieri - sabato 1 aprile - una pattuglia della Polizia Stradale della Sottosezione di Frosinone, durante la normale attività di vigilanza autostradale, riceveva una segnalazione dal COA per furto all’Area di servizio “La Macchia Ovest”, commesso da una donna che si era poi allontanata in direzione di Napoli a bordo di un’autovettura.
Si è trattato di un falso allarme, ma che per almeno un’ora ha tenuto tutti con il fiato sospeso. Si è risolto bene, poco dopo le 14 di oggi, 20 novembre, ad Anagni, lungo la A1, in direzione Napoli, all’interno dell’Autogrill La Macchia ovest, il caos provocato dal pacco sospetto che era stato trovato nella tarda mattinata da due inservienti nella zona interna dell’Autogrill.
Un ferito elitrasportato a Roma in gravi condizioni, e 3 km di coda. Questo il bilancio dell’incidente stradale verificatosi stamattina 9 aprile alle 6.30 lungo l’autostrada in direzione nord, dopo l’autogrill La Macchia, nel territorio di Anagni.
Nella giornata di mercoledì la Sottosezione Polizia Stradale di Frosinone ha sgominato un’altra banda di origine campana, dedita al furto all’interno di autovetture in sosta nelle aree di servizio, dopo gli arresti del dicembre scorso. Due gli uomini arrestati, rispettivamente di 60 e 58 anni, presi in flagrante presso l’area di servizio "La Macchia Ovest", in territorio di Anagni. Stesso modus operandi anche in questo caso, dove ad essere preso di mira è stato il conducente di una Fiat 500 L.