Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ricettazione e resistenza a pubblico ufficiale, i Carabinieri della stazione di Ferentino arrestano due persone

1 giugno 2019

Due persone sono state tratte in arresto ieri dai Carabinieri della stazione di Ferentino coordinati dal mar. Raffaele Alborino; per loro l'accusa è di resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione. I due avrebbero speronato un'auto dei Carabinieri dalle parti di Ceccano; l'indagine, partita qualche mese fa, riguarderebbe la compravendita di parti di ricambio di automobili con il nord-Italia. I dettagli dell'operazione verranno resi noti nel corso della giornata di oggi dal Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone.

Ecco la nota dei Carabinieri:


Nella giornata di ieri a Ceccano i Carabinieri della Stazione di Ferentino, in collaborazione con i colleghi del NORM della Compagnia di Frosinone, nel corso di predisposto servizio, hanno tratto in arresto A.M., 31enne frusinate già censito per reati inerenti stupefacenti e furto, e B.A. 30enne marocchino avvisato orale e già censito per reati contro il patrimonio, calunnia, truffa, anch’esso residente in provincia. I due ponevano in essere diversi tentativi di estorsione nei confronti di un 32enne friulano e di una 31enne moldava per la restituzione di pezzi per auto da competizioni sportive che i due arrestati avevano asportato il 3 maggio scorso a Jesi (Ancona) nel corso della XXVI edizione del Rally dell’Adriatico. I derubati, dopo aver denunciato il furto ai Carabinieri di Jesi, venivano contattati dagli due che chiedevano loro soldi in cambio della restituzione dei pezzi per auto del valore di 15.000 euro. Il 32enne friulano accettava il “cavallo di ritorno” presentandosi in provincia di Bologna, come da accordi con la coppia, ma poi per timore per la sua vita, pur presentandosi all’appuntamento non ha avuto il coraggio di affrontare i malfattori decidendo di non farsi vedere. A questo punto i due individui chiedevano un secondo appuntamento inizialmente a Frosinone e successivamente a Ceccano al malcapitato 32enne friulano che ieri, dopo aver denunciato la richiesta estorsiva di euro 2.500 presso la Stazione Carabinieri di Ferentino si portava a Ceccano al luogo concordato; ad aspettarlo però vi erano i Carabinieri della Stazione di Ferentino e del NORM della Compagnia di Frosinone che intervenivano dopo aver constatato l’avvenuto scambio della merce con il denaro. Alla vista dei militari i due estortori, al fine di eludere il controllo, non ottemperavano all’alt impostogli allontanandosi a forte velocità ma dopo un inseguimento, nel corso del quale tentavano di speronare l’autovettura militare, venivano bloccati ed arrestati per i reati di furto aggravato, resistenza e violenza a pubblico ufficiale, tentata estorsione continuata in concorso. La refurtiva, restituita ai legittimi proprietari, veniva recuperata all’interno dell’auto utilizzata dagli arrestati che, al termine delle formalità di rito, venivano tradotti presso le proprie abitazioni in regime degli arresti domiciliari in attesa rito direttissimo.
 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
E' stato tratto in arresto con l'accusa di evasione dai Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino l'uomo che giovedì pomeriggio invece di trovarsi agli arresti domiciliari come da disposizioni dell'autorità giudiziaria è stato sorpreso dai militari a passeggiare tranquillamente nel centro di Ferentino. L'uomo - del quale non sono state rese note le generalità - era stato arrestato qualche tempo fa per atti persecutori e maltrattamenti in famiglia.
Alle ore 13.00 un Carabiniere della Stazione di Ferentino comandata dal mar. Raffaele Alborino, mentre si trovava libero dal servizio ha notato il 40enne G.T., già censito e agli arresti domiciliari per tentato omicidio in concorso, aggirarsi per le vie del centro. L'uomo è stato fermato dal militare che non avendo dall’uomo alcuna giustificazione circa la sua presenza fuori dalla sua abitazione lo ha dichiarato in arresto per il reato di evasione dagli arresti domiciliari. L’arrestato venerdì mattina sarà processato per rito direttissimo dalla Procura della Repubblica Presso il Tribunale di Frosinone.
Una importante operazione antidroga organizzata su vasta scala ha portato all-operazione è stata portata a termine dai Carabinieri della Compagnia della Città dei Papi agli ordini del cap. Giovanni Camillo Meo in collaborazione con i colleghi della stazione di Ferentino coordinati dal mar. Raffaele Alborino.
Nella notte tra domenica e lunedì a Ferentino, i militari della locale Stazione Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino, in collaborazione con i colleghi di Morolo, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio, hanno tratto in arresto un 37enne di origine magrebina, domiciliato a Ferentino, per furto e violazione di domicilio. Lo straniero, approfittando dell’assenza temporanea del vicino di casa, si è introdotto all’interno dell’abitazione, effettuando un allaccio abusivo al contatore di energia elettrica. L’arrestato veniva trasferito presso la propria abitazione in regime degli arresti domiciliari.