Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Reiterazione del reato di guida senza patente: 56enne di Fiuggi, già noto alle forze dell'Ordine, denunciato in stato di libertà dai Carabinieri della locale stazione

15 maggio 2019

Ieri, a Fiuggi, i militari della locale Stazione hanno denunciato in stato di libertà per reiterazione del reato di guida senza patente un 56enne del posto già censito per lo stesso reato, reati contro la persona e stupefacenti.
I militari, durante un servizio di controllo del territorio e di contrasto alle violazioni delle norme sulla circolazione stradale, hanno sorpreso l'uomo alla guida di un’autovettura, sprovvisto della patente di guida poiché ritiratagli per sanzioni amministrative inerenti gli stupefacenti. L’autovettura è stata sottoposta a sequestro ed affidata al legittimo proprietario.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
Lesioni gravissime ad un'altra donna: in stato di fermo una donna di origini campane, arrestata dai Carabinieri della stazione di Fiuggi
Un 49enne e una ragazza di 27 anni - entrambi residenti a Frosinone - sono stati arrestati dai Carabinieri di Ferentino con l'accusa di furto aggravato. I due, nella notte compresa tra giovedì e venerdì, in concorso tra loro, erano riusciti a rubare da un borsello di proprietà di un noto commerciante di Ferentino la somma di 1050 euro. Intercettati dai militari, i due sono stati tratti in arresto. La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al commerciante. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati trattenuti presso il Comando Compagnia, in attesa del rito direttissimo.
Il personale del locale Comando Stazione dei Carabinieri di Fiuggi, al termine di specifica attività info-investigativa intrapresa e portata a termine a seguito di una denuncia, hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un 35enne ed un 40enne, entrambi residenti a Catanzaro ed entrambi già gravati da specifiche vicende penali poichè resisi responsabili, in concorso tra loro, del reato di truffa aggravata. Secondo le risultanze investigative ottenute dai militari, si è riuscito ad accertare che i due in concorso tra loro ed attuando artifizi e raggiri sono riusciti a farsi accreditare su un conto corrente intestato ad uno di loro, la somma di 190 euro da un 52enne residente poco lontano da Fiuggi quale importo dovuto per l’acquisto on-line di un telefono cellulare di fatto mai consegnato al denunciante.
Ieri, a Paliano, il personale del locale Comando Stazione Carabinieri coordinato dal mar. Damiano Belloni, al termine di specifica attività info-investigativa scaturita da una denuncia-querela presentata da un 38enne residente in provincia di Frosinone, ha denunciato in stato di libertà alla competente autorità giudiziaria un 58enne residente ad Anagni poiché resosi responsabile dei reati di truffa e sostituzione di persona. Le indagini poste in essere dai militari hanno consentito di acquisire univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti dell'anagnino che, con artifizi e raggiri nonché dichiarando una falsa identità, ha indotto il querelante a consegnarli una somma di denaro promettendo un’assunzione per conto di una società telefonica. L’uomo risulta già gravato da vicende penali correlate alla medesima tipologia di reati.