Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Danneggiamento e distruzione di elementi dell'arredo urbano nel centro storico di Paliano: preso e denunciato un operaio 21enne; i Carabinieri sulle tracce dell'altro complice

15 maggio 2019

Il 4 maggio scorso, nel centro storico di Paliano furono danneggiati e distrutti diversi elementi dell’arredo urbano, quali panchine, fioriere e segnaletica stradale.
Le indagini condotte dai Carabinieri della locale Stazione, permettevano di accertare che autori dei fatti erano stati due soggetti, di cui uno veniva identificato in M.L. 21enne operaio del posto, già censito per reati contro il patrimonio, in materia di stupefacenti ed avvisato orale. Il giovane veniva quindi deferito in stato di libertà per “danneggiamento aggravato in concorso”, mentre proseguono le indagini per identificare l’altro responsabile.
"La notizia della denuncia di uno dei due responsabili dei gravi danneggiamenti nel centro storico della città ci convince, se ce ne fosse stato bisogno, dell’importanza di un’azione sinergica tra le forze dell’ordine e i cittadini che hanno a cuore il loro paese - fa sapere il sindaco di Paliano Domenico Alfieri - voglio, quindi, ringraziare l’Arma dei carabinieri, e in particolare i militari della caserma di Paliano, per il lavoro e le indagini svolte affinché si potesse risalire ai responsabili di quanto accaduto lo scorso 4 maggio. Nel contempo, voglio esprimere stima e apprezzamento per quei cittadini che hanno collaborato con le forze dell’ordine, fornendo informazioni preziose per individuare i colpevoli. Si tratta, ovviamente, di pochi elementi che non rappresentano affatto i palianesi e mi auguro, quindi, che venga presto identificata anche la seconda persona coinvolta. Il senso civico e il rispetto per luoghi, arredi e oggetti che appartengono alla comunità è e deve restare il sentimento prevalente di chi ha a cuore la propria città, la sicurezza e l’incolumità pubbliche".

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Paliano. I Carabinieri della locale stazione coordinati dal mar. Damiano Belloni scoprono una piantagione di marijuana; è caccia ai responsabili
Non c'è pace per il Parco Naturale de La Selva di Paliano, ancora una volta colpito da un tremendo incendio che ha distrutto decine di ettari di vegetazione; per domarlo si è dovuto faticare non poco. Sul posto, oltre alla squadra della Protezione Civile di Paliano e i volontari provenienti dai vicini Comuni di Olevano Romano, Bellegra, Pisoniano, Guidonia, c'erano anche diverse squadre dei Vigili del Fuoco, gli uomini del Corpo Forestale dello Stato, i Carabinieri della locale stazione agli ordini del mar. Damiano Belloni, la Polizia Municipale e due elicotteri. Splendido ed impagabile il lavoro dei volontari, cui è andato il plauso della cittadinanza intera e del primo cittadino di Paliano Domenico Alfieri.
Due arresti dei Carabinieri della Compagnia di Anagni: a Ferentino, un napoletano ai domiciliari per reati contro il patrimonio; a Paliano gli uomini agli ordini del mar. Damiano Belloni arrestano e portano in carcere un rumeno condannato allo stesso reato
A Paliano, il comandante della Compagnia Carabinieri di Anagni Giovanni Camillo Meo e il comandante della locale Stazione Carabinieri Damiano belloni hanno tenuto una conferenza agli studenti della Scuola Media “Fratelli Beguinot”. L’iniziativa è connessa al protocollo di intesa denominato “Contributi dell’Arma dei Carabinieri alla formazione della cultura della legalità” che il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ha concordato con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca.
Si terranno mercoledì pomeriggio alle ore 15.00 nella chiesa di sant'Andrea le esequie di Adriano Romani, il 54enne di Paliano morto ieri - lunedì 22 maggio - in contrada Verano mentre era intento ad effettuare alcuni lavori di potatura all'interno di un'area di pertinenza di un noto ristorante del posto. Stando ad una prima ricostruzione compiuta dai Carabinieri della stazione di Paliano coordinati dal mar. Damiano Belloni pare che l'uomo, titolare insieme al figlio di una nota impresa di giardinaggio, abbia toccato inavvertitamente i fili dell'alta tensione rimanendo folgorato.