Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Violazioni ambientali. Decreto di sequestro degli impianti produttivi per una società con sede ad Anagni: era priva di regolare Autorizzazione Integrata Ambientale

11 maggio 2019

Gli uomini del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) del Gruppo Carabinieri Forestale di Frosinone ha eseguito nella giornata di ieri un decreto di sequestro degli impianti produttivi di una società sita nel comprensorio industriale di Anagni emesso dal Giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Frosinone, che ha accolto le richieste della competente Procura della Repubblica in relazione a violazioni ambientali.
In particolare i controlli del N.I.P.A.A.F., avvenuti insieme ai tecnici ARPA LAZIO, hanno accertato che l’attività produttiva della società era priva di regolare Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.), così come obbligatoriamente previsto dagli artt. 29 bis e ss. del Codice dell’Ambiente. E' stato inoltre verificato che la gestione delle acque di prima pioggia non ottemperava alla disciplina dettata dal Piano di Tutela delle Acque Regionale. In particolare risultava l’assenza di impianti idonei a convogliare e trattare le acque di prima pioggia dei piazzali dove avvengono le fasi di carico e scarico del materiale oggetto di produzione. Per tali motivi è stato denunciato all’A.G. l’amministratore della società, per aver esercitato l’attività produttiva in assenza di regolare autorizzazione, nonché per la violazione delle norme in tema di raccolta e trattamento delle acque di prima pioggia.
Continuano, dunque, i controlli del N.I.P.A.A.F. di Frosinone e dell’A.G. su tutta la Valle del Sacco, finalizzati a prevenire e reprimere reati ambientali che funestano il territorio già martoriato da un diffuso ed allarmante inquinamento.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Schiume nel fiume Sacco: i Carabinieri Forestali e la Polizia Provinciale di Frosinone mettono sotto sequestro un impianto di trattamento rifiuti ritenuto responsabile dello sversamento
Carabinieri Forestali e Vigili del Fuoco di Fiuggi impegnati, in questi minuti (ore 12.04) nelle operazioni di spegnimento di un vasto incendio che si è sviluppato per cause tuttora in fase di accertamento all'interno della ex Polveriera nei pressi della stazione ferroviaria di Anagni-Fiuggi; le fiamme hanno sprigionato una intensa e scura nube di fumo visibile a chilometri di distanza.
Un brutto incidente si è verificato attorno alle 10.00 di questa mattina al km 66.700 della via Casilina, ad Anagni, a poche centinaia di metri dal famigerato bivio per l'ex stabilimento Winchester; sel sinistro sono rimasti coinvolti due veicoli, una Panda di colore grigio e una Lancia Ypsilon. Sul posto si sono portati oltre ai Carabinieri della stazione di Anagni, anche i Vigili del Fuoco di Fiuggi, il personale dell'Ares 118 e i Carabinieri Forestali; dalle prime informazioni, pare che una ragazza sia rimasta ferita.
La periferia di Anagni come la terra dei fuochi: dati alle fiamme cumuli di rifiuti, nella zona aria irrespirabile. Intervengono i Carabinieri Forestali ma la situazione resta critica
Questa mattina ad Anagni, i Carabinieri della locale Stazione e della Stazione dei Forestali di Fiuggi, nell’ambito di attività info-investigativa volta a contrastare illeciti in materia ambientale, hanno deferito in stato di libertà una 32 enne legale rappresentante di una azienda di smaltimento di rifiuti, resasi responsabile di attività di gestione illecita di rifiuti non autorizzata. In particolare i militari hanno accertato che all’interno della azienda da lei gestita vi era un deposito incontrollato di circa 1000 metri cubi di rifiuti e scarti di lavorazione industriale. Il deposito ed il materiale rinvenuto è stato posto in sequestro.