Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Presunta violenza sessuale su un giovane disabile in un paesino lepino; 35enne iscritto sul registro degli indagati. I Carabinieri, però, vogliono vederci chiaro

7 aprile 2019


Un 35enne residente in un comune dei Monti Lepini è finito sul registro degli indagati, nei giorni scorsi, in quanto sospettato di aver usato violenza nei confronti di un giovane diversamente abile; ad occuparsi delle indagini, nei giorni scorsi, sono stati i Carabinieri della Compagnia di Frosinone che - entrati nell'abitazione dell'uomo - hanno proceduto ad effettuare il sequestro dello smartphone e di una coperta probabilmente utilizzata allo scopo della violenza. Ad accorgersi di quanto stava accadendo sarebbero stati i famigliari del ragazzo, il quale - dopo essersi sentito male ed essere stato accompagnato in ospedale - è stato visitato dai sanitari che si sono accorti di alcune ferite nelle sue parti intime. Per fare piena luce sul caso, i Carabinieri hanno poi posto sotto sequestro alcune paia di mutande e dei pantaloni del presunto violentatore: ciò servirà ad appurare l'eventuale presenza di tracce biologiche del ragazzo. Secondo quanto riferito dal legale del 35enne indagato, il ventenne si sarebbe inventato la storia della violenza per vendicarsi di un prestito negato per l'acquisto di un cd.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Violenza sessuale nei confronti di una 22enne diversamente abile, i lavoratori dell'azienda di TPL GEAF precisano: "un nostro autobus inquadrato da un servizio del TG3 ma noi estranei alla vicenda"
Questa mattina, a Patrica, il personale del Comando Stazione Carabinieri di Supino, unitamente al personale del N.O.R.M. - Aliquota Radiomobile del Comando Compagnia Carabinieri di Frosinone, ha arrestato un 56enne residente nel comune lepino (e già gravato da vicende penali per furto, truffa, lesioni personali, violenza sessuale, violenza privata, ecc.) poiché resosi responsabile dei reati di violenza privata, minaccia aggravata e danneggiamento aggravato.
Violenza sessuale di gruppo ai danni di una ventenne: i Carabinieri del RIS nella villa degli orrori; prelevati reperti biologici considerati utili alle indagini
Tre scosse di terremoto in tre minuti, una di seguito all'altra; tutte di bassa intensità ma avvertite distintamente a Sgurgola, Morolo, Supino, Patrica e nei Comuni viciniori. Fortunatamente nessun danno a cose o a persone, ma solo tanta paura.
Indagano a 360° i Carabinieri della Compagnia di Anagni agli ordini del cap. Giovanni Camillo Meo sulla vicenda relativa alla denuncia presentata da una giovane le cui generalità non sono ancora state rese note che ha affermato di essere stata vittima di una violenza sessuale di gruppo perpetrata la scorsa notte in via di Forma Coperta a Ferentino. Bocche cucite da parte degli inquirenti, Carabinieri e Polizia di Stato, che lamentano - però - una diffusione talmente "impropria" della notizia in questione da parte di alcuni organi di stampa tale da compromettere le indagini tuttora in corso.