Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Fingono di avere avuto un incidente per incassare i soldi dell'assicurazione: un 49enne e un 32enne, entrambi fiuggini, denunciati dai Carabinieri della locale stazione

7 marzo 2019

Nel pomeriggio di ieri, a Fiuggi, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di specifica attività info-investigativa, hanno denunciato in stato di libertà alla competente A.G. due persone del luogo, rispettivamente di 49 e 32 anni (entrambi già censiti inbanca dati per reati contro il patrimonio, la persona e gli stupefacenti), per il reato di tentata truffa in concorso. Sul conto dei due, a seguito di indagini scaturite dalla richiesta di acquisizione di un rapporto di un sinistro stradale da parte di una compagnia di assicurazioni, sono emersi elementi di colpevolezza in ordine al concorso in un tentativo di truffa, al fine di ottenere un risarcimento danni previa simulazione di un sinistro stradale mai avvenuto.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Nella giornata di ieri, a Fiuggi, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di attività investigativa, hanno denunciato in stato di libertà tre persone, tutte residenti a Taranto; si tratta di una donna 49enne e due uomini rispettivamente di 32 e 27 anni (già censiti per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti) per il reato di tentata truffa.
Questa mattina i Carabinieri della stazione di Ferentino hanno tratto in arresto un uomo di 48 anni residente in città, in esecuzione all-uomo deve espiare la pena di un anno e sette mesi di reclusione per truffa. L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato tradotto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.
Il personale del locale Comando Stazione dei Carabinieri di Fiuggi, al termine di specifica attività info-investigativa intrapresa e portata a termine a seguito di una denuncia, hanno deferito in stato di libertà alla competente Autorità Giudiziaria un 35enne ed un 40enne, entrambi residenti a Catanzaro ed entrambi già gravati da specifiche vicende penali poichè resisi responsabili, in concorso tra loro, del reato di truffa aggravata. Secondo le risultanze investigative ottenute dai militari, si è riuscito ad accertare che i due in concorso tra loro ed attuando artifizi e raggiri sono riusciti a farsi accreditare su un conto corrente intestato ad uno di loro, la somma di 190 euro da un 52enne residente poco lontano da Fiuggi quale importo dovuto per l’acquisto on-line di un telefono cellulare di fatto mai consegnato al denunciante.
Ieri pomeriggio, a Paliano, il personale del locale Comando Stazione Carabinieri agli ordini del mar. Damiano Belloni, al termine di specifica attività info-investigativa intrapresa a seguito di una denuncia–querela presentata da un 63enne del luogo, ha denunciato in stato di libertà un 27enne residente a Livorno (già gravato da vicende penali in materia di stupefacenti, truffa e frode informatica) poiché ritenuto responsabile del commesso reato di truffa.
Finito male il tentativo di truffa di un uomo napoletano settantenne con alle spalle numerose vicende giudiziarie, arrestato l’altra sera dai Carabinieri della stazione di Valmontone con l’accusa di truffa aggravata nei confronti del gestore di un bar-tabacchi del centro di Valmontone.