Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colpisce a sangue una barista rompendole un dente e ferendola gravemente senza un valido motivo: 40enne di origini campane arrestata a Fiuggi dai Carabinieri della locale stazione

3 marzo 2019


Lesioni personali aggravate e rilascio di false attestazioni rese a Pubblico Ufficiale sulla propria identità personale: emergono particolari inquietanti sull'arresto operato ieri dai Carabinieri della stazione di Fiuggi agli ordini del mar. Raffaele De Somma, la cui notizia era stata anticipata da anagnia.com in questo articolo; a finire nelle maglie dei militari, una donna 40enne residente in provincia di Napoli, già censita per truffa, false dichiarazioni sull’identità personale e concorso in prostituzione.
La donna, dopo essere entrata in un locale ha chiesto alla barista di telefonare con apparecchio fisso; al termine della conversazione poi, senza motivo, ha scagliato a terra il telefono coordless provocando le lamentele della barista alle quali reagiva andando in escandescenza colpendola, con furia, ripetutamente al volto con pugni ed alla fine con la propria borsa. Solo l’intervento dei militari inviati dalla centrale operativa della Compagnia di Alatri a seguito di telefonata da parte di un avventore del bar, coadiuvati da personale della Polizia Locale, ha consentito di bloccare la prevenuta e porre fine all’aggressione.
La vittima, trasportata presso l’Ospedale Civile di Alatri a mezzo di ambulanza del 118, è stata medicata dai sanitari: al volto varie ferite, tra cui anche la perdita di un dente, nonché trauma della coscia sinistra giudicata guaribile in sette giorni. Espletate le formalità di rito, l’arrestata è stata trattenuta nelle camere di sicurezza della Compagnia in attesa di udienza di convalida dell’arresto. A carico della donna, ricorrendo i presupposti di legge, è stata altresì avanzata la proposta per l’irrogazione della misura di prevenzione del foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel comune di Fiuggi per tre anni.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
Lesioni gravissime ad un'altra donna: in stato di fermo una donna di origini campane, arrestata dai Carabinieri della stazione di Fiuggi
Un 49enne e una ragazza di 27 anni - entrambi residenti a Frosinone - sono stati arrestati dai Carabinieri di Ferentino con l'accusa di furto aggravato. I due, nella notte compresa tra giovedì e venerdì, in concorso tra loro, erano riusciti a rubare da un borsello di proprietà di un noto commerciante di Ferentino la somma di 1050 euro. Intercettati dai militari, i due sono stati tratti in arresto. La refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita al commerciante. Gli arrestati, espletate le formalità di rito, sono stati trattenuti presso il Comando Compagnia, in attesa del rito direttissimo.
Un uomo di nazionalità rumena è stato tratto in arresto, questa mattina, dai Carabinieri della stazione di Ferentino coordinati dal mar. Raffaele Alborino; l'accusa, per lui, è di maltrattamenti in famiglia. L'uomo, già da tempo separato dalla moglie, durante un incontro le si è scagliato contro malmenandola e lasciandola a terra dolorante. Sul posto sono immediatamente intervenuti i militari ferentinesi che hanno tratto in arresto l'uomo, non nuovo ad episodi del genere.
Fiuggi. Avevano cercato di utilizzare una banconota (falsa) da 100 euro in un albergo senza riuscirci. Ci hanno provato un’altra volta; ma stavolta sono stati arrestati. È successo giovedì a Fiuggi. I carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato per spendita e introduzione nello Stato di monete falsificate, un 32enne e una 29enne di Napoli, già noti alle forze dell’ordine. I due, giunti nella città termale a bordo di un’autovettura noleggiata a Napoli, dapprima avevano tentato di spendere una banconota falsa da 100 euro presso un albergo del luogo senza riuscirci.