Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Operazione “FAKe-commerce”: Guardia di Finanza arresta il truffatore on line dei cicloamatori, è un 45enne fiuggino

28 febbraio 2019

Si tratta di un quarantacinquenne disoccupato residente nel Frusinate che ad alcuni raccontava di essere un dipendente delle Poste Italiane mentre con altri si spacciava per affermato operatore nel settore dell’e-commerce. In realtà non era altro che un truffatore abituale, dedito da anni alla perpetrazione di frodi on line. Oltre 70, infatti, sono state negli ultimi 15 anni le querele presentate a suo carico in più parti d’Italia dai truffati, prevalentemente appassionati di ciclismo, ma ad incastrarlo sono stati gli accertamenti eseguiti dai Finanzieri di Castelvetrano a seguito di una di tali querele, presentata da un cicloamatore castelvetranese, Questi, infatti, attratto da un annuncio pubblicato su un noto sito di e-commerce che proponeva l’acquisto di un ciclo-computer, aveva contattato telefonicamente il venditore il quale, presentandosi come un dipendente di Poste Italiane in servizio a Roma, aveva fornito gli estremi di una carta prepagata per effettuare il pagamento, a seguito del quale sarebbe stato spedito il prodotto. Il malcapitato, dopo aver effettuato la ricarica, contattava più volte il venditore per avere notizie sulla spedizione, senza però ottenere indicazioni precise. Stanco delle continue giustificazioni, l’ignaro acquirente inseriva il numero telefonico dell’inserzionista sul motore di ricerca “Google” scoprendo con sorpresa che il recapito era già stato segnalato da numerosi altri cicloamatori, anch’essi truffati dal fantomatico rivenditore di accessori per biciclette. La querela, con l’esito dei preliminari accertamenti, veniva trasmessa alla Procura della Repubblica di Marsala, la quale immediatamente delegava lo svolgimento di puntuali attività d’indagine. Le Fiamme Gialle hanno quindi acquisito i dati relativi all’indirizzo IP utilizzato per l’annuncio apparso su internet nonchè i dati del traffico telefonico e la lista delle movimentazioni finanziarie effettuate dall’autore delle truffe. Attraverso mirati controlli “incrociati” con le società di gambling on line, i Finanzieri hanno ricostruito numerose operazioni finanziarie che non trovavano riscontro con il profilo economico del presunto truffatore, da sempre evasore totale. Le carte prepagate e i conti di gioco on line, infatti, erano costantemente movimentati per decine di migliaia di euro all’anno e immediatamente svuotati. Il modus operandi adottato dal “truffatore dei cicloamatori” era sempre lo stesso: dopo essere stato contattato, trasmetteva gli estremi della carta prepagata sulla quale effettuare il pagamento. Ricevuta la somma dalla vittima, immediatamente trasferiva il denaro su un conto di scommesse on-line a lui riconducibile, sul quale risultano accreditate decine di migliaia di euro all’anno, quasi tutte successivamente prelevate in contanti. Il truffatore, poi, rassicurava la vittima riferendo di avere avuto problemi con lo spedizioniere o, in alcuni casi, che il ritardo era dovuto al malfunzionamento di un fantomatico “moderno” magazzino connesso ad un sistema di commercio elettronico, giustificazioni del tutto false in quanto il furbetto dell’e-commerce non ha mai avuto un centro di stoccaggio. Per tali ragioni, a esito delle complesse attività di polizia giudiziaria, la Tenenza di Castelvetrano lo ha deferito alla Procura della Repubblica di Marsala in quanto responsabile di plurime condotte di Truffa aggravata dalla minorata difesa. Secondo il recente orientamento giurisprudenziale, infatti, la distanza tra il luogo ove si trova la vittima, che paga in anticipo il prezzo del bene venduto, e quello in cui si trova l’agente determina una posizione di maggior favore di quest’ultimo, consentendogli di schermare la sua identità, di non sottoporre il prodotto venduto ad alcun efficace controllo preventivo da parte dell’acquirente e di sottrarsi agevolmente alle conseguenze della propria condotta. Per tali ragioni, l’Autorità Giudiziaria disponeva con urgenza il blocco della carta di debito. Successivamente, il Giudice per le Indagini Preliminari, dietro richiesta del Pubblico Ministero, ordinava l’immediata applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari. Questa mattina, con la collaborazione della Tenenza di Fiuggi, i finanzieri hanno notificato al truffatore seriale il provvedimento restrittivo della libertà personale. Ora l’indagato rischia anche pesanti sanzioni connesse alla tassazione degli ingenti proventi illeciti accumulati con le truffe in rassegna. L’attività di servizio in parola conferma il fondamentale ruolo di polizia economico-finanziaria svolto dalla Guardia di Finanza a tutela del mercato dei beni e servizi, per la salvaguardia del patrimonio di tutti i cittadini.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si sta diffondendo negli ultimi giorni una nuova frode telematica finalizzata ad ottenere informazioni riguardanti la situazione contabile dei destinatari. Attraverso una e-mail, inviata dall’indirizzo di posta elettronica gdf.gov.it@minister.com, che apparentemente risulta riconducibile alla Guardia di Finanza, ignari cittadini vengono invitati,a fronte di una presunta “evasione fiscale”, ad inviare documentazione contabile e fiscale entro 48 ore dalla ricezione della medesima e-mail.
Una nuova frode telematica si sta diffondendo sul web attraverso una e-mail, inviata dall’indirizzo di posta elettronica finanza@gdf.gov.it, cheapparentemente risulta della Guardia di Finanza, per sottrarre somme di denaro ai destinatari. A questi ultimi - perlopiù commercianti ed aziende - viene contestato il mancato pagamento di una somma di denaro (generalmente 500 €) e viene indicato un numero di conto corrente per poter effettuare il versamento dovuto, onde evitare la chiusura dell’attività. L’indirizzo di posta elettronica finanza@gdf.gov.it non è assolutamente un indirizzo istituzionale della Guardia di finanza.
Guardia di Finanza di Frosinone: erano in cassa integrazione ma lavoravano in azienda, cinque persone denunciate per truffa ai danni dello Stato
Esercitava la propria attività di impresa occultando al fisco il reale giro degli affari: a finire nel mirino delle Fiamme Gialle è stata una società del capoluogo, operante nel settore del recupero di materiali metallici, che ha realizzato una frode fiscale per complessivi 5 milioni di euro. L’operazione di servizio, condotta dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Frosinone, è scaturita dalla costante attività di controllo economico del territorio e di ricerca evasori, che ha consentito di individuare una società di capitali attiva nel recupero e commercio di componenti metallici, la quale presentava dichiarazioni fiscali con importi irrisori e assolutamente incongruenti con l’importante giro di affari realizzato.
Questa mattina è stato firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Anagni e la Guardia di Finanza che permetterà alla locale Brigata delle Fiamme Gialle di trasferirsi nell'ex tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il contratto prevede la cessione in comodato d'uso gratuito di locali per venti anni e risolve la difficoltà della Guardia di Finanza di reperire locali adeguati per svolgere un importante servizio per la città. Contestualmente il Comune ottimizza gli spazi dell'ex tribunale, dove già si trova la Polizia Locale, destinato a diventare una cittadella della sicurezza. Il contratto è stato firmato alla presenza del sindaco Fausto Bassetta, del comandante provinciale della Finanza, colonnello Roberto Piccinini, e del comandante della Brigata di Anagni, luogotenente Carlo D'Onorio. I vertici della Guardia di Finanza hanno espresso viva soddisfazione per l'accordo raggiunto con il Comune di Anagni. Sempre questa mattina sono iniziate le operazioni di trasferimento degli uffici.