Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Vende un paio di scarpe ad una anagnina tramite Facebook facendosi accreditare l'importo sulla sua postepay ma poi si rifiuta di inviargliele: denunciata una ventenne romana

4 febbraio 2019

Una 20enne residente nella Capitale, incensurata, è stata denunciata questa mattina alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Frosinone dai Carabinieri del Comando Stazione di Anagni in quanto si è resa responsabile del reato di truffa. I militari, a seguito di indagini avviate dopo una denuncia presentata da una anagnina, sono riusciti a raccogliere univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti della ragazza che, a seguito di annuncio su Facebook, con artifici e raggiri, ha indotto la denunciante ad acquistare un paio di scarpe al prezzo di euro 90 facendosi pagare con una ricarica sulla propria carta Postepay; nonostante l'avvenuto pagamento, però, le scarpe acquistate non venivano mai consegnate.

 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Truffe on-line tramite Facebook: denunciata una 42enne di Ferentino. Si faceva accreditare denaro sulla sua postepay ma poi spariva nel nulla Nella giornata di ieri, ad Alatri, i militari della locale Stazione Carabinieri, al termine di un’attività info investigativa intrapresa a seguito di una denuncia per truffa on-line sporta il 9 maggio scorso da una 36enne del luogo, hanno denunciato in stato di libertà una 42enne di Ferentino, per il reato di truffa. I Carabinieri hanno accertato che la donna postava sul social-network facebook un annuncio inerente il commercio di tute da uomo al prezzo di euro 50, accordandosi per la vendita delle stesse con la querelante. La 42enne ricevuto in accredito il pagamento su postepay, si rendeva irreperibile senza che la merce venisse consegnata all’acquirente.
Nella giornata di ieri, a Fiuggi, i militari della locale Stazione Carabinieri, a conclusione di attività investigativa, hanno denunciato in stato di libertà tre persone, tutte residenti a Taranto; si tratta di una donna 49enne e due uomini rispettivamente di 32 e 27 anni (già censiti per reati contro il patrimonio e gli stupefacenti) per il reato di tentata truffa.
Finito male il tentativo di truffa di un uomo napoletano settantenne con alle spalle numerose vicende giudiziarie, arrestato l’altra sera dai Carabinieri della stazione di Valmontone con l’accusa di truffa aggravata nei confronti del gestore di un bar-tabacchi del centro di Valmontone.
Veroli. Padre punta il dito contro il figlio 31enne: "mi ha rubato 150 euro e ha effettuato prelievi dalla mia postepay"; denunciato dai Carabinieri
Carabinieri in azione a Piglio e a Veroli; due le persone denunciate: una per truffa, l'altra per inosservanza al decreto di espulsione dal territorio nazionale