Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Bustoni colmi di rifiuti di ogni genere abbandonati in una strada poco frequentata di Osteria della Fontana di Anagni: denunciato un pizzaiolo anagnino

4 febbraio 2019


Bottiglie di plastica e di vetro, scarti alimentari, scontrini, biglietti con ordinazioni effettuate dai propri clienti con tanto di relativi numeri di telefono, contenitori di alimenti, scontrini e dettagli d'ordine con tanto di nome, numero di telefono e indirizzo di una pizzeria con sede a Frosinone: non è stato difficile per i Carabinieri della stazione di Anagni coordinati dal mar. Massimo Crescenzi risalire all'autore dell'ennesimo scempio ai danni dell'ambiente, reo di aver abbandonato in una via poco frequentata del periferico quartiere di Osteria della Fontana due buste grandi piene zeppe di rifiuti di ogni genere, ivi compresi quelli che hanno consentito ai militari di risalire al suo nomimativo dopo una breve indagine iniziata proprio con l'apertura da parte degli stessi Carabinieri di quanto contenuto nei sacchi. E' stato così denunciato all'autorità giudiziaria per abbandono di rifiuti un 43enne di Anagni, incensurato e titolare di una pizzeria sita proprio a Frosinone; "nello specifico - si legge in una nota inviata a questa redazione dal comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone - venivano trovati all’interno dei sacchi, oltre ai rifiuti, anche diversi scontrini con l’intestazione del locale commerciale che permettevano inconfutabilmente di addivenire all’identificazione dell’uomo quale autore dell’illecito in argomento e, contestualmente, allo stesso,  veniva intimata l’immediata rimozione dei rifiuti lasciati in stato di abbandono, nonché  la contestuale consegna della documentazione attestante l’avvenuto smaltimento".
Lavoro straordinario, quello portato avanti dai Carabinieri di Anagni, impegnati - tra le altre cose - anche a portare avanti con impegno e meticolosità le attività volte a prevenire i reati ambientali, in particolare nell’identificare soggetti che si rendono autori dell’abbandono di rifiuti in località pubbliche.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Nel corso di mirati servizi di controllo del territorio e contrasto alle violazioni sulle norme per la tutela dell’ambiente, i Carabinieri della stazione di Anagni - coordinati dal mar. Massimo Crescenzi - hanno individuato una discarica abusiva consistente in rifiuti solidi urbani non pericolosi e materiali di risulta. Nella circostanza i militari identificavano un 45enne di Serrone, quale responsabile dell’abbandono di tali rifiuti su un fondo agricolo di proprietà privata. All’uomo veniva contestata la prevista sanzione amministrativa pecuniaria di euro 600, con contestuale intimazione all’immediata bonifica dell’area interessata.
Un 33enne di nazionalità albanese residente ad Anagni è stato denunciato in stato di libertà dai Carabinieri del locale Comando Stazione coordinato dal Mar. Massimo Crescenzi poichè resosi responsabile del reato di attività di gestione di rifiuti non autorizzata. I militari, grazie ad attente e minuziose indagini,
Il sindaco Fausto Bassetta ha disposto un incremento di servizi, da parte della Polizia Locale, per contrastare il fenomeno dell’abbandono dei rifiuti nel territorio anagnino, anche attraverso interventi coordinati con Carabinieri, Guardia di Finanza e Corpo Forestale."L’abbandono dei rifiuti – rileva Bassetta – costituisce pratica di inciviltà e un non lieve danno all’ambiente e al paesaggio. Inoltre, comporta aggravi economici al Comune costretto a programmare appositi interventi di bonifica con costi rilevanti".
Area di 50 metri quadrati destinata a discarica individuata e delimitata dai Carabinieri della stazione di Anagni in via Barone Fontana Ceraso: ora la pulizia e lo smaltimento dei rifiuti sarà a carico della collettività
Anagni. Rifiuti - pericolosi e non - in evidente stato di abbandono stoccati in cumuli in modo promiscuo ed alla rinfusa: scatta il sequestro da parte dei Carabinieri Forestali; denunciato il titolare dell'azienda