Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Fiuggi. Percepivano la pensione di un parente deceduto: denunciate tre persone

30 gennaio 2019

L’assegno sociale continuava a essere erogato sul conto corrente intestato al de cuius e alla moglie da dove poi veniva prelevato in contanti o mediante il bancomat intestato al defunto.
Si e` cosi` conclusa una lunga indagine condotta dalle Fiamme Gialle della Tenenza di Fiuggi che ha portato alla denuncia di 3 persone, tutte residenti nel Comune di Fiuggi, le quali continuavano a beneficiare dell’assegno sociale di un congiunto deceduto nel mese di maggio 2013 percependo, in tal modo, nel giro di 5 anni, una somma di oltre 41 mila euro.
Una vera e propria offensiva contro i falsi invalidi e le truffe ai danni della previdenza sociale, quella messa in campo dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone, che ha portato alla luce l’ennesimo caso di spreco di denaro pubblico, questa volta nel settore previdenziale.
L’esito dell’indagine non e` tanto dissimile da una recente operazione condotta sempre dai finanzieri della citta` termale, che ha portato alla scoperta di una “falsa invalida” la quale dal 1998 all’ottobre del 2018 aveva illecitamente percepito un’indennita` di accompagnamento per un totale di circa 310 mila euro.
Nel caso in esame, invece, le indagini sono scaturite a seguito di input da parte del Nucleo Speciale Spesa Pubblica e Repressione Frodi Comunitarie della Guardia di Finanza diRoma, il quale aveva fornito un’analisi di rischio su di una platea di soggetti che beneficiavano di pensione/assegni sociali ma potenzialmente in maniera indebita.
Pertanto, i militari della Tenenza di Fiuggi, coordinati dalla Procura della Repubblica di Frosinone, hanno posto in essere una serie di accertamenti, riscontrando che la posizione pensionistica del soggetto in esame non era stata aggiornata presso l’INPS di Frosinone per mancata comunicazione del decesso.
Per tale motivo, l’Ente previdenziale aveva continuato ad erogare l’assegno sociale, anche dopo la morte dell’avente diritto, con un “buco” nelle casse dell’Erario di oltre 40 mila euro.
Al termine delle indagini, il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Frosinone, confermando il quadro probatorio rappresentato dai Finanzieri della citta` termale e formalizzato dalla richiesta del Pubblico Ministero requirente, ha emesso nei confronti dei “furbetti” un decreto di sequestro preventivo sui beni mobili e immobili per un valore corrispondente al profitto illecito e fino alla concorrenza dell’importo di 41.234,00 euro, corrispondente al totale delle somme indebitamente percepite.
L’operazione di servizio svolta e` il risultato dell’attenzione rivolta dalle Fiamme Gialle a tutela della spesa pubblica e del bilancio nazionale, poiche´ il contrasto alle frodi nel settore della previdenza sociale mira a garantire l’effettivo sostegno alle fasce piu` deboli della popolazione, evitando il dispendio di risorse a beneficio di soggetti non aventi diritto.
 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Questa mattina è stato firmato il contratto di comodato gratuito tra il Comune di Anagni e la Guardia di Finanza che permetterà alla locale Brigata delle Fiamme Gialle di trasferirsi nell'ex tribunale di via Carlo Alberto Dalla Chiesa. Il contratto prevede la cessione in comodato d'uso gratuito di locali per venti anni e risolve la difficoltà della Guardia di Finanza di reperire locali adeguati per svolgere un importante servizio per la città. Contestualmente il Comune ottimizza gli spazi dell'ex tribunale, dove già si trova la Polizia Locale, destinato a diventare una cittadella della sicurezza. Il contratto è stato firmato alla presenza del sindaco Fausto Bassetta, del comandante provinciale della Finanza, colonnello Roberto Piccinini, e del comandante della Brigata di Anagni, luogotenente Carlo D'Onorio. I vertici della Guardia di Finanza hanno espresso viva soddisfazione per l'accordo raggiunto con il Comune di Anagni. Sempre questa mattina sono iniziate le operazioni di trasferimento degli uffici.
Traffico di droga a piazza Spada di Fiuggi, sei persone sottoposte a misure personali cautelari; blitz di Carabinieri e Guardia di Finanza. Coinvolti alcuni minorenni; elicottero e le sirene svegliano i residenti
La lotta alla contraffazione passa anche attraverso il web: prodotti abilmente contraffatti commercializzati attraverso siti internet, che garantivano anonimato ed efficiente rete commerciale, sono stati oggetto di indagine a cura della Tenenza della Guardia di Finanza di Fiuggi.
Non è passato inosservato - questa mattina, martedì 28 agosto - l’arrivo di alcuni militari della Guardia di Finanza presso la sede municipale di Anagni; i militari della Guardia di Finanza, nell’ambito di una attività di indagine delegata dalla Corte dei Conti, stanno acquisendo numerosi documenti per riscontrare presunte irregolarità nella gestione del denaro pubblico,
False fatturazioni, mancato versamento dell-Anagni Calcio. I reati contestati si riferirebbero al periodo in cui l'uomo era a capo della squadra di calcio anagnina.