Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Prova ad ingannare un'astuta 72enne anagnina con la truffa dello specchietto, la donna però non ci casca e chiama i Carabinieri: denunciato 35enne siciliano

16 gennaio 2019

B.R.: sono queste le iniziali del 28enne residente in Sicilia già censito per reati specifici che è stato denunciato questa mattina dai Carabinieri della locale stazione agli ordini del mar. Massimo Crescenzi con l'accusa di tentata truffa. Gli accertamenti posti in essere dai militari hanno permesso di identificare e raccogliere univoci e coincidenti elementi di colpevolezza nei confronti del ragazzo che lo scorso 16 ottobre, nel centro di Anagni, mediante la simulazione della rottura dello specchietto retrovisore del proprio veicolo, ha tentato di estorcere denaro ad una 72enne del luogo.

In particolare il malvivente aveva cercato di porre in essere la cosiddetta truffa dello specchietto, gettando un sasso verso il veicolo della signora, la quale dopo aver udito il forte rumore si è fermata. A quel punto il malvivente aggredendola verbalmente ha provato ad estorcerle del denaro contante quale risarcimento per il presunto danno provocato. Fortunatamente la signora, affatto intimorita dal fare intimidatorio dell’uomo, ha contattato i Carabinieri facendo dileguare velocemente il 28enne che desisteva dal suo intento
.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Tentata truffa ai danni di un anziano di Ferentino, 38enne residente in Sicilia - già gravato da reati specifici - denunciato dai Carabinieri
Truffa dello specchietto: 27enne napoletano denunciato dai Carabinieri delal stazione di Ferentino. Aveva provato ad ingannare un 68enne di Alatri I Carabinieri della stazione di Ferentino agli ordini del mar. Raffaele Alborino, al termine degli accertamenti del caso, hanno denunciato in stato di libertà un 27enne della provincia di Napoli, già censito per reati specifici, perché resosi responsabile del reato di tentata truffa. Le indagini hanno permesso di identificare e raccogliere univoci e coincidenti elementi di colpevolezza a carico del giovane che, unitamente ad un altro soggetto non ancora identificato, nei giorni scorsi ha tentato la cosiddetta “truffa con lo specchietto” in danno di un 68enne residente ad Alatri. Nella circostanza i due desistevano dal portare a termine il reato attesa la richiesta di intervento dell’Arma da parte del malcapitato.
Non riesce la truffa dello specchietto: catanese 30enne denunciato dai Carabinieri a Fiuggi; aveva truffato un'automobilista di Acuto
Nella giornata di ieri, i Carabinieri della Stazione di Castro dei Volsci hanno denunciato in stato di libertà per truffa in concorso un 21enne ed un 23enne di origini campane, residenti nel Siracusano, già noti alle forze dell’ordine per reati della stessa natura. Qualche giorno fa i due ragazzi, inscenando un finto incidente stradale, hanno fatto credere ad un 84enne automobilista di aver urtato e rotto lo specchietto della loro auto, e gli hanno chiesto l’immediato risarcimento del danno.
La nostra lettrice Sabrina - che ringraziamo - ci segnala il curioso episodio accaduto nel pomeriggio di oggi - martedì 27 ottobre - in via San Magno a suo padre; "mentre mio padre, che ha 71 anni, era intento a parcheggiare nei pressi del parcheggio "R. Ambrosi De Magistris" ha avvertito un rumore sulla carrozzeria della sua auto dopodiché gli si sono avvicinate due persone a bordo di un'auto Citroën che lo avvertivano che - nel fare manovra - li aveva leggermente urtati. I due - italiani con accento meridionali - pretendevano prima la somma di 200 euro per riparare il danno subito, poi - considerato che mio padre non aveva nelle immediate disponibilità quella somma - sono scesi a cento euro. Quando sono arrivata io, visto che mio padre non è caduto nella trappola, i due si sono rimessi in macchina desistendo dai loro insani propositi. Ho fatto comunque in tempo a fotografare la loro auto e a portare la foto in caserma".