Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Piglio. Topo d'appartamento finisce nelle maglie dei Carabinieri della Compagnia di Anagni: era ricercato dal 2012 per reati di associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione, ricettazione ed estorsione

6 dicembre 2018

Nella serata di ieri, la Centrale Operativa della Compagnia Carabinieri di Anagni riceveva delle segnalazioni da parte di residenti nel comune di Piglio che avevano notato degli individui aggirarsi con fare sospetto nella zona bassa del piccolo centro. In particolare, un cittadino riferiva di aver notato la rete di recinzione della propria abitazione tagliata ed un altro, rientrato in casa dopo una giornata di lavoro, di aver subito durante la sua assenza il furto in abitazione di monili in oro e dell’autovettura di proprietà. L’immediato intervento sul posto e le accurate ricerche effettuate dal personale del NORM, con l’ausilio di diverse pattuglie del suddetto Comando Compagnia, hanno permesso di intercettare un 35enne di origine albanese (già censito per reati contro il patrimonio), residente nell’hinterland napoletano, alla guida di un’autovettura, il quale alla vista dei militari tentava di fuggire, venendo però poco dopo bloccato. Sull’auto, priva di copertura assicurativa e revisione, e pertanto sottoposta a sequestro, i Carabinieri rinvenivano altresì vari arnesi atti allo scasso. Gli ulteriori accertamenti svolti sul conto dell’uomo, permettevano di appurare che lo stesso si identificava in PATRIA Blerim, classe 1983, e che risultava destinatario di un decreto di fermo di indiziato, datato 17 settembre 2012, emesso dall’Autorità Giudiziaria di Santa Maria Capua Vetere (CE) per i reati di associazione per delinquere finalizzata ai furti in abitazione, ricettazione ed estorsione.
Al termine delle formalità di rito, l’uomo veniva quindi tratto in arresto poiché destinatario del suddetto provvedimento nonchè dei reati di danneggiamento e furto in abitazione e tradotto presso la Casa Circondariale di Frosinone. Le ricerche dei complici protrattesi per tutta la notte hanno dato esito negativo.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Aveva fatto spesa, dimenticandosi di pagare. Inevitabili per lui le manette. A Fiuggi, i Carabinieri hanno tratto in arresto per furto aggravato e ricettazione, un 55enne di origini rumene, da anni residente nella cittadina termale.
Anagni. Furto in una villetta in via di Santa Cecilia: ladri "schiumano" la sirena dell'impianto di allarme, entrano in casa e con una smerigliatrice tagliano la cassaforte; danni per migliaia di euro
Circa 1000 euro in contanti, più alcuni oggetti in oro. Questo il bilancio del furto messo a segno da ignoti topi d’appartamento ai danni di una signora di 80 anni residente a Sgurgola. Il furto è stato messo a segno nella serata di ieri, venerdì 22 aprile.
Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Colleferro hanno tratto in arresto tre cittadini albanesi - di 21, 23 e 25 anni, i primi due già con precedenti penali - domiciliati nella Capitale, con l’accusa di rapina aggravata in concorso.Giovedì scorso, verso le 22:30, i tre sono stati sorpresi all’interno di un appartamento dai proprietari che stavano rincasando. Vistisi scoperti, per guadagnarsi la fuga, li hanno aggrediti e poi sono fuggiti da una finestra che dà sul retro dell’abitazione.