Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Colto in flagranza di reato mentre cede una dose di droga ad un uomo: arrestato 48 di Montelanico dipendente dell'ufficio postale di Colleferro

2 novembre 2018

COLLEFERRO | MONTELANICO – Nella serata di Mercoledì 31 Ottobre, grazie al possesso di pregresse notizie investigative, agenti squadra di polizia giudiziaria del locale Commissariato di P.S. della Polizia di Stato, poneva in essere un’attività di osservazione controllo pedinamento nei confronti di un 48enne residente a Montelanico ed impiegato presso l’ufficio centrale di Poste Italiane di Colleferro.

I pedinamenti e gli appostamenti messi in atto in precedenza avevano evidenziato un significativo andirivieni di persone in prossimità dell’abitazione del 48enne a Montelanico, pur tuttavia la distanza di osservazione aveva consentito di verificare chiaramente l’attività posta in essere dal prevenuto nei confronti degli astanti.

Ciò premesso, gli agenti della medesima squadra di polizia giudiziaria decidevano di intensificare l’osservazione, proprio a partire dal posto di lavoro – l’Ufficio delle Poste di Largo San Francesco a Colleferro – che, come di consueto, il soggetto lasciava intorno alle ore 18 della sera di Halloween.

Nel frattempo a Montelanico altri agenti – grazie anche ad un posto di osservazione migliore del precedente – notavano un soggetto di sesso maschile che, dopo aver utilizzato un cellulare, veniva raggiunto dal pedinato che gli consegnava un piccolo involucro in cambio di denaro.

Appariva subito evidente – e confermata – la cessione di sostanza stupefacente a fronte di una somma di denaro.

Vistosi scoperto l’uomo tentava invano di sbarrare l’accesso alla sua abitazione agli agenti che nel frattempo avevano deciso di intervenire.
Gli agenti della P.G. riuscivano comunque ad irrompere nell’appartamento e stante la flagranza di reato venivano eseguite le relative perquisizioni, domiciliare e personale estesa all’auto, che consentivano di rinvenire dapprima un bilancino di precisione, un nastro adesivo e diversi frammenti di sostanza stupefacente tipo hashish, mentre all’interno della camera da letto banconote per un totale di 145 euro, un calendario che indicava sia i nominativi che i relativi importi degli acquirenti ed infine, nella pertinenza dell’immobile (sotto il balcone) veniva rinvenuto mezzo panetto di hashish pari ad un peso di circa 87 grammi e due cartucce da caccia.

L'uomo veniva dunque arrestato con l’accusa di detenzione a fini di spaccio di sostanze stupefacenti.



TI POTREBBERO INTERESSARE

Poste Italiane: forti ritardi nel recapito della corrispondenza ai cittadini. I Sindaci della zona a sud di Roma protesteranno presso la sede centrale di Poste Italiane
"Positivo": così è stato definito dai sindaci di Colleferro, Valmontone, Carpineto Romano, Labico, Artena e Gorga l'incontro avuto oggi con i vertici del settore logistico di Poste Italiane. "I disservizi sul territorio saranno risolti, hanno affermato da Poste Italiane, nella prima metà di ottobre. Coi sindaci presenti, Poste ha già fissato un appuntamento il 24 ottobre per controllare l'effettiva risoluzione dei problemi. L'attenzione dei comuni al tema "caldo" e l'agire uniti dei sindaci del territorio può sempre portare risultati positivi", si legge in una nota inviata a questa redazione.
Sono iniziati i lavori di ristrutturazione all'ufficio postale di Serrone centro. Dopo i timori del passato, quando in diverse occasioni si ventilò addirittura la chiusura dello sportello, accogliendo le sollecitazioni e le considerazioni del sindaco, Natale Nucheli, Poste Italiane ha deciso di dare una veste nuova alla sede del centro storico, realizzando lavori che lo renderanno sicuramente più bello e funzionale.
I sindaci di Paliano, Piglio, Serrone e Acuto incontrano le rappresentanze sindacali di Poste Italiane
Tantissimi lavoratori di Poste Italiane hanno protestato questa mattina - venerdì 4 novembre - a Roma contro il piano di privatizzazione della società che - secondo quanto denunciato dalle organizzazioni sindacali - metterebbe a rischio moltissimi posti di lavoro. I manifestanti, giunti anche da diverse parti della provincia di Frosinone, si sono dati appuntamento in via XX settembre, davanti al ministero dell'Economia e della Finanza, per puoi muoversi in corteo verso viale Europa,