Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Alatri. Minorenne terribile inveisce contro la madre per farsi consegnare 1000 euro e il telefono; all'arrivo dei Carabinieri prova a cercare lo scontro fisico: arrestato 17enne

10 ottobre 2018

Questa mattina i militari della Compagnia Carabinieri di Alatri hanno tratto  in arresto per tentata estorsione, detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e rapina un 17enne del luogo, già censito per lesioni, minacce e reati inerenti gli stupefacenti. I militari, recatisi presso l’abitazione del minore in quanto vi erano in atto dei litigi tra lo stesso ed i propri genitori, notavano il minore discutere animatamente con la madre chiedendogli testualmente: “mi devi dare il telefono e mi devi dare mille euro altrimenti ti faccio sparare”. Il minore, nonostante la presenza dei Carabinieri che hanno cercato di rasserenare  gli animi, ha continuato ad inveire contro la madre cercando lo scontro fisico. Durante queste concitate fasi è riuscito a sottrarre con la forza un telefono cellulare alla madre, dandosi alla fuga e minacciandola sempre di farla ammazzare se non avesse avuto i mille euro. I militari operanti hanno immediatamente bloccato il minore, recuperando il cellulare e  consegnandolo alla madre. Ad una successiva perquisizione personale sono stati rinvenuti addosso al giovane circa euro 1.000 che aveva sottratto all’interno dell’abitazione della madre e 24 grammi di marijuana, suddivisa in sei dosi pronte per la vendita. Portato presso gli uffici della Compagnia Carabinieri di Alatri è stato così tratto in arresto e su disposizione dell’Autorità giudiziaria accompagnato presso il Centro Prima Accoglienza Minori di Roma.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Nella notte tra sabato e domenica a Veroli i Carabinieri della locale Stazione, coadiuvati dal N.O.R. – Aliquota Radiomobile della Compagnia di Alatri, hanno arrestato due giovani per il reato di rissa aggravata; nella medesima circostanza sono stati denunciati in stato di libertà, alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Roma, cinque minori stranieri. I giovani sono stati bloccati dai militari durante una violenta colluttazione tra loro originata per futili motivi relativi ad apprezzamenti esternati dai minori stranieri nei confronti della fidanzata di uno degli arrestati. Tutti i coinvolti nella rissa sono stati refertati dal Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Alatri ove venivano giudicati guaribili dai cinque ai sette giorni di prognosi, per escoriazioni varie. Espletate le formalità di rito gli arrestati venivano tradotti presso il proprio domicilio in regime degli arresti domiciliari in attesa del rito direttissimo.
Brutto incidente, oggi pomeriggio, al km 70 della via Casilina, in territorio di Ferentino, dalle parti del ristorante "La Primavera"; tre i veicoli nel sinistro: due utilitarie e un pulmino che trasportava giovani calciatori. Nell'incidente sono rimaste ferite cinque persone - tra cui tre calciatori minorenni - tutti trasportati all'ospedale di Alatri per le cure del caso. Il sinistro ha provocato file e rallentamenti in entrambi le direzioni. Sul posto, a coordinare le operazioni di soccorso e di messa in sicurezza della zona, gli agenti della Polizia di Stato di Frosinone.
Nel fine settimana, i Carabinieri della Stazione di Valmontone hanno arrestato due giovani, uno di 26 e l’altro di 29 anni, poiché, durante un controllo alla circolazione stradale eseguito nei pressi del casello autostradale di Valmontone, sono stati trovati in possesso di 25 g di cocaina e tutto l’occorrente per il confezionamento delle dosi. Gli stessi Carabinieri di Valmontone hanno anche arrestato un uomo di 59 anni per atti osceni con l’aggravante di averlo fatto nei pressi di una fermata di autobus e di un giardino pubblico molto frequentati da minorenni.
Colti in flagrante mentre spacciavano droga durante un festival musicale. È successo ad Acuto: i carabinieri hanno arrestato due giovani sorpresi mentre spacciavano speed presso la zona del Laghetto.
Tre minorenni egiziani sono stati denunciati dalla Polizia di Stato per i reati di lesioni dolose e danneggiamento aggravato; uno di loro anche per tentato omicidio.I fatti sono accaduti nella cittadina termale di Fiuggi dove i tre minorenni, entrati clandestinamente in Italia, sono stati collocati presso una Casa di Accoglienza per minorenni in stato di abbandono. Nella serata di giovedì gli uomini del Commissariato della Polizia di Stato di Fiuggi sono intervenuti presso la truttura dove i tre diciassettenni si sono resi responsabili di gravi danneggiamenti agli arredi e aggredito alcuni operatori.