Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Resistenza, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale: in manette un 33enne di Veroli che ha preso a calci e pugni i Carabinieri e la loro auto di servizio

10 settembre 2018

I Carabinieri del NORM della Compagnia di Frosinone, nella notte tra domenica e lunedì, hanno tratto in arresto per resistenza, minaccia e lesioni a Pubblico Ufficiale un 33enne di Veroli, già censito per reati contro il patrimonio, contro la persona ed in materia di stupefacenti.  
Nella tarda serata di ieri la Centrale Operativa del Comando Provinciale di Frosinone inviava la pattuglia nel limitrofo territorio di Veroli, a seguito della richiesta di aiuto giunta al numero di emergenza 112 da parte di una donna la quale, in evidente stato di agitazione, segnalava alla pattuglia immediatamente giunta sul posto, che poco prima era stata fatta oggetto di minacce e percosse da parte dell’ex compagno. L’uomo, che si trovava nelle vicinanze, veniva prontamente rintracciato ma, in evidente stato di alterazione dovuto all’abuso di alcool, iniziava con veemenza a minacciare e colpire i Carabinieri e l’autovettura di servizio con pugni e calci. Vani risultavano i numerosi tentativi di ricondurre l’esagitato alla calma, tanto che questi tentava addirittura di darsi alla fuga. Raggiunto ed immobilizzato, reagiva ancora colpendo con una testata uno di loro, procurargli lesioni medicate più tardi dai sanitari del Pronto Soccorso dell’Ospedale del capoluogo. Nonostante la sua violenta reazione i militari riuscivano ad immobilizzare definitivamente l’uomo dichiarandolo in arresto. Al termine delle formalità di rito, l’arrestato veniva trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando Stazione di Frosinone così come disposto dall’Autorità Giudiziaria, in attesa del rito direttissimo previsto per questa mattina.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

49enne di Veroli tratto in arresto dai Carabinieri per il reato di lesioni commesse in Ferentino nel 2013 in concorso con il fratello
Lotta all'uso e allo spaccio di sostanze stupefacenti. Carabinieri in azione sul territorio, diversi denunciati per droga tra Alatri, Veroli e Frosinone
Nel pomeriggio del 3 maggio scorso, i Carabinieri di Veroli, in collaborazione con quelli delle Compagnie di Sora e Subiaco, in ottemperanza all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale Ordinario di Frosinone – Ufficio Esecuzioni Penali, hanno tratto in arresto un 26enne domiciliato a Veroli, un 31enne domiciliato a Sora ed una 30enne domiciliata in provincia di Roma, tutti di nazionalità romena e già censiti per reati contro il patrimonio.
I Carabinieri del NORM della Compagnia di Frosinone hanno tratto in arresto in flagranza per furto aggravato in concorso un 20enne albanese ed un 37enne magrebino, entrambi residenti nel capoluogo ciociaro e già gravati da precedenti per reati contro il patrimonio e contro la persona. I militari, nel corso del consueto servizio di perlustrazione, ricevevano l’input dalla Centrale Operativa che presso l’asilo di via F. Calvosa, a Frosinone, era stata segnalata la presenza di persone sospette.
Dopo i recenti sequestri di significativi quantitativi di cocaina, i Carabinieri del NORM della Compagnia di Frosinone continuano senza sosta nell’attività di contrasto nei confronti di soggetti dediti allo spaccio di sostanze stupefacenti. Nella giornata di ieri - sabato 22 luglio - a Frosinone, i militari, in collaborazione con due unità cinofile del Nucleo Carabinieri Cinofili di S. M. Galeria (Roma), hanno tratto in arresto in flagranza di reato per detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio un insospettabile 31enne del luogo, il quale deteneva occultati nella propria abitazione circa 10 grammi di cocaina,