Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Scacco al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti: due famiglie di etnia rom nel mirino della GdF e dei Carabinieri. Arrestate sette persone in provincia di Frosinone. Sequestrati beni per 1,2 milioni di euro

13 marzo 2018

Sin dalle prime luci dell’alba ha avuto inizio un’operazione congiunta tra la Guardia di Finanza ed i Carabinieri della provincia di Frosinone che - sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Cassino –hanno dato esecuzione, con l’impiego di un massiccio dispositivo di uomini e mezzi, ad un’ordinanza di custodia cautelare e di sequestro preventivo nei confronti di sette persone, emessa dal G.I.P.presso il Tribunale di Cassino, dr. Salvatore Scalera, su richiesta del P.M. dr. Alfredo Mattei. Si tratta, in particolare, di un gruppo criminale capeggiato da due nuclei familiari di etnia rom (SPADA e DI SILVIO, entrambe di Cassino), dedito in maniera sistematica e professionale al traffico ed allo spaccio di sostanze stupefacenti (del tipo eroina e cocaina), con base logistica in una zona periferica della città martire, un quartiere assurto agli onori della cronaca per essere diventato un “supermarket” della droga a cielo aperto. Le indagini hanno avuto inizio nel 2016 sulla scia del clamore mediatico suscitato dalla morte per overdose, nel territorio di Cassino, di alcuni giovani ragazzi ed hanno consentito di accertare come, nel tempo, le due famiglie criminali fossero ormai riuscite a monopolizzare la “piazza di spaccio” dell’intero cassinate, dandosi un’organizzazione ben delineata nella quale spicca il ruolo prevalente svolto dalle donne del clan, incaricate di effettuare personalmente la cessione dello stupefacente ai tantissimi acquirenti che sono
stati identificati dagli investigatori. Alle figure maschili dell’organizzazione, invece, il compito di procurarsi le partite di droga, curando i contatti soprattutto con le limitrofe organizzazioni criminali napoletane e casertane. I Finanzieri del Gruppo di Cassino ed i Carabinieri della Compagnia di Cassino hanno operato per diversi mesi in maniera sinergica attraverso investigazioni sia di natura tecnica sia con un costante monitoraggio della piazza di spaccio, effettuando plurimi sequestri di droga nei confronti dei consumatori finali provenienti anche da province limitrofe, molti dei quali di giovanissima età. Gli ingenti proventi ricavati dall’esercizio del business della droga consentivano agli indagati di vivere nel lusso, in una villa all’ingresso della quale sono state rinvenute delle imponenti statue raffiguranti due leoni, simbolo della forza e del potere criminale della famiglia. L’Autorità Giudiziaria, sulla base degli accertamenti patrimoniali eseguiti dai militari, ha altresì disposto il sequestro preventivo finalizzato alla confisca dei beni risultati nella disponibilità dei sodali, in particolare: n. 9 autoveicoli, n. 17 immobili (di cui nr. 7 fabbricati, n. 9 terreni e n. 1 area commerciale), n. 28 rapporti finanziari, n. 1 cavallo da corsa. Il valore complessivo dei beni sequestrati ammonta a oltre 1,2 milioni di euro. Nel corso delle operazioni di perquisizione svolte stamane sono stati altresì rinvenuti e sequestrati ulteriori 8 autovetture e denaro contante per euro 13.260,00.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Vige il massimo riserbo sull'importante operazione portata a termine questa mattina dai militari della Guardia di Finanza di Colleferro agli ordini del cap. Ivan Cesari che hanno sequestrato un ingentissimo quantitativo di droga (foto in alto) abilmente occultata alla vista all'interno di alcuni bancali che contenevano cipolle. Al momento non si hanno dettagli circa il quantitativo preciso né sulla natura della sostanza; restiamo in attesa di conoscere i dettagli dell'operazione dal comunicato che verrà diramato forse nelle prossime ore dal Comando provinciale della Guardia di Finanza di Roma.
Sabato prossimo 21 maggio a partire dalle ore 10.30 si terrà la cerimonia di inaugurazione della nuova sede della Brigata della Guardia di Finanza di Anagni, in via Gen. Carlo Alberto Dalla Chiesa. Ecco, di seguito, il programma della giornata, così come è stato comunicato a questa redazione dal comando provinciale della Guardia di Finanza di Frosinone:
Guardia di Finanza di Roma: intercettato e arrestato a Valmontone un corriere della droga. Sequestrati oltre due chilogrammi di cocaina GUARDIA DI FINANZA, ROMA: INTERCETTATO E ARRESTATO A VALMONTONE CORRIERE DELLA DROGA. SEQUESTRATI OLTRE 2 CHILI DI COCAINA.
Spacciatori di cocaina operavano a Cassino servendosi di corrieri che ingerivano ovuli ripieni di droga per alimentare una fitta rete di spaccio nella provincia di Frosinone. E’ quanto scoperto dalla Compagnia della Guardia di Finanza di Cassino nel corso di una vasta operazione di controllo del territorio di competenza, in conseguenza di una forte intensificazione dei servizi di prevenzione dei traffici illeciti che le Fiamme gialle stanno attuando in Provincia di Frosinone nel periodo estivo, soprattutto durante i fine settimana.
Si trova rinchiuso nel carcere di Poggioreale, in provincia di Napoli, il cinquantenne ferentinese fermato dai Carabinieri a Pozzuoli con un quantitativo di hashish del peso complessivo di quasi nove chilogrammi; l'uomo, residente proprio nella città gigliata, è stato inoltre trovato in possesso di una cifra contante pari a circa 3000 euro, un portadocumenti con impresso uno stemma vagamente simile a quello della Guardia di Finanza e alcuni materiali elettronici, tra pc, tablet e smartphone