Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Caccia terminata alla banda della Clio: arrestati due giovani di Alatri sorpresi a prendere a picconate la porta d'ingresso di un bar

12 febbraio 2018

E’ finita la caccia alla “Banda della Clio” che aveva visto impegnate le forze dell’ordine durante lo scorso fine settimana in tutto il territorio ciociaro.
Nelle prime ore della mattinata odierna, ad Alatri, personale del locale Comando Compagnia carabinieri  traevano in arresto, in flagranza di reato, due giovani del luogo, un 27enne ed un 34enne  (entrambi già gravati da vicende penali per reati commessi contro il patrimonio), poiché sorpresi a scassinare, con un piccone,  la porta d’ingresso del bar sito all’interno del campo sportivo di Alatri, ove erano giunti proprio a bordo del mezzo citato.

I militari dell’Arma, in seguito ai numerosi furti perpetrati nel territorio  di competenza ai danni di scuole, lavanderie automatiche ed esercizi commerciali, da alcuni giorni avevano predisposto un articolato dispositivo, anche con personale in abito civile,  al fine di prevenire e reprimere i predetti reati predatori. Questa mattina nel corso dell’attività di polizia, i militari impiegati notavano i due giovani, i quali venivano riconosciuti  da elementi inconfutabili, quali tratti somatici, aspetto fisico, abbigliamento, rilevati dalla  visione dei filmati delle telecamere di sorveglianza degli esercizi commerciali già presi di mira dai due. E così, gli uomini della Benemerita hanno deciso di seguirli, fino a fermarli un attimo prima che con un piccone venisse sfondata la porta del bar.
Le attività investigative svolte hanno inoltre permesso di acclarare che i due uomini,  fermati nella mattinata odierna e possessori di una Renault Clio di colore grigio, sono gli autori di diversi furti “seriali” perpetrati sia nel territorio del capoluogo  che nei comuni di Alatri,  Veroli e Ferentino, e, con tale azioni criminose, avevano destato  grande allarme sociale tra la popolazione.
Le successive perquisizioni domiciliari eseguite dagli operanti consentivano anche di rinvenire,  presso il domicilio dei predetti,  gli abiti usati nel corso dei furti notturni da loro perpetrati.
I Carabinieri di Alatri, con l’operazione odierna, hanno messo così fine alle scorribande criminali della cosiddetta “BANDA DELLA CLIO GRIGIA“, assicurando alla giustizia i relativi componenti  e facendo tirare un sospiro di sollievo ai tanti commercianti del territorio.
Gli arrestati, che dovranno rispondere di tentato furto aggravato in concorso e di diversi furti nel territorio, dopo le formalità rito,  sono stati tradotti presso il loro domicilio , poiché sottoposti al  regime di arresti domiciliari, in attesa dell’udienza di convalida davanti al Tribunale di Frosinone che si terrà nelle prossime ore.
Nel medesimo contesto operativo, altresì, venivano sequestrati il piccone, gli abiti utilizzati per il travisamento nonché  l’autovettura utilizzata per la commissione dei reati in argomento.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
Anagni. Sul ritrovamento dell'eccezionale quantitativo di denaro in una casa di via Ciammotte indaga la procura della Repubblica di Frosinone; informata la direzione distrettuale antimafia. Ascoltate decine di persone; droga a fiumi tra Alatri, Ferentino e Frosinone
Nell’ambito dei servizi antidroga disposti dal Comando Provinciale Carabinieri di Frosinone, che hanno già consentito il sequestro di 8 kg di hashish nel comune di Alatri, nel corso della mattinata odierna, a Supino, i militari della locale Stazione hanno tratto in arresto per coltivazione illecita di cannabis indica, un 34enne del luogo, già censito per reati della stessa indole.
Aveva tentato di rubare all’interno di un centro commerciale. Scoperto, ha provato a scappare e, raggiunto, ad aggredire i carabinieri. Inevitabile a questo punto l’arresto. La scorsa notte, ad Alatri, i militari della locale Stazione, hanno arrestato un 23enne romeno senza fissa dimora, responsabile di concorso in tentata rapina impropria, violenza e resistenza.
E' grazie alla testimonianza di alcuni passanti che i Carabinieri della Compagnia di Alatri agli ordini del cap. Antonio Contente sono riusciti ad incastrare l'uomo che lo scorso sei novembre ha minacciato con un coltello e rapinato un trentunenne di Alatri rubandogli il portafogli contenente alcune centinaia di euro. Si tratta di un 33enne di Anagni che ora dovrà rispondere di rapina. Il "fattaccio" si è verificato qualche giorno fa a Frosinone: individuata e seguita per alcune decine di metri la vittima, l'anagnino - giunto in un luogo appartato - ha estratto il coltello e si è fatto consegnare il portafogli. Subito dopo il colpo, il giovane rapinato si recò ad Alatri, sua città di residenza, e, presso la stazione dei carabinieri, presentò una dettagliata denuncia di quanto gli era accaduto poco prima.