Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ferentino. 24enne marocchino residente ad Anagni sorpreso a rubare cavi di rame da una fabbrica dismessa della zona industriale: arrestato dai Carabinieri

7 dicembre 2017

Un 24enne di nazionalità marocchina residente ad Anagni è stato tratto in arresto dai Carabinieri della Compagnia di Anagni poiché sorpreso a rubare rame da un opificio dismesso sito nella zona industriale di Ferentino. Il fermo è avvenuto nella notte tra mercoledì e giovedì: il giovane, accompagnato presso le camere di sicurezza della caserma di via G. Giminiani di Anagni, è stato poi trasferito nel carcere di Frosinone dove attualmente si trova in attesa del rito direttissimo.

Di seguito la nota integrale del comando dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone relativa a questo specifico fatto di cronaca:

nella decorsa serata, i Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Anagni, nell’ambito di mirati servizi preventivi di controllo del territorio, hanno tratto in arresto per “furto di rame” A.J., 24enne di nazionalità Marocchina, già censito per reati contro il patrimonio.
Il predetto, è stato sorpreso all’interno  dello stabilimento dismesso “BONSER” sito in Ferentino Via Consortile ASI, mentre asportava 200 kg circa di cavi in rame di varie sezioni e vario materiale ferroso. Gli arnesi atti allo scasso rinvenuti sul posto sono stati sottoposti a sequestro, mentre la refurtiva, interamente recuperata, è stata restituita all’avente diritto.
L’arrestato, espletate le formalità di rito, è stato trattenuto nelle camese di sicurezza della Compagnia in attesa del rito per direttissima.
 


TI POTREBBERO INTERESSARE

I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radio Mobile della Compagnia di Anagni hanno tratto in arresto un ragazzo di Ferentino, appena ventenne, poiché sorpreso a rubare discendenti in rame da una villetta sita in località "La Torre"; il giovane, dopo un breve inseguimento, è stato fermato e tratto in arresto dai militari.
Quattro persone, tutte di nazionalità rumena e tutti provenienti dall'hinterland napolenato, sono state tratte in arresto - questa mattina attorno alle 4 - dai Carabinieri della stazione di Ferentino, impegnati in un servizio di osservazione nella zona industriale compresa tra Ferentino e Frosinone. I quattro, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, dopo aver rubato un furgone a Frosinone, si sono diretti verso un'azienda che ha sede proprio nella zona industriale, in territorio di Ferentino.
I Carabinieri del reparto Radio Mobile coordinato dal Luog.te Giovanni Leo hanno tratto in arresto - questa notte - due persone di Ferentino, entrambi classe 1983 ed entrambi già gravati da pregiudizi di polizia, poiché sorpresi a rubare materiale in rame dagli stabilimenti dismessi della Prinz Bräu, nella zona della stazione di Ferentino.
Si è presentata in caserma in evidente stato di alterazione psicofisica e, come già aveva fatto diverse altre volte in passato, ha gettato a terra suppellettili opponendo, inoltre, energica resistenza nei confronti dei Carabinieri che sono comunque riusciti ad immobilizzarla e trarla in arresto. E' la triste sorte capitata a V.F., 32enne di Ferentino, che martedì scorso è stata fermata dai militari della stazione coordinata dal mar. Raffaele Alborino per i reati di “minaccia e resistenza a pubblico ufficiale". La donna, non nuova ad episodi del genere, era già stata arrestata nei mesi scorsi.
Sono stati trasferiti nel carcere di Frosinone i sei rumeni arrestati nella notte tra martedì e mercoledì mentre erano intenti a rubare cavi di rame dall'ex stabilimento VDC Technologies in località Fratta Rotonda di Anagni. Il Giudice ha infatti convalidato l'arresto operato dai Carabinieri del Nucleo Radio Mobile della Compagnia di Anagni diretto dal mar. Giovanni Leo; il prezioso metallo, che al mercato nero avrebbe fruttato oltre dodicimila euro, è stato riconsegnato ai legittimi proprietari.