Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Rapina aggravata in concorso perpetrata mediante sequestro di persona, lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere: i Carabinieri di Pontecorvo arrestano tre persone

18 ottobre 2017

Alle prime luci dell’alba i Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Pontecorvo, coadiuvati da altri militari delle Stazioni Carabinieri Aquino, Pontecorvo e Piedimonte San Germano, in ottemperanza all’ordinanza per l’applicazione della misura cautelare coercitiva di sottoposizione agli arresti domiciliari emessa il 16 ottobre 2017 dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Cassino, hanno tratto in arresto tre persone ritenute responsabili di concorso finalizzato alla rapina aggravata perpetrata mediante sequestro di persona, lesioni aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere; si tratta di Davide Carbone, classe 1991, con precedenti penali; Giuseppe Sardelli, classe 1989, con precedenti di polizia, già detenuto presso la Casa Circondariale di Cassino; Adyl Beshtika, classe 1987, pregiudicato di nazionalità albanese.
Si legge nella nota del comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone: "il 26 aprile 2017, alle ore 23,00 circa,  nel contesto delle ordinarie attività di controllo del territorio, i militari della Nucleo Radiomobile della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo, preliminarmente intervenuti nel centro cittadino a seguito di una presunta lite tra ragazzi innescata per futili motivi, accertavano che l’alterco era stato originato da una cruenta rapina poco prima subita, in Piedimonte San Germano, Via G. D’Aguanno, da uno dei contendenti, 23 enne di Napoli,  nel contesto di una mediazione privata finalizzata alla vendita di un orologio marca Rolex modello Daytona del valore commerciale di 5.000,00 euro. Nella circostanza la predetta vittima, fisicamente aggredita dai prevenuti con pugni e calci, sotto la minaccia di un coltello, era stata costretta a consegnare il suddetto orologio. Il malcapitato aveva riportate lesioni guaribili in gg. 5 sc. (contusioni multiple ed escoriazioni), successivamente refertate dal Pronto Soccorso dell’Ospedale di Cassino.
Le attività investigative svolte, consentendo l’acquisizione di oggettivi riscontri riferibili alla dinamica delittuosa accertata, evidenziavano la spiccata pericolosità degli indagati che, vantando un presunto controllo territoriale alimentato dall’asserita contiguità ad esponenti della criminalità organizzata insediati nel basso frusinate, avevano agito con particolare efferatezza.
L’Autorità Giudiziaria mandante, condividendo pienamente le risultanze investigative acquisite dai militari operanti, disponeva l’arresto degli indagati contestualmente sottoposti alla misura cautelare degli arresti domiciliari.
A seguito delle perquisizioni locali effettuate nella mattinata, veniva sequestrato il seguente materiale rinvenuto nella disponibilità di Carbone Davide: quattro orologi marca Rolex modello Submariner; due orologi marca Rolex verosimilmente contraffatti.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Alle ore 17.30 di oggi pomeriggio, presso la sede del comando provinciale dei Carabinieri di Frosinone, si terrà una conferenza stampa durante la quale verranno illustrati i dettagli di un'operazione di polizia che ha portato all'arresto di due persone per una rapina avvenuta a Paliano.
I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia Colleferro hanno tratto in arresto l'autore della rapina al bar-tabaccheria della Stazione ferroviaria di Colleferro avvenuta nei giorni scorsi; si tratta di un uomo, di 54 anni, con numerosi precedenti di polizia.
Il sindaco di Anagni, Fausto Bassetta, questa mattina ha inviato una lettera al generale Angelo Agovino, comandante della Legione Carabinieri Lazio e al colonnello Giuseppe Tuccio, comandante provinciale di Frosinone, in merito agli arresti effettuati dai carabinieri della Compagnia di Anagni guidati dal capitano Giovanni Camillo Meo dopo un tentativo di rapina in un istituto bancario di Serrone.
Venerdì scorso il Generale di Divisione Angelo AGOVINO, Comandante della Legione Carabinieri “Lazio”, si è recato in visita presso le Compagnie Carabinieri di Pontecorvo e Sora, nonché presso la Stazione Carabinieri di Sgurgola. L’Alto Ufficiale, ricevuto dal Comandante Provinciale Col. Giuseppe TUCCIO e dai Comandanti delle Compagnie di Pontecorvo, Sora ed Anagni, rispettivamente Magg. Fabio IMBRATTA, Cap. Ciro LAUDONIA e Cap. Camillo Giovanni MEO, ha incontrato presso le Compagnie di Pontecorvo e Sora il personale, una rappresentanza dell’Arma in congedo, i membri della rappresentanza militare CO.BA.R. (consiglio di base regionale), mentre presso la Stazione di Sgurgola tutti i militari di quel Comando.
Rapina aggravata in concorso, i Carabinieri denunciano due persone di Anagni ritenute responsabili di aver preso parte alla ruberia all'ufficio postale di Acuto lo scorso primo luglio