Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Operazione "I Monatti". Usura, estorsione e lesioni personali aggravati ed in concorso: i Carabinieri del Nucleo Operativo di Cassino arrestano sei persone

12 ottobre 2017

All’alba di oggi, i Carabinieri del Comando Compagnia di Cassino, sotto il coordinamento della locale Procura della Repubblica e la direzione del Comando Provinciale di Frosinone, nonché coadiuvati dal Comando Compagnia di Pontecorvo, hanno dato esecuzione ad una attività di polizia giudiziaria in Cassino e Pontecorvo, consistente nell’esecuzione di Ordinanza di Custodia Cautelare in carcere nei confronti di sei soggetti, residenti nel frusinate.

Gli arrestati sono ritenuti responsabili dei reati continuati di “usura” (art. 644 co. 1,3,4 e 5), “estorsione” (art. 629 C.P.), “lesioni personali” (art. 582 C.P.) aggravati ed in concorso.

L’operazione, denominata convenzionalmente “I MONATTI”, è stata intrapresa dai militari del Nucleo Operativo di Cassino a seguito dell’incendio, avvenuto nel mese di marzo del 2016, di un magazzino adibito a deposito di materiale di gommapiuma, di proprietà di un noto commerciante di Cassino, già in passato (anno 2014) vittima di usura e di analogo attentato incendiario.

L’incendio del 2016 danneggiò l’intero opificio di produzione di materassi, mettendo in pericolo alcune famiglie che si trovavano negli appartamenti sovrastanti e, l’evento stesso, ritenuto sin da subito di natura dolosa, fece avviare una specifica attività info-investigativa da parte dei militari di Cassino, coordinata dal PM Dottoressa Chiara D’OREFICE – Sost. della Procura della Repubblica di Cassino.

Nel corso dell’attività svolta, i militari accertavano e riscontravano che vi era un giro di usura condotto, a vario titolo,  dagli odierni arrestati.

Il gruppo criminale, nell’ambito delle attività di usura, per costringere la vittime a pagare i debiti, non esitava a minacciarle gravemente nonché aggredirle fisicamente tanto da costringerle, in alcune occasioni,  a ricorrere in cure mediche.

I tassi applicati, che partivano dal 25 - 30%, potevano anche superare il 400%.

Difatti, le indagini, permettevano di cristallizzare l’attività usuraia del gruppo criminale che, a fronte di un prestito di 15mila euro ad un commerciante di Cassino, gli imponeva la restituzione di 20mila euro in un anno; in un altro episodio, per un prestito di 8mila euro lo stesso commerciante aveva pagato in un anno e mezzo circa 8mila euro di interessi. In un terzo episodio, il medesimo, per un prestito di 2mila euro, era stato costretto a consegnare oltre al capitale, euro 4mila di interessi in sei mesi. In un ulteriore episodio lo stesso commerciante, ormai in evidente difficoltà economica, era costretto a chiedere una ulteriore somma di denaro di 1000 euro ad altro noto soggetto, dietro corresponsione della somma totale di euro 1.600 dopo soli due mesi quindi con la l’applicazione di un tasso usuraio di quasi il 300%. 

All’interno del gruppo criminale, inoltre, vi erano due soggetti che erano dedicati proprio alla riscossione delle rate dei prestiti presso le vittime. Questi sistematicamente minacciavano i debitori quando quest’ultimi ritardavano di qualche giorno i pagamenti.

Infatti, in un occasione il commerciante di Cassino, soffocato dalle continue scadenze e non riuscendo a pagare qualche rata, dopo essere stato attratto in un tranello, venne aggredito fisicamente con calci e pugni, riportando contusioni su tutto il corpo e la frattura delle ossa nasali.

L’attività svolta ha messo in luce uno spaccato allarmante nel cassinate, che vede le vittime, evidentemente toccate dalla grave crisi economica che negli ultimi anni ha interessato il territorio nazionale, da una parte costrette a rivolgersi agli usurai per continuare la loro attività lavorativa, dall’altra, poiché annichilite dalle condotte violente degli strozzini, non sono disposte a denunciare i fatti alle forze di polizia.  

Il GIP del locale Tribunale, Giudice Massimo Lo Mastro, quindi, accogliendo totalmente la richiesta del Pubblico Ministero Dott.ssa Chiara D’OREFICE, che aveva diretto le indagini ed avvallato le risultanze investigative del Comando Carabinieri di Cassino, emetteva la suddetta ordinanza nei confronti delle sottonotate persone, tratte in arresto:

1)            Sardelli Maurizio classe 1960;

 

2)            Sardelli Giuseppe classe 1989;

 

3)            Morra Massimo classe 1967;

 

4)            Russo Gianluca classe 1974;

 

5)            Bottiglieri Gerardo classe 1977;

 

6)            Spada Silvana classe 1972;

 



Operazione "I Monatti". Usura, estorsione e lesioni personali aggravati ed in concorso: i Carabinieri del Nucleo Operativo di Cassino arrestano sei persone



Operazione "I Monatti". Usura, estorsione e lesioni personali aggravati ed in concorso: i Carabinieri del Nucleo Operativo di Cassino arrestano sei persone

TI POTREBBERO INTERESSARE

Dalle prime ore dell’alba di oggi, giovedì 12 ottobre, è in corso una vasta operazione dei Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone nei comuni di Cassino e Pontecorvo.
Nella mattinata di oggi, in Piglio, il personale del locale Comando Stazione Carabinieri coordinato dal mar. Domenico Serpico, ha tratto in arresto un 24enne del luogo, (già gravato da diverse vicende penali in materia di stupefacenti ed attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti ed estorsione), in esecuzione di specifica ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Frosinone per la violazione degli obblighi cui era sottoposto e segnalata dai militari successivamente al suo recente arresto per il commesso reato di estorsione.
Carabinieri impegnati contro il fenomeno dei furti nelle abitazioni in diverse città della provincia. Gli uomini delle forze dell’ordine hanno portato a termine un’operazione chiamata Action Day, finalizzata appunto alla prevenzione ed al contrasto dei furti in abitazione. Nel corso del servizio di controllo, nei territori dei comuni di Alatri, Anagni, Cassino, Frosinone, Pontecorvo e Sora, sono state controllate le aree dove il fenomeno è maggiormente significativo.
Dalla serata di giovedì, nelle zone più impervie del comune di Pontecorvo e luoghi confinanti, i militari della Compagnia Carabinieri di Pontecorvo assieme ai Vigili del Fuoco di Cassino, al Corpo Forestale di Frosinone e al personale della protezione civile, hanno attuato un articolato dispositivo finalizzato alla ricerca di Fernando Sardelli, 60enne di Pontecorvo, affetto da disturbi mentali e dal morbo di Parkinson, allontanatosi a piedi dalla propria abitazione nella mattinata del 3 marzo 2016 per ignota destinazione. "L'uomo - spiegano i Carabinieri - è di corporatura esile, alto circa m.1,60, capelli lunghi neri, senza occhiali, barba incolta, occhi verdi. Al momento dell’allontanamento calzava stivali di gomma di colore verde, indossava un giubbino di colore blu riportante nella parte posteriore la scritta “Autoricambi Pomezia” e pantaloni di colore grigio".
Controversie sentimentali. Evidentemente molto accese. Tanto da spingere un uomo a tentare di bruciare le auto del rivale. Per questo motivo, a quanto sembra, la scorsa notte ad Alatri, i carabinieri hanno tratto in arresto, in flagranza di reato, un uomo di 44 anni, resosi responsabile di tentata estorsione e tentato incendio.