Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Acuto. 24enne di Piglio tenta di estorcere 400 euro ad un coetano minacciandolo di morte nel caso in cui si fosse rivolto alle Forze dell'Ordine: arrestato

12 ottobre 2017

Aveva preteso 400 euro da un ragazzo per restituirgli il cellulare. Arrivando a minacciarlo di morte in caso il giovane si fosse rivolto alle forze dell’ordine. Per lui sono scattate le manette per estorsione. È successo ad Acuto. Protagonista un 24 enne di Piglio, già noto per reati contro la persona e contro il patrimonio ed attualmente sottoposto al regime degli arresti domiciliari per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per violazione degli obblighi imposti dall’Autorità giudiziaria. Il giovane, dopo essere venuto in possesso di uno smartphone IPHONE 7, smarrito due giorni prima da un 21enne di Acuto, ha chiesto al giovane 400 euro per riavere il telefono. Minacciandolo di morte nel caso avesse presentato denuncia alle Forze di Polizia. Per nulla intimidito dalle minacce ricevute, il 21 enne ha presentato denuncia presso la locale Stazione Carabinieri; e le forze dell’ordine hanno arrestato il 24 enne di Piglio. Il telefonino è stato restituito al legittimo proprietario, così come il denaro versato per la restituzione del telefono, ritrovato all’interno dell’armadio della camera da letto dell’arrestato. Il giovane, espletate le formalità di rito, è stato trattenuto presso le camere di sicurezza della Compagnia Carabinieri di Anagni in attesa del rito direttissimo disposto dall’Autorità Giudiziaria.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Si scaglia contro i carabinieri arrivati a svolgere alcune indagini. Inevitabile l’arresto. È accaduto oggi, martedì 5 luglio, ad Acuto.
Anagni. Coltivava nella sua casa di via Case nuove diverse piante di marijuana: scoperto ed arrestato dai Carabinieri coordinati dal cap. Giovanni Camillo Meo I Carabinieri della Compagnia di Anagni agli ordini del cap. Giovanni Camillo Meo hanno tratto in arresto nel pomeriggio di oggi - venerdì 5 agosto - un 41enne di Anagni, colpevole di aver dato vita ad coltivazione di diverse piante di marijuana, quattro per la precisione, nella sua abitazione di via Case nuove ad Anagni.
anagnia.com ha intervistato il cap. Giovanni Camillo Meo, comandante della Compagnia dei Carabinieri della città dei Papi da cui dipendono le stazioni di Anagni, Morolo, Ferentino, Sgurgola, Piglio, Acuto e Paliano.
I Carabinieri della stazione di Acuto agli ordini del mar. Luca Sarra hanno tratto in arresto, ieri, martedì 3 aprile, in esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dall’Ufficio Esecuzioni Penali del Tribunale di Frosinone in data 27 marzo scorso, un 53enne, cittadino tunisino domiciliato ad Acuto, già censito per reati contro la pubblica amministrazione, la giustizia ed il patrimonio; l'uomo deve espiare la condanna ad un anno e due mesi di reclusione. Il provvedimento è scaturito a seguito del cumulo delle condanne inflitte per i reati di evasione, resistenza a Pubblico Ufficiale e furto aggravato commessi in Acuto negli anni 2007-2012.
Colto con le mani nel sacco: un giovane residente a Ferentino è stato tratto in arresto dai Carabinieri della Compagnia di Anagni impegnati in mirati servizi finalizzati alla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio. Gli uomini coordinati dal cap. Giovanni Camillo Meo, a seguito di una segnalazione per furto in atto ai danni di una tabaccheria, sono intervenuti cogliendo il giovane in flagranza di reato: