Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Maxi-operazione antidroga in provincia di Frosinone: arrestate sei persone

20 settembre 2016

Ieri – lunedì 19 settembre - in tarda serata, nell’ambito di rafforzati servizi di prevenzione e controllo del territorio disposti in tutta la Provincia, realizzati congiuntamente da tutte le articolazioni provinciali di Polizia e Carabinieri, i militari del Nucleo Investigativo e della Compagnia Carabinieri di Cassino unitamente agli agenti della Squadra Mobile e del Commissariato di P.S. di Cassino hanno tratto in arresto 6 persone per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente e recuperato un ingente quantitativo di droga: circa 30 Kg di hascisc e 11 Kg di cocaina.
In particolare, intorno alle ore 19 circa, nei pressi del casello autostradale di Frosinone, da dove avrebbero imboccato l’autostrada con direzione sud, sono stati fermati due veicoli con a bordo quattro persone (3 italiani ed un sudamericano, tutti residenti a Napoli) di cui 2 pregiudicate per reati inerenti droga. Questi, non avendo saputo fornire valide motivazioni circa la loro presenza sul territorio e anche perché le due macchine erano state viste poco prima transitare in città con gli occupanti invertiti, hanno fatto insospettire il personale operante, che decideva di approfondire il controllo e di perquisire le autovetture rinvenendo, nel bagagliaio di una, un sacco nero contenente circa 20 Kg di hascisc suddivisi in 20 panetti.
Tale evento portava a ritenere che i soggetti avessero prelevato in zona lo stupefacente e quindi gli operanti, mettendo a frutto delle informazioni che erano in fase di valutazione, hanno deciso di procedere, in varie zone della provincia, ad alcune perquisizioni domiciliari di abitazioni riconducibili a persone ritenute gravitanti nel mondo della droga e infatti una di queste, in zona Arnara, dava esito positivo con la scoperta di ulteriori 10 Kg di hascisc e 11 kg di cocaina nonché 30.000 euro in contanti in altra abitazione. Per quanto sopra venivano fermate e tratte in arresto, per detenzione di sostanze stupefacenti, ulteriori 2 italiani, pregiudicati sempre per reati specifici, che avevano la disponibilità sia della casa dove è stata recuperata la droga che quella dove è stato rinvenuto il denaro, presumibilmente profitto dello spaccio, nonché erano stati notati poco prima nelle vicinanze dell’obiettivo attenzionato dove è stata recuperata la sostanza stupefacente.
I 6 arrestati, su disposizione del Sost. Proc. Dott.ssa Caracuzzo, sono stati tradotti presso il carcere di Frosinone.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Vendeva droga da un bunker realizzato allo scopo in una palazzina ATER di viale Spagna a Frosinone: 21enne ferentinese incensurato tratto in arresto dai Carabinieri del Comando Provinciale di Frosinone
In giro per Serrone con la droga in tasca: 41enne tratto in arresto dai Carabinieri di Piglio
Un 26enne pluripregiudicato residente nella parte alta del capoluogo è stato trovato in possesso di circa 1,6 kg di sostanza stupefacente tra cocaina, hashish, mariujana e shaboo a seguito di un blitz all'interno della sua abitazione operato dal reparto Volanti della Questura di Frosinone; lo shaboo è una pericolosissima droga sintetica, dieci volte più potente della cocaina, con effetti choc sul corpo, a base di metanfetamina. Parte della droga era già suddivisa in dosi, il restante in panetti pronti al confezionamento. Il 26 enne era da tempo guardato a vista dagli uomini della squadra volante che in diverse occasioni aveva proceduto al suo arresto.
Alle ore 17.30 di oggi pomeriggio, presso la sede del comando provinciale dei Carabinieri di Frosinone, si terrà una conferenza stampa durante la quale verranno illustrati i dettagli di un'operazione di polizia che ha portato all'arresto di due persone per una rapina avvenuta a Paliano.
Operazione coordinata Carabinieri/Polizia di Stato: il Questore di Frosinone ordina la sospensione delle attività ad una sala giochi di Anagni; secondo gli inquirenti all'interno vi avvenivano scambi di droga