Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Anagni. Furto notturno in un appartamento di Viale Regina Margherita.

9 marzo 2015

Una casa del centro di Anagni, in viale Regina Margherita, è stata “visitata” dai ladri nella notte tra l'8 ed il 9 marzo. Secondo quanto riferiscono i carabinieri della compagnia di Anagni il furto si sarebbe verificato in piena notte. I ladri sarebbero entrati nell’abitazione, una casa di condominio, forse usando il gas, ed avrebbero poi preso oggetti e valori contenuti nell’abitazione. La famiglia presente nella casa non si sarebbe accorta di nulla. Non si conosce ancora l’ammontare preciso del bottino.

Per la foto si ringrazia Alberto Coletti Conti


TI POTREBBERO INTERESSARE

Incidente notturno ad Anagni nella zona di viale Regina Margherita.
Furto notturno alla Ecocar 2000 di Anagni. Nella notte tra giovedì 8 e venerdì 9 dicembre ignoti ladri sono riusciti ad entrare all’interno della ditta, forzando la recinzione e praticando un buco in un muro degli uffici. Una volta entrati all’interno, hanno trafugato diverse attrezzature di valore. Ed hanno poi portato via un’Alfa del valore di diverse migliaia di euro.
Anagni. Da porta Cerere a viale Regina Margherita: cambia sede e nome la storica pizzeria dell'Arco; il 27 ottobre l'inaugurazione dei nuovi locali e del nuovo nome: pizzeria "Regina Margherita"
Non è ben chiaro se si tratti di un vigliacco atto vandalico di qualche ragazzino incivile o se, addirittura, di un furto perpetrato durante le ore notturne: fatto sta che dalla notte tra giovedì e venerdì scorsi diverse pietre che facevano parte della pavimentazione del marciapiede di viale Regina Margherita sono state divelte ed asportate. Nelle vicinanze, alcuni commercianti che operano in zona, ne hanno ritrovate solo alcune. Le altre, forse, sono state rubate magari per essere riutilizzate altrove.
"Un brindisi ai libri": sabato 6 luglio al convitto nazionale "Regina Margherita" l'evento organizzato dall'Istituto di Storia e Arte del Lazio meridionale