Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Addio a Mary Pace, appassionata scrittrice e donna dalle grandi doti umane e civili; le esequie previste per sabato 31 agosto a Sgurgola, suo paese natìo

30 agosto 2019

Appassionata scrittrice, un passato trascorso a servizio delle più importanti agenzie governative di Intelligence, ma soprattutto donna dalle grandi doti umane e civili: Mary Pace, sgurgolana, è venuta a mancare questa mattina nell'ospedale di Frosinone dove si trovava ricoverata. Epica la sua battaglia legale davanti il Tribunale di Roma, che l'ha vista "affrontare" il Ministero dell'Interno italiano ed il Dipartimento di Stato USA, che rappresenta la "titanica" CIA, famigerata Agenzia di spionaggio statunitense.  
Per chi, eventualmente, si fosse perso qualche passaggio di tale straordinaria vicenda, la quale ha conferito lustro ad una certa Tradizione della nostra Intelligence, basti pensare che nel 2003 Mary Pace fu informata delle dettagliate coordinate concernenti il covo di Osama Bin Laden, capo di al-Qaeda, all'epoca l'uomo più "ricercato" e pericoloso al mondo. La 007 ricevette la comunicazione direttamente da Guido Giannettini, ex "Agente Z" del SID, nonché militare di eccelsa levatura. Sempre nel 2003, Mary Pace riferì le suddette notizie a due Ispettori della DIGOS di Frosinone, i quali provvidero l'indomani a trasmettere al Viminale l'opportuna informativa. Nel 2010, invece, a causa di un immobilismo inspiegabile da parte delle Istituzioni Italiane, riscontrato fino ad allora, la Pace si vide costretta a rivolgersi alla CIA, cui rappresentò le coordinate del rifugio in cui si celava lo "Sceicco del terrore". Il Governo statunitense, come da sua consuetudine, aveva istituito una taglia di 25 milioni di dollari sulla testa di Osama, somma che avrebbe elargito dietro comunicazione di informazioni utili alla sua cattura. Come noto, Washington si è arbitrariamente attribuita la paternità dell'operazione di Intelligence, che avrebbe permesso alla Casa Bianca di scovare Bin Laden. Di conseguenza, il Governo USA ha revocato la relativa taglia. Pertanto, la nostra 007 è dovuta ricorrere all'Autorità Giudiziaria, citando appunto Viminale e CIA, per vedersi riconosciuta la somma di sua spettanza, peraltro di ingente valore.
A questo link, l'intervista realizzata da anagnia.com alla sign.ra Mary Pace.
La nostra redazione, così come anche i nostri lettori, sono vicini alla famiglia e in particolar modo alla figlia Patrizia. I funerali si terranno domani 31 agosto alle ore 16.00 a Sgurgola. La salma sarà esposta alle 18.00 nella camera ardente dello stesso nosocomio per poi essere trasferita presso l’abitazione di Mary, a Sgurgola.


TI POTREBBERO INTERESSARE

A Paliano via al concorso fotografico "Così come sei" organizzato da Casa Johnny&Mary
Sgurgola. Finalmente siamo riusciti ad avvicinare, impresa non facile, Mary Pace, l'ormai famosa 007 italiana, nota in àmbito internazionale presso le più importanti Agenzie governative di Intelligence. D'altronde, il suo lungo passato presso i Servizi Informativi italiani ed esteri, oltre 45 anni sul campo quale Agente operativo, nonché la sua fama, la precedono. Ormai siamo alle battute finali della causa pendente avanti il Tribunale di Roma, che vede Mary Pace "affrontare" il Ministero dell'Interno italiano ed il Dipartimento di Stato USA, che rappresenta la "titanica" CIA, famigerata Agenzia di spionaggio statunitense.
Conclusa la terza edizione del concorso fotografico "Così come sei" organizzato da Casa Johnny&Mary di Paliano; ecco i nomi dei vincitori
Piazza Innocenzo III di Anagni ospita il tributo a Mary Poppins, la magica tata che ha fatto divertire intere generazioni; l'idea, anche stavolta, è dell'appassionata insegnante Annarita Pontecorvo. Appuntamento lunedì 2 settembre
Mary Pace, apprezzata scrittrice sgurgolana, alle spalle una vita spesa nell'intelligence nelle vesti di agente operativo, presenta il suo ultimo libro "Incazzata nera", esposizione analitica e dettagliata delle operazioni condotte nell'antiterrorismo."Le mie informative - scrive Mary nella presentazione del suo libro - sono sempre state il frutto di sacrifici personali, avendo dovuto affrontare non pochi rischi alla mia stessa vita. Spesso mi sono scontrata con certe istituzioni amorfe, se non addirittura composte da uomini corrotti, perfetti criminali che hanno disatteso le mie indicazioni. A causa di tali censurabili condotte, centinaia di innocenti hanno trovato la morte, come nel tremendo attentato dell'undici marzo del 2004 a Madrid.