Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Gran medaglia D’oro all’azienda Giovanni Terenzi di Serrone; il sindaco Giancarlo Proietto: "un onore e un orgoglio per il nostro Comune e per il nostro territorio"

26 giugno 2019

Si è svolta lunedì, nella splendida cornice della rocca dei Rettori a Benevento la premiazione del XVIII Concorso Enologico Internazionale Città del Vino 2019 che ha visto come protagonista Il Vajoscuro dell’azienda agricola di Giovanni Terenzi di Serrone.
Alla presenza del presidente della provincia di Benevento Antonio Di Maria, del Presidente dell’Associazione Nazionale Città del Vino Floriano Zambon è stata consegnata all’azienda Giovanni Terenzi, rappresentata da Giovanni e dal figlio Armando, il prestigioso riconoscimento della Gran medaglia D’oro. Ad accompagnare la famiglia Terenzi per il Comune di Serrone il Sindaco Giancarlo Proietto ed il Vice Sindaco Enilde Tucci.
“ E’ stato un onore per me – dichiara il Sindaco Giancarlo Proietto – poter presenziare alla premiazione ed essere al fianco di Giovanni ed Armando Terenzi in questo importante momento. Il loro lavoro e la loro professionalità hanno consentito al nostro territorio di ottenere un altro grande riconoscimento nel settore vitivinicolo con il “Vajoscuro” che è stato l’unico Cesanese DOCG ad aver ottenuto la Gran medaglia D’oro”.
Soddisfazione della famiglia Terenzi “ci teniamo particolarmente a ringraziare il nostro comune perché facendo parte delle “Città del Vino” ci ha dato la possibilità di partecipare a questo consorso internazionale che più di tutti rappresenta il perfetto connubio tra vino e territorio. Siamo orgogliosi di aver vinto questa Gran medaglia D’oro con il nostro Cesanese del Piglio DOCG Riserva “Vajoscuro” che rappresenta ed ormai identifica la nostra azienda nel nostro territorio”

si ringrazia Andrea Lucidi per la cortese disponibilità e collaborazione nella stesura di questo articolo


TI POTREBBERO INTERESSARE

Interessante occasione per degustare e conoscere i migliori vini, grazie alla consulenza e alla guida di docenti qualificati: ad organizzare il primo corso di degustazione di vini "Come avvicinarsi al mondo del vino" ci ha pensato la famiglia Terenzi, titolare dell'omonima cantina fondata dal sig. Giovanni (foto in alto). In totale sono cinque le lezioni, con cadenza settimanale, che si terranno presso l'azienda della famiglia Terenzi in via Forese n. 13 a La Forma di Serrone. Il corso inizierà alle 21 del prossimo 19 febbraio. Per informazioni ci si può rivolgere a uno di questi numeri di telefono: 0775595466; 0775594286; 3385291350.
Sarà l'occasione perfetta per assaggiare prodotti tipici e degustare ottimi vini quella organizzata dalla famiglia Terenzi delle Cantine Giovanni Terenzi di Serrone per domenica 10 luglio alle ore 18.00 nell'azienda che ha sede in località La Forma; protagonista indiscusso della serata sarà il vino Villa Santa, passerina del frusinate che solo qualche giorno fa è stato premiato con la medaglia d'argento al concorso enologico internazionale "La Selezione del Sindaco 2016" a L'Aquila. Per informazioni e prenotazioni ci si può rivolgere a questo numero di telefono 0775595466 oppure si può inviare una mail a info@viniterenzi.com.
Visita di fine corso alla Cantina Terenzi per i corsisti che hanno preso parte alla serie di lezioni del primo livello della scuola di Sommelier AIS di Roma; nei giorni scorsi a Serrone, la famiglia Terenzi ha ricevuto la gradita visita degli studenti e del presidente dell-importante azienda - produttrice, tra l'altro, di rinomati vini quali il Velabro e il Vajoscuro - per raccontare la Terra di Ciociaria e svolgere una lezione didattica sul vino Cesanese, con le sue peculiarità e la particolare vocazione del territorio e della famiglia Terenzi per questo vino. I ragazzi, dopo aver trascorso una giornata in azienda, sono andati via entusiasti di aver assistito alle lezioni in vigna tenute da Giovanni Terenzi, ma soprattutto di aver scoperto un territorio, quello in cui si produce il vino Cesanese, capace di offrire così tante meraviglie ed opportunità.
Serrone. Recuperate e destinate allo smaltimento due carcasse d'auto che da oltre 30 anni giacevano tra gli alberi del bosco di monte Scalambra; l'amministrazione del sindaco Giancarlo Proietto in prima linea nella difesa dell'ambiente e del territorio
Si è conclusa nei giorni scorsi la prima edizione del corso di degustazione e di conoscenza del vino di qualità organizzato dai titolari della società agricola Giovanni Terenzi di La Forma di Serrone. Ai corsisti - che hanno seguito con attenzione e dedizione le lezioni iniziate a febbraio scorso - è stato consegnato un attestato di partecipazione firmato dai relatori del corso, Roberto De Vecchis e Carlo Zucchetti, e dallo stesso Giovanni Terenzi, titolare dell'azienda. La cena conclusiva del corso, con degustazione di ottimi piatti e relativi abbinamenti di vini, si è tenuta nella splendida location del ristorante Belsito di Serrone. "Visto il successo di questa prima edizione e l'interesse mostrato dai partecipanti - fanno sapere dalla famiglia Terenzi - presto organizzeremo altri corsi specifici per permettere a coloro che vorranno partecipare di imparare a riconoscere e ad apprezzare la magia del vino".