Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Rifiuti, erba alta ed incuria al lago di Canterno: la denuncia dei nostri lettori

17 giugno 2019

L’erba è alta più di un metro, in alcuni punti quasi due. Così alta che anche le panchine scompaiono tra ortica e piante infestanti. E poi ci sono i rifiuti: a terra chissà da quanto, umiliano il gioiello naturalistico del Lago di Canterno che da settimane è nel degrado più totale. La denuncia arriva da alcuni nostri lettori: "negli anni precedenti, in questo periodo, il lago era frequentatissimo; ora l’area verde è inutilizzabile, totalmente impraticabile". Il biglietto da visita è l’ingresso: un cestino pieno di rifiuti, ormai maleodorante a causa dell’afa estiva, è come se lasciasse presagire quel che si troverà attraversando l’enorme giardino. Immondizia ovunque, erbacce cresciute a dismisura e non potate da chissà quanto, pozzanghere ora “covo” di zanzare e altri insetti. Al lago di Canterno torna la Savana, con il verde pubblico ridotto in questo stato. E la parola d’ordine è incuria.


TI POTREBBERO INTERESSARE

La Regione Lazio ha deciso per la modifica alla legge regionale 6 ottobre 1997, n. 29 “Norme in materia di aree naturali protette regionali” e successive modifiche. In soldoni, in considerazione del carattere di rilevante valore naturalistico e ambientale, meritevole di tutela ai sensi della l.r. 29/1997, le iniziative e le funzioni destinate alla conservazione e valorizzazione della Riserva naturale del Lago di Canterno sono attribuite all’ente regionale di diritto pubblico Parco regionale dei Monti Ausoni e Lago di Fondi.

Erba alta, ma non solo: le ombre oscure nella gestione dell'area protetta della Riserva Naturale del Lago di Canterno tra grandi progetti, appalti e finanziamenti. E con il CDA il cui mandato è scaduto da ben quattro mesi

Sul sito istituzionale dell'ente si fa riferimento all'acquisto di un costosissimo trinciaerba, del quale - però - si sarebbero perse le tracce...
Sono decine e decine i visitatori che quotidianamente, approfittando pure dell'approssimarsi della bella stagione, si recano presso la riserva naturale del lago di Canterno, ente gestito dalla Provincia di Frosinone che - a sua volta - ha creato un'azienda speciale provinciale con tanto di presidente, consiglio di amministrazione e relativi consulenti tecnici e amministrativi. Altrettanti sono i visitatori che, però, preferiscono rinunciare all'interessante passeggiata lungo le sponde del lago perchè inaccessibile a causa dell'erba alta cresciuta tutto attorno al lago.
Il 20 e 21 maggio si terrà a Fumone il Convegno di studi dal titolo "Il lago di Canterno patrimonio comune da preservare: novità istituzionali e ricerche scientifiche", ideato dall'Associazione culturale Il Guitto e organizzato con il sostegno del Comune di Fumone.
Una giornata dedicata alle persone sole e bisognose della diocesi Anagni-Alatri. Si tratta di “Una domenica insieme”. L’iniziativa si è svolta domenica scorsa presso il Monastero della Madonna della Stella, vicino al lago di Canterno. A rendere possibile la bella iniziativa sono stati gli esponenti della diocesi di Anagni- Alatri, più esattamente un gruppo inter parrocchiale composto da elementi di tutte le parrocchie anagnine
“Il Comune di Ferentino deve fare la sua parte per la riqualificazione e promozione di uno dei beni ambientali più importanti del nostro territorio come il Lago di Canterno”; a dirlo è Marco Maddalena, consigliere comunale per conto di Sinistra, Ecologia e Libertà.In una recente interrogazione, la Consigliera Regionale Daniela Bianchi ha evidenziato lo stato di abbondono da parte dell’istituzioni della Riserva Naturale di Canterno con la presenza di microdiscariche abusive e di abusivismo edilizio.