Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Piglio. Gli affreschi della chiesa di San Rocco-Madonna della Valle 34 anni fa a “C’è da Salvare”

4 maggio 2019

I due affreschi incustoditi nella chiesa di "San Rocco-Madonna della Valle" uno di scuola giottesca-napoletana del 1400 raffigurante la Madonna delle Rose in trono attorniata dal Beato Andrea Conti, da San Giovanni Evangelista, da San Leonardo e da S. Antonio Abate e l’altro di scuola di Raffaello del 1595 raffigurante la Madonna in trono con il Bambino e San Giovannino della Croce che porge la croce al Divin Figliuolo sono andati in visione su Rai 2, il 5 Maggio 1985 alle ore 13,30, nella Rubrica “C’è da Salvare”, condotta dal giornalista Carlo Picone. Questa storica chiesetta, salita alla ribalta 35 anni fa (1984) per il ritrovamento di un affresco di scuola giottesca riproducente la Madonna delle Rose in trono attorniata da santi e Beati, è l’unica chiesa nella Regione a possedere due affreschi di Madonne uno del ‘400 e l’altro del ‘500.
Purtroppo l’ultimo affresco rischia di veder rovinata la sua fragile struttura se non si interviene immediatamente con una urgente opera di restauro, come è stato fatto per l’affresco trecentesco sotto la direzione del dott. Franco Rossi della Soprintendenza ai Beni Architettonici e Monumentali del Lazio nel 1991.
Per la storia, la chiesa di San Rocco aveva ottenuto dal Ministero dei Beni Culturali la modica cifra di 600 milioni di vecchie lire utili al globale recupero del sacro edificio. Di questa somma, solo una parte è stata utilizzata per il consolidamento delle pareti esterne e per il restauro del tetto sotto la direzione dell’arch. Seno e dell’Ing. Formosa.
Della restante somma, che era destinata al rifacimento interno della chiesa, non si è saputo più nulla. Auspichiamo che il Ministero dei Beni Culturali, la Regione Lazio riesumando la pratica di San Rocco di Piglio possano verificare quanto è successo tutto a danno di una chiesa che sta giorno dopo giorno perdendo i tesori artistici, che deperiscono sempre più per la forte umidità proveniente dal tetto e dal fosso a cielo aperto confinante.
Piovono contributi regionali per le sagre goderecce di un sol giorno e per i divertimenti di piazza e, purtroppo, non ci sono i fondi necessari per la salvaguardia del patrimonio artistico-culturale del nostro Paese. Per l’arte, come al solito, bisogna stringere la cinta dice amareggiato Giorgio Alessandro Pacetti scopritore degli affreschi!


TI POTREBBERO INTERESSARE

Piglio. Il neo-rieletto sindaco avv. Mario Felli presenta la nuova giunta
La segnalazione, nei giorni scorsi, apparsa sulla stampa locale da parte dello studioso di storia locale Giorgio Alessandro Pacetti, relativa al taglio dell’erba nell’area antistante alla chiesa di san Rocco Madonna della Valle, ha sortito gli effetti desiderati.
Il Sindaco avv. Mario Felli e l’Assessorato alla Cultura avv. Francesco Fontana, hanno inserito, nella manifestazione natalizie 2018-2019, un concerto di musica classica nella splendida chiesa settecentesca francescana di San Lorenzo di Piglio come da locandina. L’appuntamento è per domenica 9 dicembre alle ore 17.00. L'ingresso è libero. Tutti sono invitati a partecipare per assistere ad una serata esclusiva ed artistica. Giorgio Alessandro Pacetti
La colpa è solo per la siccità? Nel caratteristico laghetto dell’Inzuglio è sparita l’acqua. L’amara segnalazione è sempre di Giorgio Alessandro Pacetti che con queste due foto vuole evidenziare l’accaduto. Peccato!!! Anche a Piglio, c’era una volta, come nelle fiabe un laghetto. Giorgio Alessandro Pacetti
Un gruppo di polacchi in visita a Piglio; ad accoglierli Carlo Loreti e Giorgio Alessandro Pacetti