Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Con “Serrone 2030” per rigenerare il borgo: il progetto del Comune di Serrone al terzo posto nella graduatoria del bando regionale

30 aprile 2019

 

Una nuova opportunità per Serrone: attrarre eccellenze in campo professionale e dare una prospettiva formativa alle giovani generazioni allo scopo di rigenerare il caratteristico e antico borgo. E’ questo l’obiettivo, e allo stesso tempo la sfida, che si propone il progetto “Serrone 2030 – Scuola Lavoro Ambiente nella prospettiva sostenibile e inclusiva”, piazzatosi al terzo posto nella graduatoria di un apposito bando regionale.

Sarà un mese di maggio ricco di iniziative e di fermento per il borgo montano ai piedi dello Scalambra che, su indirizzo dell’amministrazione comunale, ha deciso di puntare su scuola, lavoro e ambiente, mettendo in campo azioni di formazione e cultura oltre che di contrasto alla dispersione scolastica, sviluppo dell’economia e dell’occupazione, tutela dell’ambiente, del paesaggio e del territorio.

Nell’ambito dell’Agenda 2030 elaborata nel 2015 dall’Onu, il progetto “Serrone 2030” si articola in una serie di attività, formative e laboratoriali in tre fasi, con interventi di esperti delle politiche del lavoro/scolastiche ed ambientali in un incontro tra cultura, storia, enogastronomia e valorizzazione dei talenti. Presso la sede comunale saranno disponibili in via sperimentale i tre sportelli (scuola, lavoro, ambiente), destinati a tutta la popolazione, per promuovere un piano metodologico centrato sulle politiche educative, lavorative e ambientali e finalizzato alla produzione del Catalogo della Formazione Serrone 2030: un volume che disegna possibili percorsi di formazione professionale e di apprendimento permanente alla sostenibilità per insegnanti, occupati, disoccupati, adolescenti, giovani adulti ed adulti maturi, che orientano nelle scelte di vita e lavoro e ad un rafforzamento delle proprie skills personali e professionali. Scuola, Lavoro e Ambiente costituiscono, infatti, i tre principali ambienti educativi e formativi che pongono al centro delle strategie di intervento la persona in quanto cittadino e soprattutto per rendere possibile l’applicabilità del proprio diritto di apprendimento.

 

In collaborazione con Lazio Innova che ha dato disponibilità al Comune di Serrone a sviluppare il progetto saranno realizzate le seguenti attività:

  • “Serrone Scuola” si articola in un tavola rotonda dal titolo “Fare scuola tra modelli innovativi, nuove metodologie didattiche, progettazione formativa in prospettiva 2030” e due spazi laboratoriali sui temi della flipped classroom e la progettazione di spazi pensati, con il coinvolgimento di studiosi, docenti ed educatrici (4 Maggio 2019).

  • “Serrone Lavoro” si apre con una tavola rotonda che affronterà il tema della “Orientamento, Professione e Professionalità: come orientarsi, come scegliere, come apprendere”, a cui seguiranno due laboratori sulle nuove opportunità per spendersi nel mondo del lavoro tra orientamento professionale e work-based learning, con esperti nel settore delle politiche attive del lavoro (5 Maggio 2019).

  • “Serrone Ambiente” prevede l’organizzazione della Giornata Serrone for the Future: #TrashChallenge e laboratori sostenibili (4 Maggio 2019).

 

La Presentazione ufficiale del progetto Serrone 2030, alla presenza della stampa, delle autorità, degli esperti del settore, si terrà venerdì 3 Maggio 2019, a partire dalle ore 18:00 presso il Teatro Karol Wojtyla, con un tavolo di lavoro sulle opportunità di istruzione, apprendimento e lavoro nella prospettiva dell’Agenda sulla sostenibilità.

 

“Questo progetto ci consente di avviare un discorso di marketing territoriale – dichiara il Sindaco Giancarlo Proietto – per la riqualificazione culturale e sociale del borgo di Serrone a partire da un’attenta analisi dei fabbisogni formativi e professionali nella prospettiva dei goals 4 (apprendimento permanente) e 8 (lavoro dignitoso) al fine di potenziare. Si vuole pertanto, attraverso azioni progettuali comuni, favorire una ripensabilità ed un percorso di rigenerazione del borgo. Il progetto Serrone 2030, qualificato come uno dei migliori progetti su 211 candidature pervenute, intende richiamare l’attenzione della popolazione su temi particolarmente delicati al fine di costruire delle azioni comune per un’educazione sostenibile ed una formazione alla sostenibilità. Vi aspettiamo a Serrone il 3, 4 e 5 maggio 2019 e la prima decade di giugno per la chiusura dei lavori e la presentazione ufficiale del Catalogo della Formazione Serrone 2030!”.



TI POTREBBERO INTERESSARE

A Serrone, di fronte a molti amici e simpatizzanti, i consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto, hanno espresso l'opportunità di andare oltre il progetto civico-amministrativo che nel 2013 portò alla formazione della coalizione del Giglio. Infatti, evidenziando la necessità di avviare un cammino nuovo verso le amministrative del 2018, Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto hanno ritenuto superate le motivazioni che avevano portato alla nascita della coalizione del Giglio. I due consiglieri hanno sottolineato che il nuovo progetto civico-amministrativo "vuole guardare avanti coinvolgendo le persone e le componenti della società civile di Serrone che non si riconoscono più nell'anonima amministrazione Nucheli e accogliendo tutte quelle persone ed idee che vogliono concorrere a rendere Serrone un'eccellenza vera sul panorama nazionale in grado di garantire ai propri concittadini, alle associazioni, alle istituzioni religiose, alle imprese e alle attività commerciali che operano sul territorio un futuro migliore fatto di crescita e di espansione attraverso la valorizzazione di tutte le risorse che l'intero territorio di Serrone offre".
I consiglieri di opposizione Giancarlo Proietto e Andrea Moscetta (foto a sinistra) invitano i serronesi - e non solo - ad aderire alla raccolta di firme a sostegno della proposta di legge sulla
Maggiore attenzione e controllo capillare del territorio: a chiederlo, tramite una nota inviata a questa redazione, i due consiglieri all'opposizione al comune di Serrone Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto che, con l'approssimarsi delle festività natalizie tornano a sollecitare il sindaco Natale Nucheli e l'intera amministrazione a fornire risposte alla cittadinanza su temi che incidono in maniera importante sul bilancio del Comune - "e quindi sul bilancio delle famiglie di Serrone" - e potenzialmente sulla salute di tutti i cittadini.
Riceviamo e pubblichiamo la nota dei consiglieri di opposizione Andrea Moscetta e Giancarlo Proietto. “Il muretto della piazzitella di Serrone non è una semplice struttura verticale con funzione portante ma un oggetto che parla ed ha sentimento per via del suo valore storico (anche se non remoto), sociale ed inevitabilmente affettivo.
Serrone. Il neo-sindaco Giancarlo Proietto nomina gli assessori: Enilde Tucci, Andrea Moscetta, Claudia Damizia, Mario Terenzi; “subito al lavoro per il paese”