Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Interventi di tutela e valorizzazione del patrimonio archeologico a Veroli: il sarcofago di epoca romana rinvenuto nel 1947 spostato nel museo civico archeologico di prossima inaugurazione

10 aprile 2019

A poco più di settant’anni dal suo rinvenimento, il sarcofago di epoca romana ospitato nel piazzale Vittorio Veneto, sul retro del monumento ai caduti, trova finalmente idonea collocazione nell’ambito del nuovo allestimento del museo civico archeologico di Veroli, di prossima inaugurazione.
Ritrovato nel 1947 lungo la direttrice di collegamento tra le contrade Santa Francesca e Fontana Fratta, il manufatto costituisce importante testimonianza della presenza di un’area funeraria di epoca romana lungo l’attuale via Case Branca.
Di probabile produzione locale, realizzato in pietra calcarea, il sarcofago si caratterizza per la cassa liscia parallelepipeda ricavata in un unico blocco (cm 210 x 73 x 60) e coperchio a doppio spiovente.
Il materiale lapideo presenta alterazioni fisiche e chimiche della superficie dovute alla prolungata esposizione all’aperto; ai naturali processi di degrado determinati da attacco biologico e inquinamento, si aggiungono quali cause del precario stato di conservazione i danneggiamenti dovuti ad atti vandalici.
L’opportuno trasferimento nei locali del museo, a fini di tutela, ha consentito l’avvio dell’intervento di restauro conservativo – affidato alla dott.ssa Federica Valente (Zovini s.r.l.), sotto l’alta sorveglianza scientifica del funzionario archeologo della Soprintendenza, dott.ssa Daniela Quadrino - che consentirà di eliminare anche le numerose superfetazioni in materiale cementizio, applicate in epoca recente. Le prospettive di ricerca prevedono lo studio di carattere storico-artistico e tipologico e l’analisi petrografica della pietra calcarea, utili a chiarire la cronologia del pezzo.
Gli interventi rientrano nell’ambito dei progetti di valorizzazione del patrimonio archeologico verulano, avviati grazie alla sinergia tra la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Frosinone, Latina e Rieti diretta dalla dott.ssa Paola Refice e l’amministrazione comunale del Sindaco Avv. Simone Cretaro.


TI POTREBBERO INTERESSARE

Venerdì 27 maggio alle ore 17.00 nella Sala Gregorio IX del Palazzo Bonifacio VIII Federica Colaiacomo, dottore di Ricerca in Archeologia post-classica e direttrice del Museo Archeologico di Segni, parlerà di "Archeologia a 360°: il Museo Archeologico di Segni dai progetti di ricerca alla didattica".
Dispersione scolastica. A Veroli due coniugi denunciati per non aver mandato il figlio a scuola
Il 5 dicembre 2015 sarà una giornata dedicata agli scavi del Castello di Piombinara. Nell’ambito delle manifestazioni per la ricorrenza degli 80 anni dalla nascita del Comune di Colleferro e per gli 800 anni dalla morte del papa Innocenzo III, alle ore 16.30, presso la Sala Consiliare, sarà presentato il II° volume dedicato della “Missione Archeologica di Piombinara” dal titolo : “Il Castello di Piombinara, la chiesa e il cimitero. Le indagini 2004-2013”. Interverranno la Dr.ssa Francesca Zagari (Archeologa) ed il Dr. Luca Calenne (Storico dell’Arte). Il volume è stato stampato con il contributo della LR 42/1997-Piano Musei 2011, ha avuto come partner istituzionali la Regione Lazio, la Provincia di Roma(Città Metropolitana) e la Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e come main sponsor la Italcementi Group. Alle ore 18.30, presso il Museo Archeologico del Territorio Toleriense ci sarà l’inaugurazione della Mostra: “Il ‘Tesoro’ dei Conti. Corredi, arredi personali ed altri oggetti dallo scavo del cimitero del Castello di Piombinara”. Realizzata con il contributo della Regione Lazio-Marchio di Qualità 2014.
Soddisfazione per l’apertura della Mostra “Il Tesoro dei Conti” che ha avuto luogo sabato 12 marzo presso la sala “A.Ripari” (ex sala Konver) è stata espressa dal primo cittadino Pierluigi Sanna, ad interim assessore alla Cultura: "sono estremamente felice dei risultati ottenuti fin qui dall’Assessorato alla Cultura, abbiamo realizzato più di 100 eventi cittadini che hanno riguardato la cultura e la storia della nostra città. Anche l’apertura della mostra “Il Tesoro dei Conti” ha dato lustro a Colleferro vari articoli sono apparsi nelle riviste specializzate del settore culturale Italiano”. Abbiamo iniziato ad operare su un programma specifico culturale fin dal nostro insediamento, perché sono convinto che i risultati si raggiungono con un lavoro serio e anche silenzioso, che è stato lavoro di mesi: ritengo che queste azioni siano concretezza amministrativa che porta risultati. Abbiamo in programma altre iniziative culturali di sicuro interesse. A breve sarà riaperto anche il Museo Archeologico”. All’inaugurazione sono intervenuti il sindaco del Comune di Colleferro, Pierluigi Sanna, i Consiglieri Comunali Luigi Moratti e Mario Poli, Alessandro Betori della Soprintendenza Archeologia del Lazio e dell’Etruria Meridionale e il responsabile scientifico della “Missione Archeologica di Piombinara”, Angelo Luttazzi. “Desideriamo ringraziare la Fondazione Cariplo e il Presidente Giuseppe Guzzetti, il Dott. Renzo Rebecchi , il Presidente dell’Area Vasta Carlo Vezzini e la Regione L
Tra i luoghi che - nella provincia di Frosinone - meritano una visita vi è, senza dubbio, il Museo dell'Historiale di Cassino ove è allestita una interessantissima esposizione multimediale della battaglia di Montecassino. Diretto dalla dott.ssa Jolanta Bozena Grunert, il museo è sorto con l’intento di onorare tutti i caduti di tutte le nazioni che si sacrificarono per il trionfo della pace e della libertà.