Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Ferentino. I dipendenti comunali trovano le porte del palazzo comunale aperte; una delle ipotesi è che qualcuno vi abbia trascorso la notte. Indagano i Carabinieri

10 aprile 2019

I Carabinieri della stazione di Ferentino agli ordini del mar. Raffaele Alborino, in collaborazione anche con il locale comando di Polizia Municipale, sono al lavoro in queste ore per tentare di ricostruire quanto accaduto nella notte tra martedì e mercoledì al palazzo comunale di Ferentino dove stamattina, all'orario di entrata dei dipendenti comunali, le porte di accesso al pubblico sono risultate essere aperte. Stando ad una primissima e non ancora verificata ipotesi, ieri sera qualcuno è rimasto chiuso all'interno del palazzo - non si sa bene se volontariamente o meno - e per uscire ha dato una spallata alla porta. Secondo quanto riferiscono gli inquirenti, almeno da un primo sopralluogo all'interno del palazzo non risultano esserci danneggiamenti o materiale asportato. Alla luce di quanto accaduto nelle ultime settimane nella città gigliata, comunque, i Carabinieri intendono fare piena luce sull'episodio.


 


TI POTREBBERO INTERESSARE

Ferentino. Un arresto per evasione e una denuncia per furto in una chiesa: i Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino impegnati su più fronti
Una donna 50enne di Ferentino, già censita per reati contro il patrimonio, è stata denunciata dai Carabinieri agli ordini del mar. Raffaele Alborino per il reato di truffa. Stando alle indagini dei Carabinieri, dopo essersi recata nell’attività commerciale, con artifizi e raggiri, induceva in errore la querelante - una commerciante di Ferentino - facendosi consegnare un telefono cellulare del valore di circa 300 euro, allontanandosi poi velocemente per le vie adiacenti. Le indagini sono tuttora in corso.
50 dosi di cocaina, per un totale di circa 15 grammi, è una pistola lanciarazzi modificata; è quanto rinvenuto dai Carabinieri della stazione di Ferentino agli ordini del mar. Raffaele Alborino a casa di un albanese di circa 30 anni, residente nel centro storico della città gigliata. L'uomo è stato arrestato con l'accusa di detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio e alterazione di arma comune da sparo e il suo nome è stato proposto per l'allontamento dal territorio nazionale.
E' stato arrestato questa mattina dai Carabinieri di Ferentino agli ordini del mar. Raffaele Alborino un pregiudicato residente nella zona, reo - secondo gli inquirenti - di non aver ottemperato agli obblighi di legge che prevedevano il divieto di avvicinamento a due ragazze del posto. I dettagli dell'operazione portata a compimento dai militari verranno resi noti entro il pomeriggio di oggi dal Comando provinciale dell'Arma dei Carabinieri di Frosinone.
I Carabinieri della stazione di Ferentino, intervenuti per una lite tra connazionali, hanno denunciato in stato di libertà un 43enne di nazionalità rumena ma residente a Ferentino, per minaccia e oltraggio a Pubblico Ufficiale. L'uomo, nella foga del litigio, si era rivolto con minacce e frasi oltraggiose nei confronti dei militari agli ordini del mar. Raffaele Alborino intervenuti per calmare gli animi.