Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Giovane ma determinatissima imprenditrice agricola: Fabiola Caratelli presenta la sua azienda di Ferentino

"adottiamo metodi di coltivazione biologica, rispettando i tempi naturali delle stagioni, favorendo prodotti che rispettano il loro ciclo naturale e utilizzando solo ciò che ci offre la natura" - 7 aprile 2019

Giovanissima ma responsabile, dinamica ma - allo stesso tempo - legatissima alle tradizioni: ha scelto di dedicare la sua vita alla campagna, fuggendo dalla frenesia e dal consumismo della vita cittadina. A soli 26 anni ha deciso di investire nella terra e di farlo in modo innovativo, mettendo in campo nuove conoscenze e un’attenzione particolare all’ambiente. Lei è Fabiola Caratelli, giovane e attivissima imprenditrice la cui azienda – che si chiama Soc. Agri2C ss e ha sede in via delle Vigne 3 a Ferentino - produce ortaggi ed erbe officinali a km 0, raccolte al momento per garantire la massima freschezza del prodotto, la qualità, i profumi ed il sapore. Dopo aver recuperato il terreno della sua famiglia, Fabiola segue con interesse i principi della bioarchitettura, reintroducendo sapori antichi e iniziando anche una formula di ospitalità innovativa, al cui centro ci sono le relazioni e la condivisione: "il mio obiettivo - spiega Fabiola - è offrire un prodotto salutare e di qualità, ed avere un contatto diretto con i miei clienti, magari anche tenendoli informati sull'evoluzione del prodotto che andrà a mangiare (dal seme al prodotto finale, lavorazioni, etc.). Nella mia azienda voglio offrire uno spazio verde dove ogni cliente può immergersi nella tranquillità e nei profumi che solo la Natura può dare. Voglio far provare, a chi viene in azienda a trovarmi, ciò che mi ha fatto innamorare di questo lavoro".

Fabiola, come è nato il tuo desiderio di vivere in campagna e di avviare un’attività agricola?
Ho fatto questa scelta per il forte legame che io e la mia famiglia abbiamo sempre avuto con questo luogo e per evitare che fosse abbandonato e poi perduto definitivamente. Questa forte vocazione ci ha permesso di far fronte alle difficoltà e di superare le iniziali difficoltà.

Ortaggi ed erbe officinali a km 0, ma anche cereali e frumenti nella tua azienda: che tipo di agricoltura utilizzate?
Adottiamo un'agricoltura biologica certificata seguendo alla lettera i disciplinari del bio. Utilizziamo lavorazioni tradizionali per non sconvolgere l'equilibrio della Natura, proprio per questo motivo noi utilizziamo solo ciò che la Natura ci offre. Quello che ripaga non è solo la soddisfazione del cliente ma anche la semplicità, imparare nuovamente a sorprenderti dei colori dell’alba, del profumo della frutta appena raccolta... insomma, la semplice bellezza e la percezione di sentirti parte di un tutto. Voglio far provare a chi viene a trovarmi in azienda ciò che mi ha fatto innamorare di questo lavoro: è proprio così, io ci sono capitata per caso... e mi sono subito innamorata di tutto ciò. La Natura ci offre molto, soprattutto ci insegna molto, se non sappiamo ascoltarla, dobbiamo avere rispetto di lei.

Cosa offre il mondo rurale in più rispetto alla vita cittadina?
Prima di tutto offre una vita sana, a contatto con la Natura. Abbiamo il grande privilegio di produrre buona parte del cibo che consumiamo. Il bello poi è che si lavora secondo i ritmi della natura: dalla primavera all’autunno c’è molto da fare, le giornate sono lunghe, si comincia presto e si termina molto tardi. In inverno poi, come la natura si riposa, ci riposiamo anche noi con lei.

E' un lavoro faticoso il tuo?
Forse lo è... ma è una fatica relativa; quando viene da me una mamma a prendere la verdura per fare il frullato o il brodino per il proprio figlio/a mi ripaga di tutto... o quando mi dicono che non serve che faccia pubblicità perché basta sentire e vedere come ne parlo per capire tutto l'impegno e la passione che ci metto. Ecco, queste sono le mie grandi soddisfazioni, vedere che ciò che faccio arriva ai miei clienti.

Quali sono i tuoi progetti futuri?
Mi piacerebbe, ad esempio, realizzare un laboratorio per trasformare i miei prodotti e ampliare ancora di più la mia offerta; inoltre mi piacerebbe tantissimo creare una fattoria didattica dove ospitare i bambini.

Cosa consiglieresti a chi ha un progetto simile?
Il mio consiglio è di osservare cosa succede in natura e prendere ispirazione da lei: non c’è maestra migliore. L’altro consiglio è di intraprendere questa strada solo se c’è una grande passione. Questa vita non conosce orari e programmi ma le soddisfazioni saranno tante!


L'azienda Soc. Agri2C ss di Fabiola Caratelli fa parte del gruppo di acquisto solidale (GAS) Ferentino, formato da un insieme di persone - mosse da un interesse comune - che decidono di incontrarsi per acquistare direttamente dalle aziende prodotti alimentari o di uso comune. Perché solidale? Un gruppo d’acquisto diventa solidale nel momento in cui decide di utilizzare i principi di economia solidale come criterio guida nella scelta dei prodotti. Solidarietà che parte dai membri del gruppo e si estende ai piccoli produttori che forniscono i prodotti nel rispetto dell’ambiente e della collettività. Per maggiori informazioni riguardo le attività del G.A.S. di Ferentino, ci si può iscrivere a questo gruppo di Facebook. Per avere più dettagli su ordini, listini e certificazioni delle aziende fornitrici si può inviare una mail a benvenutialfud@libero.it per essere inseriti nella newsletter settimanale.



TI POTREBBERO INTERESSARE

In settimana è stata presentata alla Camera un disegno di legge che prevede la legalizzazione della marijuana. Se passerà la proposta, ci sarà molta concorrenza anche tra le vecchiette dei mercati cittadini, non più venditrici di frutta e verdura...
Chiara, nostra affezionata lettrice che ringraziamo, ci scrive per segnalarci quanto segue: ho scattato queste foto in zona Pantanello, precisamente in via Ponte Spallato Fosso del Lupo: qui, magicamente, si sono materializzate circa 30 cassette di frutta di plastica dopo il passaggio di un venditore ambulante di frutta e verdura. Ciò è accaduto mercoledì mattina scorso, proprio quando ad Anagni c'era il mercato... spero che ci aiuterete nel diffondere questa mancanza di rispetto nei nostri confronti, in quanto sono state lasciate anche in terreni e case private. Grazie.
Congratulazioni e auguri di buon lavoro all'imprenditrice serronese Pina Terenzi - già presidente regionale Lazio - che nei giorni scorsi, al termine dell'assemblea nazionale "Donne in Campo", che si è tenuta nel corso della terza giornata Cia all'Expo di Milano, è stata eletta vicepresidente nazionale di "Donne in campo". Una soddisfazione non da poco per la dinamica imprenditrice, titolare - assieme ai familiari - di una delle più importanti aziende vitivinicole del territorio, la Cantina Giovanni Terenzi, fondata alla fine degli anni '50 dall'attuale titolare, il sig. Giovanni che oggi la dirige insieme ai suoi tre figli e alla moglie Santa.
A seguito dell'incendio avvenuto nei presis dell'ex sito industriale SNIA in territorio di Paliano lo scorso 14 marzo e della conseguente emissione in atmosfera di fumi potenzialmente pericolosi per la salute pubblica, in particolare per il quartiere di san Bartolomeo, il sindaco di Anagni avv. Daniele Natalia ha firmato questa mattina una ordinanza, la 52/2019 nella quale è fatto espressamente divieto di raccogliere ortaggi e frutta coltivati nei terreni insistenti nel territorio e nel raggio di 500 metri dal sito oggetto dell'incendio nei giorni 16 e 17 marzo; inoltre ordina di non permanere in luoghi aperti nel raggio di 500 metri dal sito dove è scoppiato l'incendio e di mantenere porte e finestre chiuse delle abitazioni. L'ordinanza - spiega il sindaco - è a tutela della pubblica e privata incolumità.
Agricoltura in ginocchio per effetto delle gelate siberiane che hanno devastato le campagne. La Coldiretti ha chiesto alla Regione Lazio di attivare la procedura per la dichiarazione dello stato di calamità naturale “anche per ottenere condizioni agevolate per il credito agrario e l’esonero parziale dei contributi previdenziali e assistenziali per gli imprenditori ed i loro dipendenti”.