Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Piglio. Venerdì 1 febbraio celebrata la festa liturgica in onore del Beato Andrea Conti; il vescovo della diocesi di Anagni-Alatri ha ricordato la signora Maria Antonietta Graziani, tragicamente venuta a mancare pochi giorni fa

3 febbraio 2019


Venerdì 1 Febbraio 2019, festa liturgica del Beato Andrea Conti, nella chiesa del convento di S. Lorenzo dei frati O.M.Conv. è stata concelebrata alle ore 10,30 una Santa Messa, presieduta dal vescovo di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa, officiata insieme a P. Giorgio Di Giorgio custode del convento di San Lorenzo e ai francescani P. Domenico Mazzucchi, P. Alessandro Pennacchi  e al diacono frate Lazzaro Longhi, animata dal coro di San Francesco diretto dal maestro Fausto Bottini, alla presenza del sindaco di Piglio avv. Mario Felli, delle sorelle della Fraternità Francescana O.F.S. Beato Andrea Conti di Piglio e dei devoti del Beato.
Il Vescovo all’inizio della Santa Messa ha ricordato il tragico incidente stradale del 31 Gennaio sulla strada Anticolana dove,  a causa del ghiaccio, è morta  Maria Antonietta Graziani di Piglio e nell’omelia, ha sottolineato i carismi del Beato che, nato da nobile famiglia ed entrato nell’O.M.Conv. si ritirò nel romitorio di S. Lorenzo, dove trascorse circa quarant’anni in un’umida grotta, in totale preghiera ed in assoluta penitenza, rifiutando la porpora cardinalizia offertagli dal nipote papa Bonifacio VIII ed ha invitato la popolazione a trarre due insegnamenti essenziali dalla vita del Beato:la ricerca del silenzio e l’adorazione.
Al termine della Santa Messa prima della benedizione il Vescovo ha letto in anteprima la sua preghiera  al Beato Andrea che verrà riportata sul retro dei santini del Beato:“O Beato Andrea, umile servo di Dio, che, pur provenendo da una delle più illustri famiglie del tuo tempo, non hai esitato a vivere il Vangelo seguendo la strada del Poverello di Assisi; e, sebbene destinato ad essere un “grande” della gerarchia cattolica, hai preferito farti piccolo, vivendo in solitudine come gli antichi asceti del deserto, aiutaci a rivestire l’umiltà e a seguire Cristo nella docile obbedienza alla Sua Parola.
Donaci la gioia del servizio del Vangelo nel servizio agli uomini nostri fratelli, a partire dalla solitudine riempita di luce per la presenza di Dio, e per gli occhi del cuore resi penetranti dalla forza della preghiera.
Fa’ che  la dedizione agli altri sia la misura colma della nostra fede.
Insegnaci la costanza nella lotta e la gioia della vittoria contro ogni forma di egoismo e di morte e contro il Nemico  che li semina a larghi mani, e che tu più volte hai sconfitto nel nome di Gesù Cristo.
Facci il dono di guardare a Maria Santissima, Madre di Dio e Madre nostra, di essere suoi devoti, come te, frequentando la strada del silenzio, del disinteresse, della fede che si nutre solo di sé stessa, accogliendo Cristo come unico Signore della nostra vita, vero Redentore dell’uomo, Crocifisso e Risorto per la nostra speranza e la salvezza del mondo”. + Lorenzo Loppa
 Senza orpelli e vana oratoria, le parole del Vescovo raggiungono veramente gli animi, scuotono i torpori dello spirito abitudinario, insegnano, incitano alla pratica di vita, spargono semi di “sapienza”che germoglieranno nella “vigna”della sua diocesi.  Il Vescovo ha dimostrato, ancora una volta, la sua disponibilità verso tutto e tutti, la sua attiva partecipazione ad ogni iniziativa, in ogni luogo, vicino ad ogni “gruppo”, tra la folla e tra meno numerosi fedeli, dimostrando di aver fatto suo, nel credere e nell’agire, quell’aggettivo dato da Gesù a se stesso “buon” pastore.  La sua presenza in quest’oasi di spiritualità francescana che reca in sé orme di santi antichi e moderni è stata motivo di gioia per le persone affezionate al convento e al Beato Andrea Conti di cui anche la roccia porta  le impronte.

Giorgio Alessandro Pacetti


TI POTREBBERO INTERESSARE

Domenica prossima 25 novembre 2018 mons. Lorenzo Loppa - vescovo della Diocesi di Anagni-Alatri - presiederà la solenne celebrazione eucaristica delle ore 11.00 in occasione della solennità di Cristo Re dell’Universo nella chiesa di Santa Maria Assunta in Acuto; la celebrazione sarà trasmessa in diretta su Rai1 a partire dalle ore 10.55 nel corso della trasmissione della domenica "A sua immagine".
Tecchiena. Una folla enorme e commossa ai funerali di Emanuele. Il ricordo commosso della mamma. Il vescovo della diocesi di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa: “non dimentichiamolo e non abbandoniamo i nostri giovani”
Ridare alla scuola il suo valore di “istituzione straordinaria e preziosa” evitando il “ruolo marginale” in cui ultimamente è stata ridotta. Tutto attraverso una politica di “alleanza” che coinvolga le parti fondamentali del discorso educativo. Questi i passaggi fondamentali di “Amiamo la scuola”, lettera alla comunità cristiana che è stata diffusa domenica 18 settembre ad Anagni dal vescovo della diocesi di Anagni-Alatri Lorenzo Loppa.
Il vescovo Mons. Lorenzo Loppa questa mattina ha celebrato la Santa messa di Natale presso l'ospedale di Alatri alla presenza del direttore sanitario Roberto Sarra, della direttrice sanitaria del Polo Frosinone Alatri la dottoressa Lucidi, di numerosi medici, del personale sanitario e dei pazienti dell'ospedale.
P: Aessandro Pennacchi ofm conv. ex parroco di San Carlo a Cave, è stato nominato dal Vescovo della Diocesi Anagni-Alatri, Mons. Lorenzo Loppa, Vicario di Trevi nel Lazio, di Filettino e di Vallepietra, in aiuto a Mons. Alberto Ponzi parroco di Trevi nel Lazio e Rettore del Santuario della SS Trinità di Vallepietra e a Mons. Alessandro Alessandri parroco di Filettino giunto alla venerabile età di 98 anni.