Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Il paese di Piglio visitato da papi, da Santi, da beati e venerabili: la nota di Giorgio Alessandro Pacetti

9 agosto 2018

Quando papa Francesco Domenica 14 Ottobre 2018, innalzerà agli onori degli altari papa Paolo VI la città di Piglio vanta il primato di averlo ospitato.

E’ presto detto:

- nel 1223 venne a Piglio San Francesco a visitare il cenobio di San Lorenzo dove si erano insediati i frati minori conventuali;

- successivamente sempre nel convento di san Lorenzo dal 1240 al 1302 è vissuto il Beato Andrea Conti ideatore del primo Giubileo indetto dal nipote Bonifacio VIII;

- nel febbraio del 1937 venne a Piglio San Massimiliano Kolbe, fondatore della milizia dell’Immacolata, a fare visita a P. Quirico Pignalberi ora venerabile;

- nel 1952 Mons. Giovanni Battista, futuro papa Paolo VI, quando al Vaticano ricopriva la carica di Pro- Segretario di Stato per gli Affari Straordinari venne a Piglio ad inaugurare la chiesetta in loc. Lapillo, dedicata a papa Pio XII;

- nel 2004 il papa polacco Giovanni Paolo II, ora San Giovanni Paolo II quando nel 2004, un anno prima della scomparsa, si ritirò per una giornata nei prati di S. Biagio a pregare dopo il periodo pasquale.

Voglio evidenziare che Mons. Giovanni Battista Montini, a ottobre futuro Santo, accettando l’invito dell’amico don Adelmo Loreti, venne a Piglio ad inaugurare una chiesetta di campagna, in località “Lapillo” edificata nel 1950 che don Adelmo, volle intitolare a Papa Pio XII, ritratto in ginocchio con il cappello papale davanti l’immagine della Madonna, affrescata nell’abside della chiesetta. (vedi foto).

All’inaugurazione della chiesetta erano presenti oltre le famiglie Loreti e Borzi che ne curano la manutenzione, i parroci di allora don Pio Appetecchia e don Orazio Cerocchi, i francescani P. Costantino Trionfera superiore del convento di S. Giovanni e P. Quirico Pignalberi, maestro dei novizi e superiore del convento di San Lorenzo, la popolazione di Piglio e una bambina di 9 anni Anna Maria Ambrosetti, nata a Piglio il 14 Ottobre 1943, che donò a Mons. Montini un serto di fiori realizzati in seta da porre come ornamento al Tabernacolo della Chiesetta. Una strana coincidenza:

Proprio il 14 Ottobre è stata la data scelta da papa Francesco per innalzare agli onori degli altari Paolo VI.

Giorgio Alessandro Pacetti

 



TI POTREBBERO INTERESSARE

La segnalazione, nei giorni scorsi, apparsa sulla stampa locale da parte dello studioso di storia locale Giorgio Alessandro Pacetti, relativa al taglio dell’erba nell’area antistante alla chiesa di san Rocco Madonna della Valle, ha sortito gli effetti desiderati.
Il Sindaco avv. Mario Felli e l’Assessorato alla Cultura avv. Francesco Fontana, hanno inserito, nella manifestazione natalizie 2018-2019, un concerto di musica classica nella splendida chiesa settecentesca francescana di San Lorenzo di Piglio come da locandina. L’appuntamento è per domenica 9 dicembre alle ore 17.00. L'ingresso è libero. Tutti sono invitati a partecipare per assistere ad una serata esclusiva ed artistica. Giorgio Alessandro Pacetti
La colpa è solo per la siccità? Nel caratteristico laghetto dell’Inzuglio è sparita l’acqua. L’amara segnalazione è sempre di Giorgio Alessandro Pacetti che con queste due foto vuole evidenziare l’accaduto. Peccato!!! Anche a Piglio, c’era una volta, come nelle fiabe un laghetto. Giorgio Alessandro Pacetti
Un gruppo di polacchi in visita a Piglio; ad accoglierli Carlo Loreti e Giorgio Alessandro Pacetti
La puntata del TGR Rai 3, che è andata in onda Sabato 12 Novembre ore 13,25, rubrica TGR Regioni e Regioni del Giubileo, ha portato nelle case degli italiani il percorso contemplativo di San Giovanni Paolo II e la storia agiografica del Beato Andrea Conti. la giornalista Karen Sarlo ha intervistato: il pastore Massimiliano Bruni che ha incontrato Papa Wojtila in loc. San Biagio, l’avv Mario Felli, sindaco di Piglio, Giorgio Alessandro Pacetti, storico di Piglio e P. Angelo Di Giorgio custode del convento e della chiesa di San Lorenzo di Piglio.