Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Piglio. Grande partecipazione ed interesse per l’incontro informativo sul trattamento della pianta di ulivo a seguito delle ultime gelate

10 aprile 2018

Grande partecipazione venerdì scorso, presso la sala polivalente del Comune di Piglio, per capire come comportarsi  a seguito dell’ondata di freddo eccezionale che ha interessato ha fine febbraio ed inizio marzo scorsi il territorio, per la coltivazione degli ulivi, per la maggior parte spogliati delle foglie. L’incontro è stato organizzato in sinergia tra il Comune di Piglio- Assessorato all’Agricoltura e la cooperativa AgriPiglio, ad aprire i lavori il Sindaco Mario Felli che ha ringraziato il consigliere Domenico Franceschetti ed il Presidente della cooperativa Maurizio Ricci per l’organizzazione. Il Sindaco Felli si è dimostrato da subito sensibile alla situazione inoltrando tra i primi Comuni della Provincia una richiesta di calamità naturale alla Regione Lazio, l’attenzione si è poi spostato sull’illustrazione tecnica curata dagli agronomi Massimiliano Frattale e Nicola Ciervo. L’incontro è stato molto costruttivo, ed ha rilasciato importanti nozioni, che i tanti produttori olivicoli presenti ne hanno fatto tesoro. Innanzi tutto è stato evidenziato che l’olivo è una pianta mediterranea e, per questo motivo, perfettamente adattata al clima omonimo, dove i veri fattori limitanti non sono di certo il freddo invernale e la neve, ma il caldo e la siccità estivi. Sebbene all’olivo non piaccia il gelo, è bene sottolineare come una certa quantità di freddo sia indispensabile per il corretto sviluppo della pianta. L’olivo, come la maggior parte delle piante delle zone temperate, ha bisogno infatti di soddisfare il cosiddetto “fabbisogno in freddo”, ovverosia deve passare un certo numero di ore, ogni inverno, al di sotto di una certa temperatura per poter vegetare e, soprattutto, fruttificare in maniera corretta. Quando allora il freddo, da fattore indispensabile per il corretto sviluppo della pianta, diventa una minaccia per le piante di olivo? Una risposta univoca non c’è, in quanto il danno da freddo dipende da molteplici fattori:  Durata dell’esposizione alle basse temperature,  Umidità dell’aria, Varietà ed età della pianta, Periodo dell’anno e relativo acclimatamento della pianta, Presenza di neve, Presenza di vento, L’esposizione e la localizzazione dell’oliveto. Dopo l’interessante excursus sul “mondo Ulivo”, la domanda posta è stata: “ma il freddo dei giorni scorsi avrà fatto danni? E quali attività fare ora?”. Gli esperti hanno suggerito di attendere ancora qualche giorno, perché sarà la pianta stessa risvegliandosi a mostrarsi, e mostrare tutte le sue carenze dovute al gelo, da lì capire come attuare la potatura più giusta e nutrire la pianta con concime a base di fosforo.  Più in generale l’iniziativa ha avuto grande plauso, consigliando di dar vita in seguito a nuovi incontri formativi sull’attività agricola.
                                   
 
 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Via al corso pratico-teorico di potatura dell'olivo, organizzato presso l'Azienda agricola Bertacco, in via Poggio Romano a Paliano. "Il corso - spiega l'Assessore alle Politiche Agricole Eleonora Campoli - rappresenta un momento di formazione e di approfondimento delle tecniche di potatura dell'olivo. E' rivolto non solo ai principianti, ma anche a chi ha intenzione di arricchire la propria esperienza e trasferirla ad altri. Un ringraziamento anticipato va al dott. Livio Perini, che si è reso disponibile per la rilevante iniziativa, in quanto l'ulivo rappresenta una delle coltivazioni più diffuse della zona, con una considerevole produzione di ottimo olio extra vergine". Le lezioni si articoleranno in tre giornate (due lezioni teoriche e una pratica), ed inizieranno lunedì 18 Gennaio alle ore 17.00.
Il territorio comunale di Acuto si estende su un territorio articolato sul monte Acuto della catena dei Monti Ernici a presidio della valle del Sacco che si estende subito sotto. Lasciando la strada che da Anagni va verso Fiuggi si sale su verso il borgo antico girando per i tornanti del monte e si possono osservare gli appezzamenti di terreno coltivati a olivo e uva. Infatti da questo territorio si deriva un ottimo olio e il famoso vino Cesanese de Piglio.
Il sindaco di Piglio Mario Felli sta redigendo la richiesta da inviare ufficialmente alla regione Lazio per lo stato di calamità naturale per il territorio del comune di Piglio, colpito dalle insolite nevicate e gelate dei giorni scorsi che hanno flagellato le campagne pigliesi, che hanno messo in seria difficoltà le aziende agricole del territorio. “E’ un atto doveroso e di vicinanza al territorio -afferma il Sindaco Felli- le forti gelate, che hanno causato nell’intero territorio comunale gravi e diffusi danni alle coltivazioni, con particolare riguardo agli ortaggi, piante da frutto ed olivi,
Il 19 e il 20 marzo marzo prossimi presso il frantoio Sperati di Serrone si terranno le lezioni del corso di potatura dell-iniziativa:
Il comune di Piglio ha deciso nei giorni scorsi di operare una vera e propria marcia indietro sulla questione della ZTL, la zona a traffico limitato che delimita il centro storico. L'amministrazione del sindaco Mario Felli ha infatti stabilito che a far data dal prossimo 1 febbraio, questi saranno gli orari della zona a traffico limitato; si potrà entrare normalmente dalle 7 alle 20, mentre la zona sarà off limits dalle 20 alle 7. Un misura, ha detto Felli, pensata per "incentivare il volume di gente che trasnsita nel centro, per stimolare il commercio e le attività economiche".