Questo sito prevede l'utilizzo di cookie. Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Ulteriori informazioni
OK

Vico nel Lazio, arrivata la relazione Carabinieri Forestali della sezione di Guarcino relativa al bilancio dell’incendio dei monti Monna e Forchetta: 1000 ettari di bosco distrutti

12 febbraio 2018

Qualche giorno fa è arrivata presso la sede del comune di Vico nel Lazio la relazione dei Carabinieri Forestali della sezione di Guarcino inerente al bilancio dell’incendio che ha interessato quest’estate i monti Monna e Forchetta.
Questa relazione si è potuta realizzare grazie al sopralluogo del 7 novembre 2017, sulle zone colpite dagli incendi, da parte   degli uomini della sezione dei Carabinieri Forestali di Guarcino, guidata dal comandante Gianluca Proietti, insieme al sindaco di Vico nel Lazio Cav. Claudio Guerriero a bordo dell’elicottero 412 dei Vigili del Fuoco di Pratica di Mare.

Il bilancio portato negli uffici comunali dagli uomini dei Carabinieri forestali è di circa 1000 ettari di bosco distrutti, questi ettari sono composti da vegetazione di basso fusto fino ad alberi di alto fusto, in particolare faggi e querce situate ai piedi dei Monti Ernici e in cima al monte Forchetta; l’incendio ha causato anche la morte di una decina di animali domestici come cavalli e mucche e di animali da selvaggina come lepri, cinghiali e qualche daino.

La conta dei danni comunque è molta alta, considerando il fatto che l'incendio si è propagato per quasi un mese, dal 6 fino al 31 Agosto, durante il quale centinaia di uomini, tra volontari e protezione civile, e numerosi mezzi come elicotteri della Regione Lazio, dei Vigili del Fuoco e i Canadair provenienti dalla Sardegna hanno cercato di domare e spegnere il vasto incendio.

Proprio nella riunione sugli incendi che si è svolta alcuni giorni fa in Prefettura è emerso che il comune più colpito dagli incendi nel 2017 è il comune di Vico nel Lazio.

Forte preoccupazione oggi è dei pastori che per i prossimi anni non potranno mandare i loro animali nei luoghi dell'incendio, perdendo cosi pascoli utili nel periodo che va dalla primavera all'autunno.

Proprio per questo iI comune di Vico nel Lazio in questi giorni sta rispondendo ad un bando della regione Lazio sul rimboschimento delle aree colpite da incendio, questo finanziamento servirà per piantare nuove piante di alto fusto in una pineta situata nei pressi del fontanile il Rendre che è andata a fuoco 3 anni fa e quindi ormai fuori dal vincolo di non piantare né tagliare piante.

 

TI POTREBBERO INTERESSARE

Questa mattina il sindaco Cav. Claudio Guerriero ha consegnato uno strumento musicale, una tromba, acquistato dall'associazione Integra Onlus ad uno dei ragazzi richiedenti asilo.
Inaugurata ieri sera - sabato due giugno - la stagione degli incendi ad Anagni; i mezzi di soccorso delle associazioni della Protezione Civile, infatti, sono dovuti intervenire in località Pantanello di Anagni poiché in una zona di campagna era stato segnalato un incendio che se non preso in tempo avrebbe potuto creare danni a persone e alle abitazioni vicine. Giunti sul posto per domare le fiamme, gli operatori volontari si sono subito resi conto che i focolai che avevano preso vigore erano diversi e in punti distanti tra loro, segno - questo - che le fiamme erano state arbitrariamente e volontariamente appiccate. Fortunatamente, la professionalità e la preparazione dei volontari è stata provvidenziale per la risoluzione della situazione.
Vigili del Fuoco e volontari del Radio Soccorso della Protezione Civile di Anagni impegnati, questa sera - tra le 21 e le 22.30 - a domare le fiamme di un incendio sviluppatosi in zona Porciano; fortunatamente le fiamme non hanno arrecato danno a persone o cose. In fumo un paio di ettari di vegetazione.
Un violento incendio si è sviluppato nel pomeriggio di domenica in via Mole di Sotto, nel popoloso quartiere periferico di Tufano; "da subito - come ci racconta Andrea, nostro affezionato lettore autore delle foto che pubblichiamo - i cittadini e un gran numero di ragazzi hanno informato la Protezione Civile e i Vigili del Fuoco, e subito dopo si sono mobilitati per spegnere le fiamme più vicine alle case o ai raccolti nelle vicinanze, mentre attendevano l'arrivo dei vigili del fuoco". L'incendio - ci informa lo stesso Andrea, che ringraziamo per la disponibilità e la solerzia - è stato spento verso le 17.55 grazie all'aiuto dei volontari e dei pompieri. Ignote, al momento, le cause che hanno portato all'incendio. Le case dell'incendio sono ingnote per il momento.
Ancora un incendio nella zona di San Bartolomeo. Nel pomeriggio di ieri gli uomini della protezione civile di Anagni sono intervenuti per spegnere le fiamme che si sono propagate nella zona.